1065px stormont parliament buildings during giro d'italia, may 2014(6)

Sono stati pubblicati i risultati del censo decennale per l’Irlanda del Nord e i risultati mostrano un cambiamento storico per la regione nata come enclave protestante filo-britannico: oltre a rilevare una crescita della popolazione che raggiunge 1,9 milioni di abitanti, il censo mostra come per la prima volta a cent’anni dalla partizione dell’isola irlandese in Irlanda del Nord i protestanti non sono più la maggioranza, nè assoluta nè relativa, scendendo al 37,3% e venendo così superati dai cattolici al 42,3%. Per quanto riguarda l’identificazione nazionale inoltre, diminuiscono coloro che si identificano come unicamente britannici, calando dal 39,9% al 31,9%, mentre la percentuale di chi si ritiene solo irlandese cresce dal 25,3 al 29,1%

Come pubblicato anche dall’emittente televisiva statale irlandese RTE:

  • la percentuale di chi è stato cresciuto come cattolico o si identifica tale è al 45,7%,
  • la percentuale di chi è stato cresciuto come protestante o si identifica tale è al 43,5%
  • la percentuale di chi non è stato cresciuto secondo alcuna religione nè si identifica in una è al 9,3%

Per quanto riguarda l’identità nazionale:

  • Il 32% si identifica come “unicamente britannico”
  • il 29% si identifica come “unicamente irlandese”
  • il 20% come “unicamente nord-irlandese
  • L’8% come “britannico e nord-irlandese”
  • L’1,8% come “irlandese e nord-irlandese”
  • Il 10% “altro”

I dati mostrano un cambiamento storico per la regione, la quale cessa di essere una enclave anglo-protestante quale era sostanzialmente stata dalla partizione dell’Irlanda. Il cambiamento demografico è ancora più rilevante considerando la situazione politica corrente, con un sentimento indipendentista in ascesa negli anni successivi alla Brexit e con il partito nazionalista di sinistra Sinn Fein per la prima volta vincitore delle elezioni nordirlandesi e largamente in testa nei sondaggi nella Repubblica d’Irlanda.

Secondo l’“Accordo del Buon Venerdì”/”Accordo di Belfast” del 10 aprile 1998 tra Repubblica d’Irlanda e Regno Unito l’Irlanda del Nord fa parte del Regno Unito e tale rimane fino a quando la maggioranza delle persone sia dell’Irlanda del Nord che della Repubblica d’Irlanda non vorrà diversamente. Se ciò dovesse accadere, i governi britannico e irlandese hanno “un obbligo vincolante” di attuare tale scelta. Nel caso i cui Sinn Fein fosse al governo contemporaneamente sia in Irlanda del Nord che nella Repubblica d’Irlanda, un referendum per l’annessione dell’Irlanda del nord alla Repubblica d’Irlanda è quindi plausibile, anche se il risultato, come visibile dai sondaggi, non vedono ancora in Irlanda del Nord una maggioranza per lasciare il Regno Unito.

image
Sondaggi in Irlanda del Nord sull’indipendenza dal Regno Unito. Sebbene il Si (“Yes”) sia cresciuto significativamente dal 2014, non è ancora una chiara maggioranza e il risultato di un referendum potrebbe comunque vedere la vittoria del No. Font e:wiki

Immagine d’apertura: foto di Stormont, il parlamento dell’Irlanda del Nord a Belfast