A breve arriverà anche in tutti gli ospedali della Toscana il Tocilizumab, il farmaco prodotto dall’azienda farmaceutica Roche per curare l’artrite reumatoide che si è rivelato capace di ridurre i problemi polmonari dei pazienti colpiti dal coronavirus.
La Toscana ha deciso di accettare l’offerta che l’amministratore delegato della Roche ha rivolto a tutte le regioni che vogliano ricevere gratuitamente questo farmaco, che non ha nessun effetto sul virus ma che allevia i danni ai polmoni.
Il presidente della Regione Toscana, Enrico  Rossi, e l’assessore regionale al diritto alla salute, Stefania Saccardi, hanno voluto ringraziare l’azienda per la disponibilità dimostrata e per la fornitura gratuita. 


Ora sarà l’Estar, l’organismo che assicura le forniture all’intero sistema sanitario regionale, a rivolgersi alla Roche per richiedere i quantitativi necessari del farmaco destinato ad essere somministrato ai soggetti più gravi e con seri problemi polmonari.

Il Tocilizumab è un anticorpo monoclonale, cioè una proteina modificata in laboratorio per agire contro l’IL6, un’altra proteina prodotta dal sistema immunitario nella fase più grave dell’infezione e dannosa per il sistema respiratorio. 

Presidente e assessore sottolineano infine come, anche grazie alla generosità della casa farmaceutica, i molti sanitari che in questi giorni si stanno prodigando per far fronte al virus, potranno avere a disposizione un presidio che potrebbe aiutare i pazienti ad uscire dalla fase più critica dell’infezione.