27.6 C
Firenze
03/08/2022
300x250

Cristoforo Colombo salpa dalla Spagna verso le Americhe

Il 3 agosto 1492 il navigatore genovese Cristoforo Colombo salpa da Palos de la Frontera diretto verso ovest, sperando di raggiungere l’Asia. Arriverà invece in America.

Nato nel 1451 da una famiglia di gestori di un azienda tessile prima e di un osteria poi, Colombo, marinaio sin da giovane,basandosi sulle carte geografiche del fratello (residente in Spagna), sui racconti dei marinai e sui reperti (canne, legni e altro) trovati al largo delle coste delle isole del “Mare Oceano” (l’Atlantico), cominciò già dagli anni 70 del 400′ a convincersi che al di là delle Azzorre dovesse esserci una terra e che questa non potesse essere altro che l’Asia. A Lisbona Colombo cominciò a documentarsi e a leggere testi geografici come l’Historia rerum ubique gestarum di papa Pio II stampata nel 1477, l’Imago mundi di Pierre d’Ailly (1480) e Il Milione di Marco Polo. Una notevole influenza sulla decisione poi presa da Colombo dovette esercitare una lettera che nel 1474 Paolo Toscanelli indirizzò al canonico di Lisbona Fernando Martins de Reriz, in risposta al quesito postogli da Alfonso V del Portogallo attraverso lo stesso canonico. Nella missiva, che è quasi certo che Colombo avesse conosciuto, il fisico fiorentino riteneva percorribile una rotta verso ovest per raggiungere l’India.

Colombo incontrò il re Giovanni II di Portogallo nel 1483 chiedendogli di finanziare la sua spedizione, ma il re rifiutò. Così, Colombo tentò in seguito, nel 1486, di convincere i reali di Spagna, Isabella di Castiglia e Ferdinando di Aragona. Inizialmente i reali rifiutarono, e accettarono solo anni dopo.

La somma necessaria per l’armamento della flotta, pari a 2 000 000 di maravedí, sarebbe stata versata metà dalla corte e metà da Colombo, finanziato da un istituto di credito genovese, il Banco di San Giorgio e dal mercante fiorentino Giannotto Berardi. Si trattava, in realtà, di una somma modesta anche per quei tempi: si calcola, infatti, che quella che si sarebbe rivelata come una delle più importanti spedizioni della storia umana, fu finanziata con una spesa complessiva variabile fra gli attuali 20 000 e 60 000 €. Dopo la firma Colombo lasciò la città il 12 maggio, quando era già deciso il luogo di partenza, Palos. Furono così allestiti tre velieri (di norma definiti caravelle), di cui due – la Santa Maria e la Pinta – dotati di alberi a vele quadre e uno – la Niña – dotato di vela latina (quindi tecnicamente non navi dal punto di vista velico, perché non dotate di tre alberi a vele quadre)

La partenza avvenne alle sei del mattino del 3 agosto 1492 da Palos de la Frontera, con rotta verso le Isole Canarie per sfruttare i venti. Il 6 agosto si ruppe il timone della Pinta e si credette a un’opera di sabotaggio, quindi furono costretti a uno scalo di circa un mese a La Gomera per le necessarie riparazioni. Le tre navi ripresero il largo il 6 settembre spinte dagli alisei, dei quali Colombo conosceva l’esistenza. A partire dal giorno 17 si osservò con stupore il fenomeno assolutamente sconosciuto della declinazione magnetica: la bussola indicava il polo magnetico distaccandosi sempre più dal nord geografico, col rischio di allontanare le navi dalla loro rotta.

La mattina del 12 ottobre le caravelle riuscirono a trovare un varco nella barriera corallina e gli equipaggi riuscirono a sbarcare su un’isola chiamata, nella lingua locale, Guanahani, che Colombo battezzò con il nome di: Isola di San Salvador; l’identità moderna di questa isola corrisponde, presumibilmente, con quella di un’isola delle Bahamas.

Colombo molto probabilmente non fu il primo europeo ad arrivare nel Nord America. I vichinghi ci arrivarono quasi certamente prima. Non fu neanche colui che si rese conto di essere arrivato alle porte di un continente completamente nuovo. Fino alla morte Colombo ritenne di essere arrivato in Asia, fu Amerigo Vespucci a capire per primo che i nuovi territori scoperti erano parte di un continente mai visto prima, da lui deriva infatti il nome dato al nuovo mondo, America.

Immagine d’apertura: ritratto postumo di Cristoforo Colombo di Sebastiano del Piombo, 1519

Bibliografia e fonti varie

  • (EN) Henry Mills Alden, Harper’s new monthly magazine, vol. 84, numeri 499-504, Harper & Brothers, 1892, ISBN non esistente.
  • Roberto Almagià, Cristoforo Colombo visto da un geografo, a cura di Osvaldo Baldacci, Firenze, L.S. Olschki, 1992, ISBN non esistente.
  • Isaac AsimovEsplorando la Terra e il Cosmo, Milano, Mondadori, 1983, ISBN non esistente.
  • Joao de BarrosL’Asia, Vincenzo Valgrisio, 1562, ISBN non esistente.
  • (EN) Janet Benge, Geoff Benge, Christopher Columbus: across the ocean sea, YWAM Publishing, 2005, ISBN 978-1-932096-23-1.
  • Vincent Bernard, S. Vacca, Pier Luigi Crovetto, Perché l’Europa ha scoperto l’America, EDT srl, 1992, ISBN 978-88-7063-151-7.
  • Giovanni Bossi, Immaginario di viaggio e immaginario utopico: dal sogno del paradiso in terra al mito del buon selvaggio, Mimesis Edizioni, 2003, ISBN 978-88-8483-159-0.
  • Michele Giuseppe CanaleVita e viaggi di Cristoforo Colombo: preceduti da una storica narrazione del commercio, della navigazione e delle colonie degli antichi e degl’Italiani del medio evo nell’Asia nell’Africa prima di lui, A. Bettini, 1863, ISBN non esistente.
  • Michele Giuseppe Canale, Cristoforo Colombo e le sue ceneri, Tip. di G. Ricci, 1892, ISBN non esistente.
  • Christophe Colomb, Raccolta completa degli scritti di Cristoforo Colombo ad illustrare e documentare la scoperta dell’America, 1864, ISBN non esistente.
  • Cristoforo Colombo, Dai Diari di bordo, Guaraldi, ISBN 978-88-8049-384-6.
  • Giotto Dainelli, Gli esploratori italiani in Africa, Volume 1, Unione tipografico-editrice torinese, 1960, ISBN non esistente.
  • Fernando Colón, Alfonso de Ulloa, Rinaldo Caddeo, Historie della vita e dei fatti di Cristoforo Colombo, Erre emme, 1990, ISBN non esistente.
  • Abel Fontoura Costa, A Marinharia dos descobrimentos: por A. Fontoura da Costa, 3ª edizione, Agência Geral do Ultramar, 1960, ISBN non esistente.
  • Bartolomé de las Casas, Vida de Cristóbal Colón, Fundacion Biblioteca Ayacuch, 1992, ISBN 978-980-276-185-2.
  • Bartolomé de las Casas, Historia de las Indias, Vol. I, capitolo II, Città del Messico, Agustín Millares Carlo editore, 1951, ISBN 978-980-276-185-2.
  • Miles H. Davidson, Columbus then and now: a life reexamined, University of Oklahoma Press, 1997, ISBN 978-0-8061-2934-1.
  • Cesare de Lollis, Vita di Cristoforo Colombo, Fratelli Treves, 1895, ISBN non esistente.
  • Robin Santos Doak, Christopher Columbus: Explorer of the New World, Compass Point Books, 2006, ISBN 978-0-7565-1057-2.
  • Cristoforo Colombo, I diari di bordo, a cura di Maria Luisa Fagioli, Edizioni Studio Tesi, 1992, ISBN 978-88-7692-330-2.
  • Pino Farinotti, Rossella Farinotti, Il Farinotti 2010, Newton Compton, 2009, ISBN 978-88-541-1555-2.
  • Ettore Finazzi-Agrò, Maria Caterina Pincherle, La cultura cannibale: Oswald de Andrade: da Pau-Brasil al Manifesto antropofago, Meltemi Editore, 1999, ISBN 978-88-86479-79-0.
  • Luigi Colombo, Gian Francesco Galleani Napione, Vincenzo de Conti, Patria e biografia del grande ammiraglio D. Cristoforo Colombo: de’ conti e signori di Cuccaro, castello della Liguria nel Monferrato, scopritor dell’America, Tipografia Forense, 1857, ISBN non esistente.
  • Francesco GuicciardiniL’Historia d’Italia, Apresso Lorenzo Torrent, 1561, ISBN non esistente.
  • Gaetano Ferro, Le navigazioni lusitane nell’Atlantico e Cristoforo Colombo in Portogallo, 2ª edizione, Mursia, 1984, ISBN 978-88-7063-151-7.
  • Alessandro GeraldiniItinerarium ad Regiones Sub Aequinoctiali Plaga Constitutas, a cura di Enrico Menestò, ristampa anastatica per conto dell’Assessorato alla Istruzione e Cultura della Regione Umbria, Todi, Tipografia Artigiana Tuderte, 1992, ISBN non esistente.
  • Gianni Granzotto, Cristoforo Colombo, Ugo Mursia editore, 2010, ISBN 978-88-425-4493-7.
  • (EN) Linda Biesele Hall, Teresa Eckmann, Mary, mother and warrior: the Virgin in Spain and the Americas, University of Texas Press, 2004, ISBN 0-292-70595-6.
  • Arthur Helps, Vita di Cristoforo Colombo, G. Barbèra Editore, 1870, ISBN non esistente.
  • (EN) David P. Henige, Numbers from nowhere: the American Indian contact population debate, University of Oklahoma Press, 1998, ISBN 978-0-8061-3044-6.
  • (EN) Henry L. Hunker, Columbus, Ohio: a personal geography, Ohio State University Press, 2000, ISBN 978-0-8142-0857-1.
  • Washington Irving, Christopher Columbus, Wordsworth Editions, 2008, ISBN 978-1-84022-069-8.
  • Washington Irving, A history of the life and voyages of Christopher Columbus, G. & C. Carvill, 1828, ISBN non esistente.
  • Washington Irving, Viaggi e scoperte dei compagni di Colombo, Tip. di P.A. Molina, 1842, ISBN non esistente.
  • (EN) Max Yeh, The beginning of the east, University of Alabama Press, 1992, ISBN 978-0-932511-63-8.
  • (EN) James W. Loewen, Lies My Teacher Told Me, New Press, 2008, ISBN 1-59558-326-2.
  • Roselly de Lorgues, Tullio Dandolo, Cristoforo Colombo: storia della sua vita e dei suoi viaggi sull’appoggio di documenti autentici raccolti in Ispagna ed in Italia del conte Roselly de Lorgues, Volpato e comp., 1857, ISBN non esistente.
  • Elena Malaspina, Ars temperans, D.AR.FI.CL.ET, 1988, ISBN non esistente.
  • Christopher Columbus, Clements R. Markham, Cambridge University Press, 2010, Journal of Christopher Columbus (During His First Voyage, 1492-93): And Documents Relating the Voyages of John Cabot and Gaspar Corte Real, ISBN 978-1-108-01284-3.
  • Dario G. Martini, Cristoforo Colombo tra ragione e fantasia (seconda edizione), p. 435, ECIG, 1987, ISBN 978-88-7545-203-2.
  • K. M. Mathew, S. Vacca, Pier Luigi Crovetto, Mittal Publications, 1988, History of the Portuguese navigation in India, 1497-1600, ISBN 978-81-7099-046-8.
  • Daniela Mazzon (a cura di), 1992 – 1492. Dalla realtà alla storia, p. 127, Isonomia editrice, Este, 1992, ISBN 88-85944-05-1.
  • (EN) Samuel Eliot Morison, The European Discovery of America: The northern voyages, A.D. 500-1600, (ristampa), Oxford University Press, 1993, ISBN 978-0-19-508271-5.
  • (EN) Samuel Eliot Morison, Admiral of the Ocean Sea: A Life of Christopher Columbus, Boston, Little, Brown and Company, 1942, ISBN non esistente.
  • Marina Münkler, Marco Polo: vita e leggenda, Vita e Pensiero, 2001, ISBN 978-88-343-0124-1.
  • Gian Francesco Galleani Napione, Della patria di Cristoforo Colombo, Presso Molini, Landi e comp., 1808, ISBN non esistente.
  • (EN) John Noble, Susan Forsyth, Vesna Maric, Andalucía, Lonely Planet, 2007, ISBN 1-74059-973-X.
  • (EN) William D. Phillips, Carla Rahn Phillips, The Worlds of Christopher Columbus, ristampa, Cambridge University Press, 1993, ISBN 978-0-521-44652-5.
  • Const Reta, Vita di Cristoforo Colombo, Volpato e comp, 1846, ISBN non esistente.
  • Marino Ruggero, L’uomo che superò i confini del mondo, Sperling & Kupfer, 2010, ISBN 978-88-200-4912-6.
  • (EN) Roberto Rusconi, The Book of Prophecies, edited by Christopher Columbus, trans. Blair Sullivan, University of California, 1997, ISBN non esistente.
  • Angelo Sanguineti, Vita di Cristoforo Colombo, Presso A. Bettolo, 1846, ISBN non esistente.
  • Angelo Sanguineti, Vita di Cristoforo Colombo, 2ª edizione, Tip. del R. Istituto sordo-muti, 1891, ISBN non esistente.
  • Giambattista Spotorno, Della origine e della patria di Cristoforo Colombo, Presso Andrea Frugoni, 1819, ISBN non esistente.
  • Giovanni Battista Spotorno (a cura di), Codice diplomatico Colombo-americano: ossia, raccolta di documenti originali e inediti, spettanti a Cristoforo Colombo alla scoperta ed al governo dell’America, Della stamperia Ponthenier, 1823, ISBN non esistente.
  • Francesco Tarducci, Vita di Cristoforo Colombo, Fratelli Treves, 1885, ISBN non esistente.
  • Torquato TassoGerusalemme liberata, Coi caratteri di P. Didot il Magg., 1812, ISBN non esistente.
  • Paolo Emilio TavianiCristoforo Colombo: la genesi della grande scoperta, Istituto geografico De Agostini, 1982, ISBN non esistente.
  • Paolo Emilio Taviani, I viaggi di Colombo: la grande scoperta, Vol. 2, Istituto geografico De Agostini, 1984, ISBN non esistente.
  • Gustavo Uzielli, Toscanelli, Colombo e la leggenda del pilota, Tipografia M. Ricci, 1902, ISBN non esistente.
  • Consuelo Varela, La caída de Cristóbal Colón: el juicio de Bobadilla, Marcial Pons Historia, 2006, ISBN 978-84-96467-28-6.
  • Henry Vignaud, Paolo del Pozzo Toscanelli, Ayer Publishing, 1902, Toscanelli and Columbus: The letter and chart of Toscanelli on the route to the Indies by way of the west, sent in 1474 to the Portuguese, Ferman Martins, and later on to Christopher Columbus; a critical study … followed by the various texts of the letter, with translations … (ristampa), ISBN 978-0-8369-5717-4.
  • Fausto De Sanctis, Cesare De Lollis e la cultura del suo tempo. Cristoforo Colombo, La vita accademica, L’Abruzzo, 1992, Vecchio Faggio, Chieti, ISBN 88-7113-093-6.
  • David E. Stannard, Olocausto Americano. La conquista del Nuovo Mondo, Bollati Boringhieri, 2001, ISBN 88-339-1362-7.
  • David Cooke Noble, Nicolás de Ovando, in Encyclopedia of Latin American History and Culture, vol.4, New York, Charles Scribner’s Sons, 1996, p. 254.