Drastico aumento di modelle e modelli che pubblicano i loro video porno, fatti in casa o comunque amatoriali, sulla piattaforma PornHub. Lo rivelato i dati della fine di marzo, pubblicati da PornHub.com e relativi, in sostanza, a gran parte del pianeta. Diverse migliaia i video porno autoprodotti in Italia e caricati nel tempo.
La pandemia spinge le persone a rimanaere a casa ed è questo un primo motivi per il quale aumentano le performance erotiche, in solitudine o in coppia, sotto la videocamera domestica.

Ma c’è di più. Almeno 150.000 persone, oltre a temere il rischio del contagio e a rimanere a casa, si sono ritrovate a dover fare i conti col bilancio in questa maniera: pubblicando video porno a pagamento.

Oltre 150.000 modelli verificati caricano i propri video su Pornhub in modo che possano essere pagati ogni volta che vengono visualizzati. Più tempo a casa significa più tempo per fare porno fatti in casa, quindi nelle ultime settimane c’è stato un aumento dei nuovi caricamenti video da modelli verificati.

Rispetto a un periodo medio precedente alla pandemia, i caricamenti giornalieri dai modelli sono ora aumentati di oltre il 30%.

Questo primo grafico mostra i caricamenti di video a pagamento, quali modelli possono scegliere di vendere ai propri fan a qualunque prezzo scelgano. Per aiutare a supportare i nostri modelli verificati in questo momento difficile, Pornhub offrirà loro un pagamento del 100% per l’intero mese di aprile.

I modelli verificati possono anche scegliere di caricare video supportati da pubblicità che possono essere visualizzati gratuitamente per gli utenti di Pornhub, ma i modelli ricevono la maggior parte delle entrate pubblicitarie, spiega infine PornHub.