Debutta King Kong

Il 2 marzo 1933 King Kong debutta nelle sale in New York City al Radio City Music Hall e al RKO Roxy. Prodotto dalla RKO Pictures, da subito è un successo e darà seguito a vari sequel e remake.

La trama del film racconta la storia di un’enorme creatura simile a un gorilla soprannominata Kong che muore nel tentativo di possedere una bellissima giovane donna (Wray). Cliccare qui per il collegamento al trailer del film su YouTube.

Prima che King Kong entrasse in produzione, esisteva una lunga tradizione di film sulla giungla e, sia drammatici che documentari, tali film (ad esempio Stark Mad) generalmente aderivano a uno schema narrativo che seguiva un esploratore o uno scienziato nella giungla per testare una teoria solo per scoprire qualche mostruosa aberrazione nel sottobosco. In questi film, la conoscenza scientifica poteva essere sovvertita in qualsiasi momento, ed era questo che forniva al genere la sua vitalità e il suo fascino.

All’inizio del XX secolo, pochi zoo avevano mostre di primati, quindi c’era una richiesta popolare di vederli nei film. All’inizio del secolo, i fratelli Lumière avevano inviato documentaristi cinematografici in luoghi che gli occidentali non avevano mai visto, e Georges Méliès ha utilizzato la fotografia truccata nelle fantasie cinematografiche che lo prefiguravano a King Kong. I film sulla giungla furono lanciati negli Stati Uniti con Beasts in the Jungle (1913), e la popolarità del film generò immagini simili come Tarzan of the Apes (1918). The Lost World (1925), ha fatto la storia del cinema con effetti speciali di Willis O’Brien e una troupe che in seguito avrebbe lavorato su King Kong. Il produttore di King Kong Ernest B. Schoedsack ha avuto precedenti esperienze con le scimmie dirigendo Chang: A Drama of the Wilderness (1927), anche con Merian C. Cooper, e Rango (1931), entrambi protagonisti di scimmie in ambienti autentici della giungla. Sfruttando questa tendenza, Congo Pictures ha poi pubblicato il documentario falso Ingagi (1930), pubblicizzando il film come “un autentico documento di celluloide incontestabile che mostra il sacrificio di una donna vivente a un gorilla mammut“. Il film è stato un successo immediato e, secondo alcune stime, è stato uno dei film di maggior incasso degli anni ’30 con oltre $ 4 milioni. Sebbene Cooper non abbia mai elencato Ingagi tra le sue influenze per King Kong, è stato a lungo ritenuto che la RKO abbia dato il via libera a Kong a causa dell’esempio di fondo di Ingagi e della formula che “i gorilla e le donne sexy in pericolo equivalgono a enormi profitti“.

King Kong ha debuttato al Radio City Music Hall da 6.200 posti a New York City e al RKO Roxy da 3.700 posti dall’altra parte della strada giovedì 2 marzo 1933. Il film è stato preceduto da uno spettacolo teatrale chiamato Jungle Rhythms. Folle erano in fila intorno all’isolato il giorno dell’apertura, i biglietti avevano un prezzo compreso tra 0.35 e 0.75 dollari e, nei suoi primi quattro giorni, ognuno dei dieci spettacoli al giorno di King Kong era esaurito, stabilendo un record assoluto record di presenze per un evento al coperto. Durante il periodo di quattro giorni, il film ha incassato 89.931 dollari.

Il film ha avuto la sua prima mondiale ufficiale il 23 marzo 1933 al Grauman’s Chinese Theatre di Hollywood. La “grande testa in busto” è stata collocata nel cortile del teatro e uno spettacolo in diciassette atti ha preceduto il film con La danza della scimmia sacra eseguita da una troupe di ballerini afroamericani di punta. Il cast e la troupe di Kong hanno partecipato e Wray ha pensato che le sue urla sullo schermo fossero fonte di distrazione ed eccessive. Il film è uscito a livello nazionale il 10 aprile 1933 e in tutto il mondo il giorno di Pasqua a Londra, in Inghilterra. Fu ripubblicato nel 1938, 1942, 1946, 1952 e 1956, quest’ultimo a seguito di una trasmissione televisiva di successo su WOR-TV.

Il film è stato un successo al botteghino, guadagnando circa 5 milioni di dollari in tutto il mondo alla sua uscita iniziale, con un weekend di apertura stimato a 90.000 dollari. Le entrate sono diminuite fino al 50% nella seconda settimana di uscita del film a causa del “giorno festivo” nazionale chiamato nei primi giorni in carica del presidente Franklin D. Roosevelt. Durante la prima riproduzione del film, ha realizzato un profitto di 650.000 dollari. Prima della ristampa del 1952, si dice che il film avesse noleggi in tutto il mondo per 2.847.000 di dollari di cui 1.070.000 da Stati Uniti e Canada e profitti per 1.310.000. Dopo la riedizione del 1952, Variety ha stimato che il film avesse incassato altri 1,6 milioni di dollari negli Stati Uniti e in Canada, portando il suo totale a 3,9 milioni di dollari in noleggi interni cumulativi (Stati Uniti e Canada). I profitti della riedizione del 1952 furono stimati dallo studio in 2,5 milioni di dollari

Il film di King Kong del 1933 e il personaggio hanno ispirato varie imitazioni e seguiti. Son of Kong (Figlio di kong), un sequel diretto del film del 1933, è uscito nove mesi dopo l’uscita del primo film. All’inizio degli anni ’60, la RKO aveva concesso in licenza il personaggio di King Kong allo studio giapponese Toho il quale ha prodotto due film di King Kong, King Kong vs. Godzilla e King Kong Escapes.

Nel 1976, il produttore italiano Dino De Laurentiis pubblicò la sua versione di King Kong, un remake moderno del film del 1933, seguito da un sequel nel 1986 intitolato King Kong Lives. Nel 2005, la Universal Pictures ha pubblicato un altro remake di King Kong, diretto da Peter Jackson. Legendary Pictures e Warner Bros.hanno rilasciato un film reboot di Kong intitolato Kong: Skull Island nel 2017, diretto da Jordan Vogt-Roberts ed è il secondo capitolo di MonsterVerse di Legendary, con un sequel intitolato Godzilla vs. Kong diretto da Adam Wingard che dovrebbe uscire a marzo 2021, che segna la seconda volta che Kong combatte contro Godzilla.

Immagine d’apertura: locandina originale del film

Bibliografia