Dice di essere in attesa della moglie ma è scapolo. Multato a Viareggio

Alla domanda che cosa facesse distante da casa, ha risposto che stava aspettando che la moglie uscisse da una vicina farmacia. Peccato per lui che fosse scapolo, condizione che i poliziotti del commissariato di Viareggio hanno verificato in pochi istanti. Da qui, la multa, una delle 25 per violazione al Dpcm che gli agenti viareggini hanno redatto nelle ultime ore. Fantasiose o assolutamente semplici anche altre scuse trovate, sul momento, da chi appare decisamente stanco di rimanere a casa: a spasso con il cane in pineta; in tre a bordo della medesima autovettura o in due a bordo del medesimo scooter solo per fare un giro; acquisto di beni non di prima necessità; corsetta molto lontano da casa.

I controlli, effettuati anche con pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine di Firenze, sono stati ulteriormente intensificati in questi giorni e su tutto il territorio di competenza del commissariato: Viareggio, Torre del Lago, Camaiore, Lido di Camaiore, Massarosa, con tutte le limitrofe zone marine e di campagna. I controlli saranno ulteriormente rafforzati nelle giornate di Pasqua e Pasquetta, anche mediante videoriprese effettuate da personale della polizia scientifica.