Dove il telefonino non prende. I paesi toscani senza copertura

Premio letterario Raccontami una storia

Ci sono frazioni, paesi e località in Toscana dove telefonare con un cellulare può diventare davvero complicato e navigare su internet con uno smartphone ancora di più. Territori con poco segnale, a volte completamente al buio. «Un problema – sottolinea l’assessore alla presidenza e al rapporto con gli enti locali, Vittorio Bugli – sul quale però la Regione non ha competenze. È un caso diverso dalla fibra ottica per la quale abbiamo potuto investire in prima persona nei territori dove il mercato non investe».

Ma quali sono i posti dove il cellulare non prende? Un primo elenco di Comuni con frazioni dove il cellulare non prende ha provato a farlo Uncem nazionale, l’Unione dei comuni montani, anche se il disagio non riguarda solo la montagna. Sarebbero 1220, secondo la ricerca effettuata, i comuni con problemi di segnale in tutta Italia: trentasette in Toscana. Ma è probabilmente un censimento per difetto. I dati dei gestori si basano infatti sulla copertura per popolazione, che oggi arriva in Italia fino al 95 per cento di abitanti. Ma il 5 per cento che rimane fuori vive e si distribuisce nel 15 per cento del territorio nazionale e poiché si tratta di telefonia mobile il dato non è irrilevante. Già con le segnalazioni giunte nel tempo agli uffici della Regione, sommate a quelle di Uncem, i comuni toscani dove risulta problematico telefonare o navigare su internet con il cellulare arrivano a 42.

Nei 42 comuni toscani che segnalano disagi ci sono zone completamente al buio ed altre dove il segnale arriva a sprazzi o è debolissimo: un problema per chi ci vive ma anche per lo sviluppo turistico e economico di quei territori, per le aziende ma anche per la sicurezza.

A Fosdinovo in Lunigiana, borgo che d’estate raddoppia la propria popolazione, bandiera arancione, il 70 per cento del territorio è privo di segnale. Lo denuncia la sindaca Camilla Bianchi, che racconta come anche la protezione civile incontri problemi. “C’era bisogno di fare rete” commenta.

L’assessore Ivano Sensi di Badia Tedalda cita il caso dell’enclave in Romagna della.frazione di Ca’ Raffaello 359 abitanti e completamente isolata.

Molti operatori già propongono il 5G, l’ultima frontiera delle telefonia mobile che consente uno scambio di dati ancora più veloce, ma ci sono aree dove ancora non arriva il 4G.

I quarantadue comuni attraversano tutte e dieci le province: nessuna è esclusa. Se a Prato e a Livorno i casi segnalati sono però solo uno (Montepiano nel comune di Vernio, dove la copertura è limitata a due gestori, e Suvereto, che presenta problemi diffusi), se a Pisa solo due comuni parrebbero avere problemi (Crespina Lorenza e Castelfranco di Sotto), maggiore è la concentrazione a Lucca e a Massa-Carrara (sette comuni per ciascuna province) ma anche nella città metropolitana di Firenze (sei comuni) e a Siena (altrettanti).