16.4 C
Firenze
07/05/2022
banner scelta green 300x250

Eseguita Nona Sinfonia di Beethoven

Il 7 maggio 1824 a Vienna viene eseguita per la prima volta la Nona Sinfonia del celebre musicista e compositore Ludwig Van Beethoven.

La Philharmonic Society di Londra aveva commissionato originariamente la sinfonia nel 1817. Il lavoro di composizione principale fu svolto tra l’autunno 1822 e il completamento dell’autografo nel febbraio 1824. La sinfonia è emersa da altri brani di Beethoven che, pur essendo opere completate a pieno titolo, sono anche in un certo senso “schizzi” (abbozzi) per la futura sinfonia. La fantasia corale del 1808, op. 80, fondamentalmente un movimento di concerto per pianoforte, porta un coro e solisti vocali verso la fine per il climax. Le forze vocali cantano un tema suonato per la prima volta strumentalmente, e questo tema ricorda quello corrispondente nella Nona Sinfonia.

Andando più indietro, una versione precedente del tema Fantasia Corale si trova nella canzone “Gegenliebe ” (Amore Ritornato) per pianoforte e voce acuta, che risale a prima del 1795. Secondo Robert W. Gutman, l’Offertorio in re minore di Mozart, “Misericordias Domini”, K. 222, scritto nel 1775, contiene una melodia che prefigura il celebre “Inno alla gioia”.

Sebbene la maggior parte delle sue opere principali fosse stata presentata in anteprima a Vienna, Beethoven desiderava che la sua ultima composizione fosse eseguita a Berlino il prima possibile dopo averla finita, poiché pensava che il gusto musicale a Vienna fosse stato dominato da compositori italiani come Rossini. Quando i suoi amici e finanziatori lo hanno sentito, lo hanno esortato a presentare in anteprima la sinfonia a Vienna sotto forma di una petizione firmata da un certo numero di importanti mecenati e artisti viennesi.

Il Theater am Kärntnertor a Vienna nel 1830, dove Beethoven ha eseguito per la prima volta la Nona Sinfonia in pubblico

Beethoven rimase lusingato dall’adorazione di Vienna, così la Nona Sinfonia fu rappresentata per la prima volta il 7 maggio 1824 al Theater am Kärntnertor di Vienna insieme all’ouverture La Consacrazione della Casa (Die Weihe des Hauses) e tre parti della Missa solemnis (il Kyrie, Credo e Agnus Dei). Questa è stata la prima apparizione sul palco del compositore in 12 anni; la sala era gremita di un pubblico impaziente e di numerosi musicisti.

La prima esecuzione pubblica della Sinfonia n. 9 ha coinvolto la più grande orchestra mai assemblata da Beethoven e ha richiesto gli sforzi combinati dell’orchestra della casa Kärntnertor, della Società musicale di Vienna (Gesellschaft der Musikfreunde) e di un gruppo selezionato di abili dilettanti. Sebbene non esista un elenco completo dei migliori artisti, si sa che molti degli artisti più d’élite di Vienna hanno partecipato.

Sebbene lo spettacolo sia stato ufficialmente diretto da Michael Umlauf, il maestro di cappella del teatro, Beethoven ha condiviso il palco con lui. Tuttavia, due anni prima, Umlauf aveva assistito al tentativo del compositore di dirigere una prova generale della sua opera Fidelio terminata in un disastro. Quindi questa volta ha incaricato i cantanti e i musicisti di ignorare Beethoven, quasi completamente sordo. All’inizio di ogni parte, Beethoven, che sedeva vicino al palco, ha dato i tempi. Stava girando le pagine della sua partitura e battendo il tempo per un’orchestra che non poteva sentire.

Ci sono una serie di aneddoti sulla premiere della Nona Sinfonia. Sulla base della testimonianza dei partecipanti, ci sono suggerimenti che Beethoven fosse poco riposato (c’erano solo due pause complete) e piuttosto imperfetto nell’esecuzione. D’altra parte, la prima è stata un grande successo. In ogni caso, non era colpa di Beethoven, come ha ricordato il violinista Joseph Böhm:

Beethoven stesso ha condotto, cioè, si è messo davanti alla tribuna di un direttore d’orchestra e si è lanciato avanti e indietro come un pazzo. Un momento si erto in tutta la sua altezza, quello successivo si è accucciato a terra, si agitava con mani e piedi come se volesse suonare tutti gli strumenti e cantare tutte le parti del ritornello. — La direzione effettiva era nelle mani di [Louis] Duport ; noi musicisti abbiamo seguito solo la sua bacchetta.”

Quando il pubblico ha applaudito – le testimonianze sono diverse se alla fine dello scherzo o della sinfonia – Beethoven ancora dirigeva. Per questo motivo, la contralto Caroline Unger si è avvicinata e ha girato Beethoven perchè accettasse le ovazioni e gli applausi del pubblico. Secondo il critico del Theater-Zeitung, “il pubblico ha accolto l’eroe musicale con il massimo rispetto e simpatia, ha ascoltato le sue meravigliose e gigantesche creazioni con la massima attenzione ed è scoppiato in un applauso festoso, spesso durante le sezioni, e ripetutamente alla fine di esse. ” Il pubblico lo ha acclamato con standing ovation cinque volte; c’erano fazzoletti per aria, cappelli e mani alzate, in modo che Beethoven, che sapevano non potesse sentire gli applausi, potesse almeno vedere le ovazioni.