14.3 C
Firenze
08/04/2022
720x70 estra banner

Formata l’Intesa Cordiale

L’8 aprile 1904 viene firmata una serie di accordi tra Regno Unito e Francia nota come Entente Cordiale (Intesa Cordiale), un primo passo decisivo verso la Triplice Intesa, che nascerà dopo l’accordo franco-russo del 1907, la quale sarà uno dei due principali schieramenti nella prima guerra mondiale.

Il termine francese Entente Cordiale deriva da una lettera scritta nel 1843 dal ministro degli Esteri britannico Lord Aberdeen a suo fratello, in cui menzionava “una cordiale, buona intesa” tra le due nazioni di Regno Unito e Francia. Questo è stato tradotto in francese come Entente Cordiale e utilizzato da Luigi Filippo I alla Camera francese quell’anno. Nell’uso di oggi il termine denota quasi sempre la seconda Entente Cordiale, ovvero l’accordo scritto e in parte segreto firmato a Londra tra le due potenze l’8 aprile 1904.

L’accordo è stato un cambiamento per entrambi i paesi. La Francia era stata isolata dalle altre potenze europee, principalmente a seguito degli sforzi del cancelliere tedesco Otto von Bismarck per allontanare la Francia da potenziali alleati, poiché si pensava che la Francia potesse cercare vendetta per la sua sconfitta nella guerra franco-prussiana del 1870 –71. La Gran Bretagna aveva mantenuto una politica di “splendido isolamento” nel continente europeo per quasi un secolo, intervenendo negli affari continentali solo quando era ritenuto necessario proteggere gli interessi britannici e mantenere l’equilibrio continentale del potere. La situazione per entrambi i paesi è però cambiata nell’ultimo decennio del XIX secolo.

Il cambiamento aveva le sue radici in una perdita di fiducia britannica dopo la seconda guerra boera e in un crescente timore che il paese fosse isolato di fronte a una Germania potenzialmente aggressiva. Già nel marzo 1881, lo statista francese Léon Gambetta e il principe di Galles, Albert Edward, si incontrarono al castello di Breteuil per discutere un’alleanza contro la Germania. Tuttavia, la corsa coloniale all’Africa ha impedito ai paesi di venire a patti. Su iniziativa del segretario coloniale Joseph Chamberlain, ci furono tre cicli di colloqui britannico-tedeschi tra il 1898 e il 1901. Il Regno Unito decise di non aderire alla Triplice Alleanza, interruppe i negoziati con Berlino e ravvivò l’idea di un’alleanza franco-britannica .

Una cartolina francese del 1904 che mostra Britannia e Marianne (Francia) che ballano insieme, a simboleggiare la neonata collaborazione tra i due paesi.


Quando la guerra russo-giapponese stava per scoppiare, Francia e Regno Unito si trovarono sul punto di essere trascinati nel conflitto dalla parte dei rispettivi alleati. La Francia era saldamente alleata con la Russia, mentre il Regno Unito aveva recentemente firmato l’Alleanza anglo-giapponese. Per evitare di entrare in guerra, entrambe le potenze “si sono sbarazzate della loro antica rivalità” e hanno risolto le loro divergenze in Africa, Americhe, Asia e Pacifico. A tal fine, il ministro degli esteri francese Théophile Delcassé e Lord Lansdowne, il ministro degli esteri britannico, negoziarono un accordo su questioni coloniali, e Lord Lansdowne e Paul Cambon, l’ambasciatore francese nel Regno Unito, firmarono la convenzione risultante l’8 aprile 1904.

L’Intesa era composta da tre documenti:

  • Il primo e più importante documento è stata la Dichiarazione riguardante Egitto e Marocco. In cambio della promessa dei francesi di non “ostacolare” le azioni britanniche in Egitto, i britannici hanno promesso di consentire ai francesi di “preservare l’ordine … e fornire assistenza” in Marocco. Fu garantito il libero passaggio attraverso il Canale di Suez, implementando la Convenzione di Costantinopoli e veniva vietata l’erezione di fortificazioni su parte della costa marocchina. Il trattato conteneva un allegato segreto che trattava della possibilità di “mutate circostanze” nell’amministrazione di uno dei due paesi.
  • Il secondo documento trattava di Terranova e di porzioni dell’Africa occidentale e centrale. I francesi rinunciarono ai loro diritti (derivanti dal trattato di Utrecht) sulla costa occidentale di Terranova, sebbene conservassero il diritto di pescare sulla costa. In cambio, gli inglesi diedero ai francesi la città di Yarbutenda (vicino al confine moderno tra Senegal e Gambia) e le Iles de Los (parte della moderna Guinea). Una disposizione aggiuntiva riguardava il confine tra i possedimenti francesi e britannici a est del fiume Niger (l’attuale Niger e Nigeria).
  • La dichiarazione finale riguardava il Siam (Thailandia), il Madagascar e le Nuove Ebridi (Vanuatu). In Siam, gli inglesi riconobbero una proposta sfera d’influenza francese a est del bacino del fiume Menam; a loro volta, i francesi riconobbero una proposta influenza britannica sul territorio ad ovest del bacino di Menam. Entrambe le parti alla fine hanno rifiutato qualsiasi idea di annettere il territorio siamese. Gli inglesi ritirarono la loro opposizione all’introduzione di una tariffa da parte dei francesi in Madagascar. Le parti giunsero a un accordo che avrebbe “posto fine alle difficoltà derivanti dalla mancanza di giurisdizione sui nativi delle Nuove Ebridi”.
Domini britannici, in rosso e francesi in blu, nel 1920, al termine della prima guerra mondiale, rendono l’idea della forza all’epoca di un accordo tra le due potenze.

In seguito alla firma dell’accordo, molti in Germania e nell’impero tedesco ne furono sensibilmente preoccupati, percependolo come uno smacco diplomatico e una minaccia ai loro interessi. L’imperatore Guglielmo II stesso aveva d’altra parte, senza successo, tentato in tutti i modi di sabotare l’accordo.

Questo disappunto verso l’accordo in Germania si vide presto quando, nonostante negli articoli 1 e 2 del trattato, le due nazioni firmatarie si impegnassero a non violare l’assetto istituzionale vigente in Marocco ed Egitto, vi furono numerose interpellanze al Reichstag, il parlamento tedesco, secondo cui l’accordo metteva la Germania in una situazione penosa e umiliante per i privilegi ottenuti dalla Francia. Il Cancelliere Bülow il 12 aprile così rispose al parlamento tedesco: «”Non abbiamo nessun motivo di supporre che questa convenzione sia diretta contro una potenza in particolare. Pare si tratti semplicemente di un tentativo per far sparire […] tutte le divergenze che sussistono tra la Francia e l’Inghilterra. Dal punto di vista degli interessi tedeschi, non abbiamo nulla da obiettare a questa convenzione. […] Per quello che concerne […] il Marocco, i nostri interessi in quel Paese […] sono di natura soprattutto economica. Quindi anche noi abbiamo grande interesse che l’ordine e la pace regnino in quel Paese“.

In segretezza però, Bülow, con l’ambasciatore tedesco a Londra Paul Metternich (1853-1934) cercò di capire fino a che punto la Gran Bretagna si sarebbe impegnata con la Francia, in caso di guerra per esempio. Su questo punto, l’”eminenza grigia” del governo imperiale tedesco, il consigliere Friedrich von Holstein, riteneva addirittura che la Gran Bretagna volesse vedere la Francia occupata dalla Germania per avere mano libera nel mondo, e che quindi mai il governo britannico si sarebbe schierato in armi a fianco della Francia.

Guglielmo II sullo yacht Meteor nel 1913

Guglielmo II, in crociera nel Mediterraneo, apparve infine rassegnarsi allo smacco, ma nonostante il comportamento di Bülow al Reichstag e la rassegnazione dell’Imperatore, l’opinione pubblica tedesca non tollerava l’accordo anglo-francese e persisteva nel vedervi una perdita di prestigio per la Germania. Nei circoli nazionalisti si sperava in una rettifica della posizione di Bülow da parte dell’Imperatore. Ancora in crociera, Guglielmo II, invece, scriveva (il 19 aprile da Siracusa) al suo Cancelliere che i francesi senza compromettere la loro alleanza con la Russia erano riusciti a farsi pagare a caro prezzo l’amicizia con l’Inghilterra; che l’accordo riduceva considerevolmente i punti d’attrito fra le due nazioni e che i toni della stampa inglese dimostravano che l’ostilità nei confronti della Germania non diminuiva.

Con l’Entente Cordiale cominciarono a delinearsi quegli schieramenti che, confermati e rafforzati con le crisi di Tangeri e di Agadir, con la Conferenza di Algeciras e con l’Accordo anglo-russo per l’Asia, rispecchieranno poi le alleanze contrapposte della prima guerra mondiale.

Immagine d’apertura: una vignetta sull’Intesa Cordiale del settimanale umoristico Punch, con John Bull (rappresentante il Regno Unito) che si allontana con la prostituta Marianne (rappresentante la Francia in quello che dovrebbe essere un abito tricolore) e volta le spalle al Kaiser, che finge di non preoccuparsene. La punta del fodero di una sciabola da cavalleria sporge da sotto il soprabito militare del Kaiser, implicando un potenziale ricorso alla forza.

Bibliografia e fonti varie

  • Chamberlain, M. E., “Pax Britannica? British Foreign Policy 1789–1914” p.88 ISBN 0-582-49442-7
  • “Entente Cordiale (European history) – Britannica Online Encyclopedia”Encyclopædia Britannica. Retrieved 8 March 2010.
  • C. J. Lowe and M. L. Dockrill, The Mirage of Power; Vol. 1, British Foreign Policy 1902–14 (1972) pp 1–28
  • Minton F. Goldman, “Franco-British Rivalry over Siam, 1896–1904.” Journal of Southeast Asian Studies 3.2 (1972): 210-228.
  • Balfour, Guglielmo II e i suoi tempi, Milano, 1968, p. 325.
  • ^ Paléologue, Una svolta decisiva nella politica mondiale, Milano, 1934, pp. 52-53.
  • ^ Balfour, Guglielmo II e i suoi tempi, Milano, 1968, p. 328.
  • ^ De Bülow e Guillaume II, Correspondance sècrete, Grasset, Parigi, 1931, pp. 41-42.
  • Maurice PaléologueUn grand tournant de la politique mondiale 1904-1906 (Ediz. Ital. Una svolta decisiva della politica mondiale 1904-1906, Mondadori, Milano, 1934).
  • Luigi AlbertiniLe origini della guerra del 1914, Fratelli Bocca, Milano, 1942-1943, 3 volumi.
  • Alan John Percival Taylor, The Struggle for Mastery in Europe 1848-1918, Oxford, Clarendon Press, 1954 (Ediz. Ital. L’Europa delle grandi potenze. Da Metternich a Lenin, Laterza, Bari, 1961).
  • Michael Balfour, The Kaiser and his Times, 1964 (Ediz. Ital. Guglielmo II e i suoi tempi, Il Saggiatore, Milano, 1968).
  • E.J. Feuchtwanger, Democracy and Empire: Britain, 1865-1914, London, 1985 (Ediz. Ital. Democrazia e Impero, l’Inghilterra fra il 1865 e il 1914, il Mulino, Bologna, 1989 ISBN 88-15-04819-7).
  • Dominique Barjot, Jeann-Pierre Chaline, André Encravé, La France au XIX siècle 1814-1914, Paris, 2001 (Ediz. Ital. Storia della Francia nell’Ottocento, Il Mulino, Bologna 2003 ISBN 88-15-09396-6).
  • Antoine Capet, Britain, France and the Entente Cordiale since 1904, 978-1-349-28447-4, 978-0-230-20700-4, 978-0-333-71046-3, 978-0-333-80349-3 Palgrave Macmillan UK 2006.
  • Andrew, Christopher. Théophile Delcassé and the making of the Entente Cordiale: A reappraisal of French Foreign Policy 1898–1905 (1968)
  • Andrew, Christopher. “France and the Making of the Entente Cordiale.” Historical Journal 10#1 (1967): 89-105. online.
  • Bell, P. M. H. France and Britain, 1900-1940: Entente and Estrangement (1996).
  • Capet, Antoine, ed. Britain, France and the entente cordiale since 1904 (Springer, 2006).
  • Hargreaves, J. D. “The Origin of the Anglo-French Military Conversations in 1905.” History 36.128 (1951): 244-248. online
  • Hargreaves, J. D. “Entente Manquee: Anglo-French Relations, 1895-1896.” Cambridge Historical Journal 11#1 (1953): 65-92. online.
  • Keiger, J.F.V. France and the World since 1870 (2001) pp 115–17, 164–68
  • Langer, William L. The Diplomacy of Imperialism, 1890–1902 (1951).
  • Macmillan, Margaret. The War That Ended Peace: The Road to 1914 (2013) ch 6
  • Rolo, P. J. V. Entente Cordiale: the origins and negotiation of the Anglo-French agreements of 8 April 1904. Macmillan/St Martin’s Press, London 1969.
  • Šubrtová, Marcela. “Great Britain and France on the Way to the Entente Cordiale.” Prague Papers on the History of International Relations 1 (2014): 79–97. online
  • Taylor, A.J.P. The Struggle for Mastery in Europe, 1848–1918 (1954) online free
  • Williamson, Samuel R. The politics of grand strategy: Britain and France prepare for war, 1904-1914 (1990).