7.3 C
Firenze
20/01/2022
spot_img

Franklin Roosevelt è il primo presidente inaugurato il 20 gennaio

Il 20 gennaio 1937 Frankiln Delano Roosevelt e John Nance Gardner vengono inaugurati rispettivamente presidente e vice presidente degli USA per il loro secondo mandato, è la prima volta che una inaugurazione presidenziale ha luogo il 20 gennaio anzichè il 4 marzo, un cambiamento risultato dal ventesimo emendamento adottato il 23 gennaio 1933.

Prima dell’adozione del ventesimo emendamento, le inaugurazioni presidenziali avvenivano appunto il 4 marzo. Il testo originale della Costituzione stabiliva una durata per i termini dei funzionari eletti federali, ma non le date specifiche in cui tali termini sarebbero iniziati o terminati. Nel settembre 1788, dopo che i nove stati necessari avevano ratificato la Costituzione, il Congresso della Confederazione fissò il 4 marzo 1789 come data “per l’inizio dei procedimenti” del governo appena riorganizzato. Nonostante il fatto che il nuovo Congresso e l’amministrazione presidenziale non siano entrati in funzione fino ad aprile, il 4 marzo fu considerato l’inizio del mandato dei nuovi funzionari eletti, e quindi dei termini dei loro successori. La Costituzione non specificava una data per le elezioni federali, ma al momento della seconda elezione presidenziale nel 1792, il Congresso aveva approvato una legge che richiedeva che gli elettori presidenziali fossero scelti durante novembre o all’inizio di dicembre. Nel 1845, questo periodo fu ridotto a un solo giorno, all’inizio di novembre. Le elezioni del Congresso si tenevano generalmente lo stesso giorno.

Il risultato di queste decisioni di pianificazione era un lungo periodo di quattro mesi tra l’elezione e l’inaugurazione del nuovo presidente. Per il Congresso la situazione era forse ancora più imbarazzante. Poiché l’Articolo I, Sezione 4, Clausola 2 imponeva una riunione del Congresso ogni dicembre, dopo l’elezione ma prima della scadenza del mandato del Congresso, la Costituzione richiedeva una sessione zoppa negli anni pari; la sessione successiva non era stata richiesta fino al prossimo dicembre, il che significava che i nuovi membri del Congresso avrebbero potuto non iniziare il loro lavoro fino a più di un anno dopo essere stati eletti. Talvolta le sessioni speciali si riunivano all’inizio dell’anno, ma questa non divenne mai una pratica regolare, nonostante la Costituzione lo consentisse. In pratica, il Congresso di solito si riuniva in una lunga sessione che iniziava nel dicembre degli anni dispari e in una breve sessione zoppa nel dicembre degli anni pari. Il lungo periodo dell’anatra zoppa poteva essere una necessità pratica alla fine del XVIII secolo, quando un funzionario neoeletto poteva impiegare diversi mesi per mettere in ordine i suoi affari e poi intraprendere un arduo viaggio dalla sua casa alla capitale nazionale, ma alla fine aveva avuto l’effetto di ostacolare il funzionamento del governo nell’era moderna. Dall’inizio del XIX secolo, tutto ciò significava anche che un Congresso zoppo e un’amministrazione presidenziale non sarebbero riusciti a rispondere adeguatamente a una crisi nazionale significativa in modo tempestivo. Ogni istituzione avrebbe potuto farlo sulla base della teoria che, nella migliore delle ipotesi, un Congresso o un’amministrazione zoppo non aveva né il tempo né il mandato per affrontare i problemi, mentre l’amministrazione o il Congresso entrante avrebbero sia il tempo, sia un nuovo mandato elettorale, per esaminare e affrontare i problemi che la nazione doveva affrontare. Questi problemi molto probabilmente sarebbero stati al centro del dibattito del ciclo elettorale appena concluso.

Questo dilemma si palesò in particolare nel 1861 e nel 1933, dopo le elezioni di Abraham Lincoln e Franklin D. Roosevelt, rispettivamente, più i senatori e rappresentanti neoeletti. In base alla Costituzione dell’epoca, questi presidenti dovettero aspettare quattro mesi prima che loro e il prossimo Congresso potessero occuparsi rispettivamente della secessione degli stati del Sud e della Grande Depressione.

Nel 1916, durante la prima guerra mondiale, il presidente Woodrow Wilson ideò un piano non ortodosso per evitare una presidenza zoppa e consentire al suo avversario repubblicano Charles Evans Hughes di assumere immediatamente i poteri presidenziali se Hughes avesse vinto le elezioni. In quel caso, Wilson prevedeva di nominare Hughes come Segretario di Stato, al momento in prima linea per agire come Presidente in caso di vacanza simultanea nelle cariche di presidente e vicepresidente. Il presidente Wilson e il vicepresidente Thomas R. Marshall avrebbero quindi rassegnato le dimissioni. Il piano non fu implementato perché Wilson venne rieletto di misura.

La questione fu risolta quando il 72 ° Congresso propose il ventesimo emendamento il 2 marzo 1932. Il ventesimo emendamento spostò l’inizio e la fine dei mandati del presidente e del vicepresidente dal 4 marzo al 20 gennaio, e dei membri del Congresso dal 4 marzo al 3 gennaio. Esso fornì anche disposizioni su cosa fare quando non c’è un presidente-eletto e chiarì la linea di successione presidenziale in caso di morte del presidente.

Immagine d’apertura: foto della seconda inaugurazione di Franklin Delano Roosevelt del 20 gennaio 1937

Bibliografia e fonti varie