Messi alle strette dai carabinieri, hanno ingerito 32 ovuli di eroina. Trasportati in ospedale, dove gli esami hanno permesso di confermare il sospetto dei militari, hanno poi espulso 21 e 11 ovuli. Ormai fuori pericolo, i carabinieri li hanno infine portati nella camera di sicurezza della tenenza di Montemurlo, in attesa del processo per direttissi,ma.


Protagonisti, puntualmente arrestati dai militari, due nigeriani di 27 e di 31 anni, ritenuti responsabili del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Nello specifico, i carabinieri di Montemurlo hanno individuato nei due ragazzi dei possibili spacciatori e, infatti, nel corso dell’operazione di polizia, i due hanno ingerito alcune dosi di sostanza stupefacente.