I Passi del mare

Premio letterario Raccontami una storia

Per la prima volta, dopo quasi dieci anni, riusciva a respirare l’odore del mare senza provare quel senso di nausea che l’aveva tormentata per tanto tempo. Il rumore delle onde aveva finalmente riacquistato il suo suono originale, non le incuteva più terrore, ma soltanto un senso di pace e di grandezza come quella che si prova quando ci si siede sulla spiaggia in una giornata di vento. Le onde s’infrangevano sugli scogli inebriandole i sensi con quelle piccole bollicine di libertà. Le sembrava di respirare qualcosa più grande di lei; i capelli scompigliati dal vento e resi pesanti dalla salsedine, i piedi bagnati e sporchi di sabbia e quel senso d’infinito.. era così piccola davanti al mare.

Aisha, sorrise. Finalmente libera di godere di tanta bellezza. Libera di pensare al mare come un amico, un allegato dei suoi sogni, un elemento misterioso e pieno di significato, come la vita stessa. Quel giorno aveva mantenuto la sua promessa. Era tornata lì, dove tutto era iniziato, oppure dove tutto era finito per ricominciare e rinascere un’altra volta. Lei stessa non sapeva come definire quello che era accaduto dieci anni prima, una rinascita o la morte di un mondo che l’aveva rifiutata.

Continua a leggere su: https://www.eccocistore.it/premio/i-passi-del-mare/

Antonietta Cantiello