I toscani dicono di no alle fusioni tra Comuni

Premio letterario Raccontami una storia

Il pareggio non serve alla causa della fusione tra Comuni toscani. Su 10 che erano chiamati al voto nel week end, 5 si sono pronunciati per il sì. I dati che emergono sono però due: delle fusioni in programma se ne farà, forse, soltanto una; i cittadini toscani vogliono partecipare alla vita democratica e, soprattutto, scelgono l’autonomia amministrativa e istituzionale.

Un’affluenza al voto di circa il 44% in referendu consultivi, tanto per cominciare, è un risultato brillante e indicativo della capacità di toscani di mettersi in gioco. Soprattutto se, come in questo caso, sono i no a spuntarla.

Soltanto due Comuni, però, andranno alla fusione. Sono Barberino Val d’Elsa e Tavarnelle Val di Pesa, in provincia di Firenze. Le altre nozze, invece, non si faranno, per volontà degli abitanti di entrambi i Comuni o di almeno uno. Collaborare sì, in estrema sintesi, mescolarsi no.

Il sì è prevalso, come comunica la Regione, sia a Tavarnelle Val di Pesa a Barberino Val d’Elsa, che si uniranno, visto che il Consiglio regionale si esprimerà salvo sorprese in modo favorevole alla fusione tra le due amministrazioni. A Tavarnelle i favorevoli sono l’82,06% (2.424 su 2.979 votanti) e a Barberino Valdelsa il 67,74% (1.264 su 1.879 votanti).

Fusioni scelte soltanto da un partner su due in provincia di Siena, con il risultato che non se n farà di niente: gli abitanti di Montepulciano hanno detto no (53,58%) mentre quelli di Torrita di Siena si sono espressi per il no nel 72% dei casi.

Ad Asciano , sempre in provincia di Siena, vittoria del sì con il 61,6 ma fusione respinta dagli abitanti di Rapolano Terme dove il no si è attestato al 70,07% .

Situazione identica in provincia di Arezzo. A Bibbiena si sono registrati 1.831 sì (il 56,11%) ma a Ortignano Raggiolo, dove si è poi dimesso il sindaco Fiorenzo Pistolesi, i no hanno prevalso con il 59,53%.

A Dicomano , in provincia di Firenze, i sì hanno raccolto il 66,05% ma nel comune di San Godenzo il no ha prevalso con il 66,24%.

In totale erano chiamati al voto 51.343 elettori. Alle urne si sono recati in 22.854, pari al 44,51% degli aventi diritto. La maggiore affluenza si è registrata a San Godenzo dove si espresso il 71,59% degli elettori. La partecipazione minore si è registrata a Montepulciano dove al voto ha partecipato il 33,17% degli iscritti nelle liste elettorali.