Indirizzo di residenza fittizio per le donne vittime di violenza, il Movimento 5 stelle presenta una mozione in Regione

Firenze, 28 aprile 2023 – “La sicurezza delle donne vittime di violenza deve essere una priorità per la nostra società e per la politica. Troppo spesso, infatti, si registrano casi di femminicidi o di nuove violenze subite dalle donne, a causa della conoscenza da parte dell’ex partner del loro luogo di residenza. Per questo motivo, abbiamo protocollato una mozione che impegna la Regione ad attivarsi per la creazione di un sistema omogeneo che permetta la creazione di indirizzi fittizi per le donne e i minori in situazioni di pericolo. Questi indirizzi, garantendo la residenza anagrafica con i diritti connessi anche per la vittima stessa, potranno fungere da riferimento per le pratiche in cui sia necessario fornire una residenza, oltre che per il ricevimento di comunicazioni, senza che sia noto il loro reale indirizzo.” Ad affermarlo è Irene Galletti, Presidente del Gruppo Movimento 5 Stelle in Regione Toscana e prima firmataria della proposta.

Per Galletti “Chi si rende responsabile di atti violenti nei confronti della propria partner difficilmente demorde dai propri intenti, alternando periodi di apparente rispetto delle eventuali prescrizioni ricevute, a episodi in cui, avendone la possibilità, avvicina la vittima. Episodi che non poche volte degenerano in nuova violenza o femminicidi.”

La mozione presentata dal Movimento 5 Stelle rappresenta un importante passo avanti nella lotta contro la violenza di genere. Grazie a questo sistema di indirizzi fittizi si potrà impedire all’ex partner la conoscenza dell’attuale luogo in cui la donna si trova, inibendo ogni possibilità di avvicinamento e aumentando la protezione delle donne vittime di violenza.

Secondo la Presidente M5S “Purtroppo, la notifica di atti giudiziari costituisce ancora oggi un’occasione per l’accusato di avere contezza del luogo dove la vittima si trova. Per questo, è necessario creare un sistema efficace che protegga le donne vittime di violenza e che garantisca loro la possibilità di vivere senza paura. In questo senso, la Regione deve attivarsi anche in sede di Conferenza Stato-Regioni per la creazione di un sistema omogeneo a livello nazionale. Siamo certi che questo impegno sarà condiviso da tutte le forze politiche e che la lotta contro la violenza di genere diventerà una priorità per tutti”. Così Irene Galletti, Presidente del Movimento 5 Stelle in Regione Toscana.


Staff Comunicazione
MoVimento 5 Stelle Toscana
Davide Cappannari