15.1 C
Firenze
19/04/2022
720x70 estra banner

Inizio della Rivoluzione Americana a Lexington e Concord

Il 19 aprile 1775 a Lexington e Concord ha luogo il primo scontro militare tra forze coloniali separatiste e esercito britannico, segnando così l’inizio militare della rivoluzione americana.

Nel 1767, il Parlamento britannico aveva approvato i Townshend Acts, che imponevano dazi all’importazione su carta, vetro, vernice e altri oggetti comuni importati nelle colonie americane. I Figli della Libertà e altre organizzazioni patriottiche nelle colonie e in particolare nel Massachussetts risposero con una serie di azioni di protesta. Organizzarono boicottaggi delle merci soggette al dazio e molestarono e minacciarono il personale doganale che riscuoteva i dazi, molti dei funzionari erano tra l’altro corrotti o imparentati con i dirigenti provinciali. Francis Bernard, allora governatore della provincia della baia del Massachusetts, chiese alle forze militari di proteggere il personale del re. Nell’ottobre 1768, le truppe britanniche arrivarono nella città di Boston e la occuparono. Le tensioni portarono al massacro di Boston il 5 marzo 1770 e al Boston Tea Party il 16 dicembre 1773.

Thomas Gage, il generale a capo delle forze britanniche

In risposta al Tea Party e ad altre proteste, il Parlamento britannico promulgò una serie di leggi chiamate dai coloni Intolerable Acts per punire i coloni ribelli, leggi che riducevano significativamente l’autonomia del Massachussetts rispetto al governo di Londra. Con il Massachusetts Government Act del 1774 si abolì di fatto il governo provinciale del Massachusetts. Il generale Thomas Gage, già comandante in capo delle truppe britanniche in Nord America, fu anche nominato governatore del Massachusetts e fu incaricato dal governo di re Giorgio di far rispettare l’autorità reale nella colonia ribelle. Tuttavia, la resistenza popolare costrinse i nuovi funzionari reali del Massachusetts a dimettersi e a cercare rifugio a Boston. Gage comandava quattro reggimenti di regolari britannici (circa 4.000 uomini) dal suo quartier generale a Boston, ma la campagna era in gran parte controllata dai simpatizzanti dei patrioti.

Il 1 ° settembre 1774, i soldati britannici si impadronirono di polvere da sparo e di altri rifornimenti militari in un raid a sorpresa presso una polveriera vicino a Boston. Questa spedizione allarmò la zona e migliaia di simpatizzanti dei patrioti entrarono in azione, tra le voci che la guerra era imminente. Anche se si è rivelato un falso allarme, questo evento – noto come Allarme della polvere ( Powder Alarm ) – ha fatto sì che tutti gli interessati procedessero con maggiore attenzione nei giorni a venire, e essenzialmente ha fornito una “prova generale” per gli eventi di sette mesi dopo. In parte in risposta a questa azione, i coloni portarono via rifornimenti militari da diversi forti nel New England e li distribuirono tra le milizie locali.

La notte del 18 aprile 1775, il generale Gage inviò 700 uomini a sequestrare le munizioni immagazzinate dalla milizia coloniale a Concord. Diversi uomini a cavallo, tra cui Revere, Dawes, Hancock ed Adams, , allertarono la campagna e quando le truppe britanniche entrarono a Lexington la mattina del 19 aprile, trovarono 77 miliziani ribelli armati nel villaggio. Furono scambiati colpi, otto miliziani furono uccisi, la milizia coloniale in inferiorità numerica si disperse e gli inglesi si trasferirono a Concord. A Concord, le truppe cercarono rifornimenti militari, ma trovarono relativamente poco, poiché i coloni, avendo ricevuto avvertimenti che una simile spedizione poteva accadere, avevano provveduto a nascondere molti dei rifornimenti. Durante la ricerca, ci fu uno scontro al North Bridge. Una piccola compagnia di truppe britanniche ha quindi sparato su una colonna molto più grande di milizie coloniali, che ha risposto al fuoco, e alla fine ha messo in rotta i britannici, che sono tornati al centro del villaggio e si sono riuniti alle altre truppe lì. Quando le “giubbe rosse” (come venivano chiamati i soldati britannici) iniziarono la marcia di ritorno a Boston, diverse migliaia di miliziani si erano radunati lungo la strada. Ne seguì uno scontro e il distaccamento britannico venne colpito pesantemente prima di raggiungere Charlestown. Con la battaglia di Lexington e Concord – lo “sparo sentito in giro per il mondo” – la guerra era iniziata.

All’indomani della fallita spedizione a Concord, le migliaia di miliziani che si erano radunati nei dintorni di Boston rimasero. Nei giorni successivi ne arrivarono altri da più lontano, comprese compagnie del New Hampshire, del Connecticut e del Rhode Island. Sotto il comando di Artemas Ward, circondarono la città, bloccando i suoi punti d’accesso di terra e mettendo così sotto assedio la città occupata. L’assedio durò fino al marzo 1776, quando le forze britanniche furono costrette a evacuare.

Immagine d’apertura: raffigurazione della battaglia di Lexington in un dipinto del 1910 di William Barnes Wollen

Bibliografia e altre fonti: