italia ucraina. insieme ad arco di trento

Dopo il recente successo della Coppa Europa ad Arco di Trento si sale in Alto Adige per l’unica prova del circuito IFSC 2022 in programma nel nostro Bel Paese. Sui blocchi di Brixen tredici azzurri impegnati. Ci sarà l’idolo di casa, Michael Piccolruaz, con Laura Rogora, raggiante dopo l’oro Lead di domenica scorsa. I migliori climbers mondiali, in 184 gli iscritti, gareggeranno sulle pareti sudtirolesi. Sono 34 le nazioni rappresentate. Tra loro i 15 ragazzi ucraini, che nei giorni “italiani” del climbing internazionale sono stati accolti ed ospitati dalla Federazione Italiana e dagli Enti locali trentini.

Sarà l’unica tappa di World Cup in Italia. E sarà adesso, dal 10 al 12 giugno in Sudtirol. Il Vertikale Climbing Center di Bressanone è pronto ad ospitare le migliori stelle del climbing internazionale, impegnate nella quinta tappa nella specialità Boulder, 5 metri, liberi, senza imbragatura, dallo start al top. Ottantasette uomini ed altrettante donne, per un totale di 174 atleti mondiali sono pronti ad uscire dall’isolamento per tentare la corsa al “top” dai blocchi di partenza.

Per i colori della Nazionale italiana i convocati alla World Cup altoatesina sono 13. In primis la scintillante Laura Rogora (Fiamme Oro Moena), reduce dal brillante oro in Coppa Europa Lead ottenuto domenica scorsa nel Centro Federale di Arco di Trento. Con lei i suoi compagni di squadra, il gardenese Michael Piccolruaz e la genovese Camilla Moroni (vice campionessa mondiale Boulder 2021, e vincitrice della Coppa Italia 2022). Quindi il tandem del C. S. Esercito, Giorgia Tesio e Marcello Bombardi. Con loro Irina Daziano, Giulia Medici, Miriam Fogu, Federica Papetti, Francesca Matuella, Beatrice Colli, Pietro Vidi e Michele Bono.

Sulle pareti, accanto ai nostri azzurri saranno quasi duecento gli arrampicatori, portabandiera di 34 nazioni. Sedici i giapponesi, tredici i climbers USA, dieci i canadesi, i britannici e i francesi.  Nove i nazionali ucraini, in gara. A loro e ai delegati della Federazione Olimpica, la FASI ed il Comune di Arco di Trento hanno offerto ospitalità, sin dall’inizio del mese di giugno, riservando loro una accoglienza particolare in questi giorni italiani, anche di allenamento in Trentino. Tanto calore attorno a loro, testimoniato evidentemente sabato scorso sul podio della Speed, quando sul gradino più alto del podio maschile, dopo aver battuto il nostro “jet” Ludovico Fossali, è salito l’ucraino Yaroslav Tkach, a dir poco commosso alle note del suo inno nazionale e per gli applausi riservatigli nel corso della cerimonia di premiazione.

La gara entrerà subito nel vivo oggi, 10 giugno con i 5 blocchi da scalare nelle qualifiche. I migliori 20, sia nel maschile, sia nel femminile, sempre per top raggiunti e numero di tentativi effettuati potranno testare i 4 problemi contemplati in semifinale. Quella femminile è in programma nella giornata di sabato11 giugno, con la finale a seguire dalle ore 20, quella maschile domenica 12 giugno, con finale in programma alle 19. Solo i migliori 6 al mondo saranno invece i concorrenti a tentare di salire sul podio, dopo aver raggiunto i quattro top dei blocchi previsti in una finale a dir poco da brividi.

Gli amanti e i tanti appassionati di questo sport potranno seguire dal 2022 i Mondiali e la Coppa del Mondo LIVE su Discovery+ e/o Eurosport Player. La finale del Boulder femminile sarà trasmessa in diretta, su Eurosport 1; mentre la finale Boulder maschile andrà in onda in differita, domenica 10 aprile su Eurosport 1 alle 23:00. Ogni round sarà disponibile gratuitamente, 24 ore dopo, su Olympic Channel. Notizie e aggiornamenti sulla Coppa del Mondo Boulder IFSC a Brixen saranno disponibili anche sul sito web dell’IFSC e sui canali social federali FASI: Facebook, Instagram e Twitter.

vertikale3
boulder brixen