1120px jean froissart, chroniques, 154v, 12148 btv1b8438605hf336, crop

Il 30 maggio 1381 scoppia in Inghilterra una massiccia rivolta contadina in seguito a uno scontro tra un esattore delle tasse, John Bampton, nell’ Essex, e la popolazione locale.

La rivolta dei contadini, chiamata anche Ribellione di Wat Tyler, fu una massiccia rivolta scoppiata in gran parte dell’Inghilterra nel 1381. La rivolta ebbe varie cause, tra esse: le tensioni socio-economiche e politiche generate dalla peste nera negli anni Quaranta del Trecento, le tasse elevate risultanti dal conflitto con la Francia durante la Guerra dei Cent’anni e l’instabilità politica all’interno della leadership locale di Londra.

L’innesco della rivolta fu l’intervento di un funzionario reale, John Bampton, nell’Essex il 30 maggio 1381. I suoi tentativi di riscuotere le tasse non pagate a Brentwood si conclusero con un violento confronto, che si diffuse rapidamente in tutto il sud-est del paese . Una gran parte della società rurale, inclusi molti artigiani locali e funzionari del villaggio, si è sollevata in protesta, bruciando atti giudiziari e aprendo le carceri locali. I ribelli cercavano una riduzione della tassazione, la fine della servitù della gleba e la rimozione degli alti funzionari e dei tribunali di re Riccardo II.

Ispirato dai sermoni del religioso radicale John Ball e guidato da Wat Tyler, un contingente di ribelli del Kent avanzò su Londra. Furono accolti a Blackheath da rappresentanti del governo reale, che tentarono senza successo di persuaderli a tornare a casa. Re Richard, all’età di 14 anni, si ritirò al sicuro nella Torre di Londra, ma la maggior parte delle forze reali era all’estero o nel nord dell’Inghilterra. Il 13 giugno, i ribelli entrarono a Londra e, insieme a molti cittadini locali, attaccarono le carceri, distrussero il Savoy Palace, diedero fuoco ai libri di legge e agli edifici della zona di Temple e uccisero chiunque fosse associato al governo reale. Il giorno seguente, Richard incontrò i ribelli a Mile End e accettò la maggior parte delle loro richieste, inclusa l’abolizione della servitù della gleba. Nel frattempo, i ribelli entrarono nella Torre di Londra, uccidendo Simon Sudbury, Lord Cancelliere, e Robert Hales, tesoriere reale, che avevano trovato all’interno.

Il 15 giugno, Richard lasciò la città per incontrare Tyler e i ribelli a Smithfield. La violenza scoppiò e il gruppo di Richard uccise Tyler. Richard riuscì a disinnescare la situazione di tensione abbastanza a lungo da consentire al sindaco di Londra, William Walworth, di radunare una milizia dalla città e disperdere le forze ribelli. Richard iniziò immediatamente a ristabilire l’ordine a Londra e annullò le sue precedenti concessioni ai ribelli. La rivolta si era diffusa anche nell’East Anglia, dove l’Università di Cambridge fu attaccata e molti funzionari reali furono uccisi. I disordini continuarono fino all’intervento di Henry Despenser, che sconfisse un esercito ribelle nella battaglia di North Walsham il 25 o 26 giugno. I disordini si estendevano a nord fino a York, Beverley e Scarborough, e fino a Bridgwater nel Somerset. Richard mobilitò 4.000 soldati per ristabilire l’ordine. La maggior parte dei leader ribelli furono rintracciati e giustiziati; a novembre erano stati uccisi almeno 1.500 ribelli.

640px deathwattyler
La morte di Wat Tyler per mano di Walworth, sindaco di Londra, con il giovane Richard II a guardare. Fonte: http://www.britannia.com/history/articles/peasantsrevolt.html

In seguito alla rivolta il governo reale e il Parlamento iniziarono a ristabilire i normali processi di governo; come descrive lo storico Michael Postan, la rivolta fu per molti versi un “episodio passeggero“. Il 30 giugno, il re ordinò ai servi inglesi di tornare alle loro precedenti condizioni di servizio e il 2 luglio le carte reali firmate sotto costrizione durante la rivolta furono formalmente revocate. Il Parlamento si riunì a novembre per discutere gli eventi dell’anno e il modo migliore per reagire. La rivolta fu attribuita alla cattiva condotta dei funzionari reali, che, si sosteneva, erano stati eccessivamente avidi e prepotenti. I Comuni sostenevano le leggi sul lavoro esistenti, ma chiesero modifiche al consiglio reale, che Richard concesse. Richard concesse anche la grazia generale a coloro che avevano giustiziato i ribelli senza un giusto processo, a tutti gli uomini che erano rimasti leali e a tutti coloro che si erano ribellati, ad eccezione degli uomini di Bury St Edmunds, di tutti gli uomini che erano stati coinvolti nel uccisione dei consiglieri del re e di coloro che erano ancora in fuga dalla prigione.

Nonostante la violenza della repressione, il governo e i signori locali furono relativamente cauti nel ristabilire l’ordine dopo la rivolta e continuarono a temere nuove rivolte per diversi decenni. Pochi signori si vendicarono dei loro contadini se non attraverso i procedimenti legali dei tribunali. I disordini sebbene a bassi livelli continuarono per molti anni. Nel settembre 1382 ci furono problemi a Norfolk, che coinvolsero un apparente complotto contro il vescovo di Norwich, e nel marzo dell’anno successivo ci fu un’indagine su un complotto per uccidere lo sceriffo del Devon. Nel negoziare gli affitti con i loro proprietari terrieri, i contadini alludevano al ricordo della rivolta e alla minaccia della violenza.

Non ci furono ulteriori tentativi da parte del Parlamento di riformare il sistema fiscale inglese. I Comuni invece conclusero, alla fine del 1381, che lo sforzo militare nel Continente doveva essere «attento ma sostanzialmente ridotto». Incapace di imporre nuove tasse, il governo ha dovuto ridurre la sua politica estera e le spedizioni militari e ha quindi iniziato a esaminare le opzioni per la pace. L’istituzione della servitù della gleba declinò dopo il 1381, ma principalmente per ragioni economiche piuttosto che politiche. I salari rurali continuarono ad aumentare ei signori vendettero sempre più la libertà dei loro servi in ​​cambio di denaro o convertirono le tradizionali forme di proprietà in nuovi accordi di locazione. Durante il XV secolo la servitù della gleba in Inghilterra scomparve.

Le interpretazioni della rivolta a livello storiografico sono cambiate nel corso degli anni. Gli storici del XVII secolo, come John Smyth, sostennero l’idea che la rivolta avesse segnato la fine del lavoro non libero e della servitù della gleba in Inghilterra. Storici del XIX secolo come William Stubbs e Thorold Rogers rafforzarono questa conclusione, Stubbs descriveva infatti la rivolta come “uno degli eventi più portentosi di tutta la nostra storia”. Nel XX secolo, questa interpretazione è stata sempre più contestata da storici come May McKisack, Michael Postan e Richard Dobson, che hanno rivisto l’impatto della rivolta su ulteriori eventi politici ed economici in Inghilterra. Gli storici marxisti della metà del XX secolo erano sia interessati che generalmente solidali con la causa dei ribelli, una tendenza culminata nel resoconto della rivolta di Hilton del 1973, contrapposta al più ampio contesto delle rivolte contadine in tutta Europa durante il periodo. La rivolta dei contadini ha ricevuto più attenzione accademica di qualsiasi altra rivolta medievale e questa ricerca è stata interdisciplinare, coinvolgendo storici, letterati e collaborazioni internazionali.

Immagine d’apertura: Riccardo II si incontra con i ribelli della Rivolta dei Contadini del 1381, da “Jean Froissart, Chroniques“(1401-1500).

Bibliografia e fonti varie

  • Arner, Lynn (2013). Chaucer, Gower, and the Vernacular Rising: Poetry and the Problem of the Populace After 1381. University Park: Penn State University Press. ISBN 978-0-271-05894-8.
  • Barron, Caroline M. (1981). Revolt in London: 11 to 15 June 1381. London: Museum of London. ISBN 978-0-904818-05-5.
  • Brie, Friedrich (1906). “Wat Tyler and Jack Straw”English Historical Review21: 106–111.
  • Butcher, A. F. (1987). “English Urban Society and the Revolt of 1381”. In Hilton, Rodney; Alton, T. H. (eds.). The English Rising of 1381. Cambridge: Cambridge University Press. pp. 84–111. ISBN 978-1-84383-738-1.
  • Cohn, Samuel K. (2013). Popular Protest in Late Medieval English Towns. Cambridge: Cambridge University Press. ISBN 978-1-107-02780-0.
  • Crane, Susan (1992). “The Writing Lesson of 1381”. In Hanawalt, Barbara A. (ed.). Chaucer’s England: Literature in Historical Context. Minneapolis: University of Minnesota Press. pp. 201–222. ISBN 978-0-8166-2019-7.
  • Crossley, James. 2021 “John Ball and the ‘Peasants’ Revolt'”, in James Crossley and Alastair Lockhart (eds.), Critical Dictionary of Apocalyptic and Millenarian Movements.
  • Crow, Martin M.; Leland, Virginia E. (2008). “Chaucer’s Life”. In Cannon, Christopher (ed.). The Riverside Chaucer (3rd ed.). Oxford: Oxford University Press. pp. xi–xxi. ISBN 978-0-19-955209-2.
  • Dilks, T. Bruce (1927). “Bridgwater and the Insurrection of 1381”. Journal of the Somerset Archaeological and Natural History Society73: 57–67.
  • Dobson, R. B. (1983). The Peasants’ Revolt of 1381 (2nd ed.). London: Macmillan. ISBN 0-333-25505-4.
  • Dobson, R. B. (1987). “The Risings in York, Beverley and Scarborough”. In Hilton, Rodney; Alton, T. H. (eds.). The English Rising of 1381. Cambridge: Cambridge University Press. pp. 112–142. ISBN 978-1-84383-738-1.
  • Dunn, Alastair (2002). The Great Rising of 1381: the Peasants’ Revolt and England’s Failed Revolution. Stroud, UK: Tempus. ISBN 978-0-7524-2323-4.
  • Dyer, Christopher (2000). Everyday Life in Medieval England. London and New York: Hambledon and London. ISBN 978-1-85285-201-6.
  • Dyer, Christopher (2003). “Introduction”. In Hilton, Rodney (ed.). Bondmen Made Free: Medieval Peasant Movements and the English Rising of 1381 (New ed.). Abingdon, UK: Routledge. pp. ix–xv. ISBN 978-0-415-31614-9.
  • Dyer, Christopher (2009). Making a Living in the Middle Ages: the People of Britain 850–1520. New Haven and London: Yale University Press. ISBN 978-0-300-10191-1.
  • Eiden, Herbert (1999). “Norfolk, 1382: a Sequel to the Peasants’ Revolt”. The English Historical Review114 (456): 370–377. doi:10.1093/ehr/114.456.370.
  • Ellis, Steve (2000). Chaucer at Large: the Poet in the Modern Imagination. Minneapolis: University of Minnesota Press. ISBN 978-0-8166-3376-0.
  • Faith, Rosamond (1987). “The ‘Great Rumour’ of 1377 and Peasant Ideology”. In Hilton, Rodney; Alton, T. H. (eds.). The English Rising of 1381. Cambridge: Cambridge University Press. pp. 43–73. ISBN 978-1-84383-738-1.
  • Federico, Silvia (2001). “The Imaginary Society: Women in 1381”. Journal of British Studies40 (2): 159–183. doi:10.1086/386239.
  • Fisher, John H. (1964). John Gower, Moral Philosopher and Friend of Chaucer. New York: New York University Press. ISBN 978-0-8147-0149-2.
  • Galloway, Andrew (2010). “Reassessing Gower’s Dream Visions”. In Dutton, Elizabeth; Hines, John; Yeager, R. F. (eds.). John Gower, Trilingual Poet: Language, Translation, and Tradition. Woodbridge, UK: Boydell Press. pp. 288–303. ISBN 978-1-84384-250-7.
  • Given-Wilson, Chris (1996). The English Nobility in the Late Middle Ages. London: Routledge. ISBN 978-0-203-44126-8.
  • Harding, Alan (1987). “The Revolt Against the Justices”. In Hilton, Rodney; Alton, T. H. (eds.). The English Rising of 1381. Cambridge: Cambridge University Press. pp. 165–193. ISBN 978-1-84383-738-1.
  • Hilton, Rodney (1987). “Introduction”. In Hilton, Rodney; Alton, T. H. (eds.). The English Rising of 1381. Cambridge: Cambridge University Press. pp. 1–8. ISBN 978-1-84383-738-1.
  • Hilton, Rodney (1995). Bondmen Made Free: Medieval Peasant Movements and the English Rising of 1381. London: Routledge. ISBN 978-0-415-01880-7.
  • Hussey, Stanley Stewart (1971). Chaucer: an Introduction. London: Methuen. ISBN 978-0-416-29920-5.
  • Israel, Charles E. (1963). Who was then the gentleman? A novel. New York: Simon and Schuster.
  • Jones, Dan (2010). Summer of Blood: the Peasants’ Revolt of 1381. London: Harper Press. ISBN 978-0-00-721393-1.
  • Justice, Steven (1994). Writing and Rebellion: England in 1381. Berkeley and Los Angeles: University of California Press. ISBN 0-520-20697-5.
  • Lyle, Marjorie (2002). Canterbury: 2000 Years of History (Revised ed.). Stroud, UK: Tempus. ISBN 978-0-7524-1948-0.
  • Matheson, Lister M. (1998). “The Peasants’ Revolt through Five Centuries of Rumor and Reporting: Richard Fox, John Stow, and Their Successors”. Studies in Philology95 (2): 121–151.
  • Mortimer, Ian (1981). The Fears of Henry IV: the Life of England’s Self-Made King. London: Vintage. ISBN 978-1-84413-529-5.
  • Oman, Charles (1906). The Great Revolt of 1381. Oxford: Clarendon Press. OCLC 752927432.
  • Ortenberg, Veronica (1981). In Search of the Holy Grail: the Quest for the Middle Ages. London: Hambledon Continuum. ISBN 978-1-85285-383-9.
  • Ousby, Ian (1996). The Cambridge Paperback Guide to Literature in English. Cambridge: Cambridge University Press. ISBN 978-0-521-43627-4.
  • Picknett, Lynn; Prince, Clive (2007). The Templar Revelation: Secret Guardians of the True Identity of Christ (10th anniversary ed.). London: Random House. ISBN 978-0-552-15540-3.
  • Postan, Michael (1975). The Medieval Economy and Society. Harmondsworth, UK: Penguin Books. ISBN 0-14-020896-8.
  • Powell, Edgar (1896). The Rising of 1381 in East Anglia. Cambridge: Cambridge University Press. OCLC 1404665.
  • Prescott, Andrew (2004). “‘The Hand of God’: the Suppression of the Peasants’ Revolt in 1381”. In Morgan, Nigel (ed.). Prophecy, Apocalypse and the Day of Doom. Donington, UK: Shaun Tyas. pp. 317–341. ISBN 978-1-900289-68-9.
  • Réville, André (1898). Étude sur le Soulèvement de 1381 dans les Comtés de Hertford, de Suffolk et de Norfolk (in French). Paris: A. Picard and sons. OCLC 162490454.
  • Reynaud, Gaston (1897). Chroniques de Jean Froissart (in French). Vol. 10. Paris: Société de l’histoire de France.
  • Ribner, Irving (2005). The English History Play in the Age of Shakespeare. Abingdon, UK: Routledge. ISBN 978-0-415-35314-4.
  • Robinson, John J. (2009). Born in Blood: the Lost Secrets of Freemasonry. Lanham, US: Rowman and Littlefield. ISBN 978-1-59077-148-8.
  • Rubin, Miri (2006). The Hollow Crown: a History of Britain in the Late Middle Ages. London: Penguin. ISBN 978-0-14-014825-1.
  • Saul, Nigel (1999). Richard II. New Haven: Yale University Press. ISBN 978-0-300-07875-6.
  • Saul, Nigel (2010). “John Gower: Prophet or Turncoat?”. In Dutton, Elizabeth; Hines, John; Yeager, R. F. (eds.). John Gower, Trilingual Poet: Language, Translation, and Tradition. Woodbridge, UK: Boydell Press. pp. 85–97. ISBN 978-1-84384-250-7.
  • Silvercloud, Terry David (2007). The Shape of God: Secrets, Tales, and Legends of the Dawn Warriors. Victoria, Canada: Trafford. ISBN 978-1-4251-0836-6.
  • Spindler, Erik (2012). “Flemings in the Peasants’ Revolt, 1381”. In Skoda, Hannah; Lantschner, Patrick; Shaw, R. (eds.). Contact and Exchange in Later Medieval Europe: Essays in Honour of Malcolm Vale. Woodbridge, UK: The Boydell Press. pp. 59–78. ISBN 978-1-84383-738-1.
  • Strohm, Paul (2008). “A ‘Peasants’ Revolt’?”. In Harris, Stephen J.; Grigsby, Bryon Lee (eds.). Misconceptions About the Middle Ages. New York: Routledge. pp. 197–203. ISBN 978-0-415-77053-8.
  • Sumption, Jonathan (2009). Divided Houses: the Hundred Years War III. London: Faber and Faber. ISBN 978-0-571-24012-8.
  • Trevelyan, George (1899). England in the Age of Wycliffe. London: Longmans and Green. OCLC 12771030.
  • Tuck, J. A. (1987). “Nobles, Commons and the Great Revolt of 1381”. In Hilton, Rodney; Alton, T. H. (eds.). The English Rising of 1381. Cambridge: Cambridge University Press. pp. 192–212. ISBN 978-1-84383-738-1.
  • Wickert, Maria (2016) [1953]. Studies in John Gower. Translated by Meindl, Robert J. Tempe, Arizona: Arizona Center for Medieval and Renaissance Studies. p. 18. ISBN 9780866985413.