Le ostriche sarde conquistano i colli toscani

Premio letterario Raccontami una storia

Dal mare della Sardegna alla collina Toscana, da un’attività che procede da decenni fino al commercio elettronico. Protagoniste sono le ostriche, ponte da passato e presente, luoghi e tradizioni gastronomiche differenti. Basterà recarsi in questi giorni ad Artimino, sulle colline del Montalbano pratese, e assaggiare. La proposta viene da I love ostrica, nell’ambito dell’appuntamento con il premio Italia a Tavola previsto nel week end alla villa medicea Ferdinanda.
Sabato 30 e domenica 31 marzo , I love Ostrica sarà tra i partecipanti all’evento.

Saranno protagoniste le ostriche sarde conosciute come Sandalia. Ostriche autoctone che rispondono all’esigenza di riscoprire i prodotti italiani meno conosciuti e al tempo stesso di grande qualità e connotazioni del tutto particolari. Ostriche italiane d’eccellenza, frutto econostenibile della produzione ostricola sarda.
L’ostrica Sandalia viene allevata dalla cooperativa Pescatori Tortolì, nella provincia di Ogliastra, una realtà fondata negli anni Quaranta con profonde radici nel territorio, diventata punto di riferimento per la mitilicoltura, l’ostricoltura e l’acquacoltura.

L’ostrica italiana che sarà servita esprime tutti i profumi del territorio e ricorda il profumo del pesce azzurro appena pescato.
Candida e perlata, al palato è equilibrata, carnosa, evolvendo sul finire in note dolci e amarognole, che ricordano la mandorla siciliana. Si presenta esternamente con un colore che va dal bianco panna al nero passando da varie tonalità di bruno. L’esame gustativo mette inevidenza la giusta carnosità del corpo in equilibrio con la parte più sottile con un gusto iniziale sapido che lascia spazio alla piacevolezza della mandorla e la nocciola per finire con una sensazione metallica e zuccherina che lascia la bocca in armonia.

Quella del week end di Artimino, sarà un’occasione importante per promuovere e valorizzare le specificità nazionali in tema di cibo e accoglienza e per veicolare nuova conoscenza su un prodotto tanto esclusivo, come le ostriche, che necessita di essere meglio conosciuto e divulgato. Il lavoro quotidiano di Luca Nicoli, imprenditore bergamasco patron di I Love Ostrica, è quello di selezionare l’eccellenza del pescato e di promuovere una vera e propria cultura dell’ostrica.

I love Ostrica nasce da La Piazzetta del Pesce, e-commerce e delivery di pesce di alta qualità per ristoranti e privati, realtà fondata nel 2007 da Luca Nicoli, oggi a tutti gli effetti leader nella distribuzione italiana di prodotti di lusso, in particolare ostriche. Considerate che nell’ultimo anno sono oltre 2.000.000 le ostriche distribuite in Italia. L’accurata selezione dei fornitori, a cui viene imposto un rigido capitolato di autocontrollo, è alla base dell’alta qualità di ogni prodotto che viene tracciato in tutta la sua filiera produttiva, dal momento in cui viene pescato fino alla consegna. Con I love Ostrica, il portale di lusso che si occupa di eventi, show cooking, chef a domicilio, serate didattiche, le ostriche diventano vere protagoniste, portando all’attenzione di un pubblico curioso e selettivo un prodotto pregiato, tutto da scoprire.

Diversi gli appuntamenti durante il premio Italia a Tavola. Il convegno di sabato 30 marzo, Identità dell’enogastronomia e dell’accoglienza – Il vero volano del turismo, sarà dedicato alla definizione di un modello capace di valorizzare le specificità italiane. Inoltre, è prevista una tavola rotonda, a partire dalle 10,30 di domenica 31, dal titolo Sicurezza, una marcia in più per la ristorazione e l’ospitalità”.

Tra degustazioni e altri momenti di approfondimento, ai partecipanti sarà inoltre dedicata un’inedita serata di gala che riproporrà l’Italia di quattro secoli fa. Seguiranno, a conclusione, le premiazioni dei vincitori del sondaggio online per scegliere il personaggio dell’anno.