Edoardo Ferrara di 3bmeteo.com prevede almeno 4 giorni di instabilità atmosferica sull’Italia con #nubi, acquazzoni e #temporali sparsi specie al Centronord, in misura più marginale al Sud. Residui fenomeni il 1 maggio ma poi l’anticiclone riporterà #sole e rialzo termico.

«Il tempo torna a movimentarsi sull’Italia con almeno 4 giorni di tempo instabile – dice il metereologo di 3meteo.com – Fino a giovedì ci attendiamo infatti nubi irregolari associate a piogge o temporali, più probabili su Alpi, Prealpi e Nordovest, dove non escludiamo fenomeni anche intensi, ma sparsi pure sul resto del Centro-Nord Italia. Questo non significa che pioverà 24 ore su 24, ma con precipitazioni distribuite in modo irregolare e alternate anche a delle parantesi soleggiate. Il Sud verrà coinvolto in modo più marginale dall’instabilità, con rovesci comunque possibili ma più sporadici e localizzati rispetto al resto d’Italia. Le temperature saranno calo rispetto al weekend, portandosi intorno alle medie del periodo».

«Tra giovedì 30 aprile e venerdì 1 maggio ci attendiamo il passaggio di una veloce perturbazione, responsabile di un’altra passata di piogge e temporali soprattutto al Nord e sul versante tirrenico, accompagnata da un calo delle temperature – avverte ancora Ferrara di 3bmeteo.com – Tuttavia già nel weekend del 2-3 maggio prevarrà il sole, salvo ancora qualche nota instabile sui rilievi e sul basso versante tirrenico. Le temperature saranno così in netta ripresa, specie domenica e al Nord e sul versante tirrenico, dove il clima si farà più caldo».

«Proprio dal 4 maggio, con l’avvio della fase 2, l’Italia potrebbe venire interessata dalla rimonta dell’anticiclone afro-mediterraneo almeno per qualche giorno, responsabile di tempo in prevalenza stabile, soleggiato ma soprattutto caldo: le temperature infatti potrebbero salire ulteriormente con clima caldo e valori localmente estivi durante le ore pomeridiane (non esclusi picchi prossimi ai 28-30°C entro il 5-6 maggio)», concludono da 3bmeteo.com.