All’inizio di Gennaio di quest’anno, è stato rilasciato dal World Economic Forum il 2020 report sulla mobilità sociale nel mondo, che esamina, fornendo un relativo indice, la qualità della mobilità sociale in 82 paesi del mondo secondo vari parametri, tra cui salute, istruzione, lavoro, stato delle istituzioni.

L’Italia è al 34esimo posto, con un punteggio complessivo di 64 su 100. Riguardo le singole categorie, il punteggio più alto dell’Italia è sulla Salute, per la quale con un punteggio di 90 su 100 è al 14esimo posto, mentre il punteggio peggiore , 40 su 100, riguarda il Lifelong Learning, ossia “Apprendimento continuativo” relativo alla formazione lavorativa e nel quale l’Italia è al 74esimo posto.

Pubblicità

Le prime 5 posizioni sono occupate tutte da paesi Scandinavi, in ordine dal primo al quinto: Danimarca (85,3 punti), Norvegia (83,6 punti), Finlandia (83,6 punti), Svezia (83,5), Islanda (82,7 punti).

Nessuno dei paesi più grandi ed economicamente influenti (USA, Cina, Russia) come si nota dal grafico sottostante, è presente tra i primi 20 classificati per mobilità sociale

I primi 20 paesi al mondo per mobilità sociale, secondo l’indagine 2020 del World Economic Forum

Per ulteriori informazioni e per approfondire il report, il seguente indirizzo porta direttamente all’ indice del report sul sito web del World Economic Forum http://reports.weforum.org/social-mobility-report-2020/social-mobility-rankings/

Leonardo Panerati