Movida, negozi e automobilisti sotto nel mirino dei carabinieri

Premio letterario Raccontami una storia

Prato nel mirino di carabinieri, guardia di finanza e polizie locali per rendere più sicura l’estate. La città toscana, insieme ad altre realtà ritenute a rischio sull’interno territorio nazionale, hanno visto impegnati numerosi equipaggi, anche specializzati, dei militari e delle altre forze dell’ordine.

Periferie Sicure è l’operazione che riassume i vari interventi dei carabinieri e delle altre forze di polizia, avviata dal Dipartimento della pubblica sicurezza con l´obbiettivo di rafforzare il contrasto all´illegalità diffusa soprattutto nelle aree periferiche delle città, spesso caratterizzate da fenomeni d’irregolarità e degrado.
L’iniziativa, a cui partecipano tutte le forze di polizia, prevede giornate dedicate al controllo del territorio e di contrasto al fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti nelle aree di maggior degrado; inoltre saranno messi in atto interventi di natura amministrativa e verifiche di esercizi commerciali e locali di intrattenimento, concentrando l’attenzione nelle aree della movida.

L´attuale fase dell´operazione ha interessato i territori di Matera, Messina, Pordenone, Prato, Rimini e Savona con l’impegnato di oltre 2.000 unità della Polizia di Stato, dell´Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e delle Polizie locali. I controlli hanno riguardato 8.241 autovetture e 203 esercizi commerciali, l´identificazione di 5.788 persone, delle quali 54 sono state arrestate, 132 denunciate in stato di libertà e per 14 sono state applicate misure di prevenzione; sono state invece 39 i provvedimenti in materia di immigrazione. Sequestrate anche 12 chili di stupefacenti.