14 C
Firenze
16/10/2021
spot_img

Muore Sigmund Freud

Il 23 settembre 1939 muore a Londra Sigmund Freud, padre della psicanalisi.

Nato a Freiberg il 16 maggio 1856 nell’impero austriaco in una famiglia ebraica in cui il padre era un commerciante della lana, la famiglia si trasferì a Vienna nel 1860 e il giovane Sigmund conseguì una laurea in Medicina e Chirurgia nel 1881.

Foto di Sigmund Freud nel 1905

Considerato il padre della psicanalisi, egli elaborò una teoria scientifico-filosofica, secondo la quale i processi psichici inconsci esercitano influssi determinanti sul pensiero, sul comportamento umano e sulle interazioni tra individui: poichè di formazione medica, tentò di stabilire correlazioni tra la visione dell’inconscio, rappresentazione simbolica di processi reali, e delle sue componenti con le strutture fisiche della mente e del corpo umano, teorie che hanno trovato parziale conferma anche nella moderna neurologia e psichiatria. Nella psicoanalisi l’impulso sessuale infantile e le sue relazioni con il rimosso sono alla base dei processi interpretativi. Molti dissensi dalle teorie di Freud, e quindi indirizzi di pensiero alternativi (Adler, Jung e altri) nascono dalla contestazione del ruolo, ritenuto eccessivo, riconosciuto da Freud alla sessualità.

In un primo momento si dedicò allo studio dell’ipnosi e dei suoi effetti nella cura di pazienti psichiatrici, influenzato dagli studi di Joseph Breuer sull’isteria, in particolare dal caso Anna O. (ossia Bertha Pappenheim, futura fondatrice dei movimenti di assistenza sociale e di emancipazione femminile), al quale s’interessò sulla base delle considerazioni di Charcot, che individuava nell’isteria un disturbo della psiche e non una simulazione, come ritenuto fino ad allora. Dalle difficoltà incontrate da Breuer nel caso, Freud costruì progressivamente alcuni principi basilari della psicoanalisi relativi alle relazioni medico-paziente: la resistenza e il transfert.

Schema dell’apparato psichico secondo Freud.
L’iceberg rappresenta le tre istanze: Io (Ego), Es (Id) e Super-io (Superego).

Di questo periodo furono le intuizioni che formano il nucleo della psicoanalisi: il metodo d’indagine mediante l’analisi di associazioni libere, lapsus (da cui il lapsus freudiano), atti involontari, atti mancati e l’interpretazione dei sogni, e concetti come la pulsione (Eros e Thanatos), il Complesso di Edipo, la libido, le fasi dello sviluppo psicosessuale e le componenti dell’inconscio e della coscienza: Es, Io, Super-Io, in sintesi: Es è il subconscio istintivo, primordiale, derivante dalla natura umana e spinto dalle pulsioni sessuali, Io rappresenta la parte emersa, cosciente (secondo Freud situato nella corteccia cerebrale), Super-Io una super-coscienza maturata dalla “civilizzazione” dell’uomo, il codice di comportamento (questa suddivisione richiama certe teorie neuroscientifiche come il Triune Brain).

Immagine d’apertura: Sigmund Freud fotografato da Max Halberstadt nel 1922 per il New York Times; immagine dall’archivio della rivista Life.

Bibliografia e fonti varie

  • Celso Balducci, Irene Castiglia e Antonella Ravazzolo, Il sogno e la sua interpretazione, Newton Compton, Roma, 2013. ISBN 978-88-541-5141-3
  • Robert Byck, Freud sulla cocaina, Newton Compton, Roma, 1974. ISBN 978-88-541-1940-6
  • Michail BachtinFreud e il freudismo (1927), Mimesis, Milano, 2005. ISBN 88-8483-391-4
  • Ernest JonesVita e opere di Sigmund Freud (1953-57), edizione ridotta a cura di Lionel Trilling e Steven Marcus, Il Saggiatore, Milano, 1995. ISBN 88-428-0883-0
  • Erich FrommLa missione di Sigmund Freud (1959), Newton Compton, Roma, 1972.
  • Paul RicœurDella interpretazione: saggio su Freud (1965), Il Saggiatore, Milano, 1967.
  • Erich FrommMarx e Freud (1959), Il Saggiatore, Milano, 1968. ISBN 88-428-0125-9
  • Alberto Plé, Freud e la religione, Città Nuova, Roma, 1971.
  • Paul Laurent Assoun, Freud, la filosofia e i filosofi (1976), Melusina, Roma, 1990. ISBN 88-7697-009-6
  • Roberto Speziale-Bagliacca, Freud messo a fuoco. Passando dai padri alle madri, Bollati Boringhieri, Torino, 2002.
  • Roberto Speziale-Bagliacca, Sigmund Freud: le dimensioni nascoste della mente, Quaderni di Le Scienze, Milano, 1999. ISBN 977-11-2654500-3
  • Francesco Marchioro (a cura di), Sigmund Freud. Aforismi metafore passi, Bollati Boringhieri, Torino, 2020.
  • Francesco Marchioro, Psicoanalisi e archeologia. Freud e il segreto di Atena, Sovera edizioni, Roma, 2017.
  • Alberto Plé, Freud e la morale, Città Nuova, Roma, 1977.
  • Franco Rella (a cura di), La critica freudiana, Feltrinelli, Milano, 1977.
  • Jean-Marie Dollé, Da Freud a Piaget: elementi per un approccio integrato all’affettività e all’intelligenza (1977), Borla, Roma, 1979.
  • James HillmanIl mito dell’analisi (1977), Adelphi, Milano, 1991.
  • Erich FrommGrandezza e limiti del pensiero di Freud (1979), Mondadori, Milano, 1979. ISBN 88-04-27350-X
  • Marianne Krüll, Padre e figlio. Vita familiare di Freud (1979), Boringhieri, Torino, 1982.
  • Mauro Alfonso, Freud e la madre, Libreria Editrice Psiche, Torino, 1982. ISBN 88-85142-03-6
  • Carla Longobardo, L’imbroglio del dr. Freud, Prospettiva edizioni, Roma, 2011.
  • Jacques DerridaSpeculare su Freud (1980), Raffaello Cortina, Milano, 2000. ISBN 88-7078-626-9
  • Roger Dadoun, Sigmund Freud (1982), Spirali, Milano, 1997. ISBN 88-7770-458-6
  • Billa Zanuso, La nascita della psicoanalisi. Freud nella cultura della Vienna di fine secolo, Bompiani, Milano, 1982.
  • Hans G. Furth, La conoscenza come desiderio. Un saggio su Freud e Piaget (1987), Armando, Roma, 1993. ISBN 88-7144-358-6
  • Peter Gay, Freud. Una vita per i nostri tempi (1987), Bompiani, Milano, 1988. ISBN 88-452-4670-1
  • Malcom Bowie, Freud, Proust e Lacan: la teoria come finzione (1987), Dedalo, Bari, 1992. ISBN 88-220-6129-2
  • André Haynal, Freud, FerencziBalint e la questione della tecnica. Controversie in psicoanalisi (1988), Centro Scientifico Torinese, Torino, 1990. ISBN 88-7640-107-5
  • Daniele LuttazziMarzullo intervista Freud (1990), in: Adenoidi, Rizzoli, Milano, 2004, pp. 147–8. ISBN 88-06-17133-X ISBN 978-88-17-00153-3
  • Erich FrommScritti su Freud, a cura di Rainer Funk, Mondadori, Milano, 1991. ISBN 88-04-35426-7
  • Anna Maria Accerboni (a cura di), Freud e il Trentino, otium e scrittura (atti del Convegno di Lavarone), U.C.T., Trento, 1991.
  • (EN) E. Fuller Torrey, Freudian Fraud: The Malignant Effect of Freud’s Theory on American Thought and Culture, HarperCollins, New York, 1992. ISBN 1-929636-00-8
  • Jacques DerridaEssere giusti con Freud: la storia della follia nell’età della psicoanalisi (1992), introduzione di Pier Aldo Rovatti, Raffaello Cortina, Milano, 1994. ISBN 88-7078-274-3
  • Jean-Marie Dollé, Oltre Freud e Piaget: confini per nuove prospettive in psicologia (1994), Moretti & Vitali, Bergamo, 1994.
  • Silvia Vegetti FinziFreud e la nascita della psicoanalisi, Mondadori, Milano, 1995. ISBN 88-04-47234-0
  • (ES) Emilio Rodrigué, Sigmund Freud. El siglo del psicoanálisis, Sudamericana, Buenos Aires, 1996 ISBN 950-07-1155-9
  • Marcella D’Abbiero, Eros e democrazia. Un percorso attraverso TocquevilleSchopenhauer e Freud, Guerini, Milano, 1998. ISBN 88-7802-934-3
  • Giancarlo Ricci, Sigmund Freud. La vita, le opere e il destino della psicoanalisi, Bruno Mondadori, Milano, 1998. ISBN 88-424-9431-3
  • (EN) Edward Dolnick, Madness on the Couch: Blaming the Victim in the Heyday of Psychoanalysis (1998), Simon & Schuster, New York, 2007. ISBN 0-684-82497-3
  • (EN) Frederick C. Crews, Unauthorized Freud: Doubters Confront a Legend, Viking Press, New York, 1998. ISBN 0-7655-3539-4
  • Vincenzo CappellettiIntroduzione a Freud, Laterza, Roma-Bari, 2000. ISBN 88-420-5128-4
  • Remo BodeiIl dottor Freud e i nervi dell’anima: filosofia e società a un secolo dalla nascita della psicoanalisi (conversazioni con Cecilia Albarella), Donzelli, Roma, 2001. ISBN 88-7989-604-0
  • Giovanni Jervis, Giorgio Bartolomei, Freud, Carocci, Roma, 2001. ISBN 88-430-1839-6
  • Aldo CarotenutoFreud il perturbante, Bompiani, Milano, 2002. ISBN 88-452-5331-7
  • Giorgio Manfrè, Eros e società-mondo. Luhmann/Marx/Freud, I Quattroventi, Urbino, 2004. ISBN 88-392-0659-0
  • (FR) Alain de Mijolla (a cura di), Dictionnaire internationnal de la psychanalyse (2001), 2 volumi, Hachette, Paris, (n.ed. 2005). ISBN 2-7021-2530-1 ISBN 2-01-279145-X
  • (FR) Catherine Clément, Pour Sigmund Freud, Mengès, Paris, 2005.
  • Catherine Meyer, Mikkel Borch-Jacobsen e altri, Il libro nero della psicoanalisi (2005), Fazi, Roma, 2006 ISBN 88-8112-795-4
  • (FR) Élisabeth RoudinescoPorquoi tant de haine? Anatomie du livre noir de la psychanalyse, Navarin, Paris, 2005.
  • Jacques-Alain Miller (a cura di), L’anti-libro nero della psicoanalisi (2006), Quodlibet, Macerata, 2007.
  • (EN) Alfred I. Tauber, Freud, the Reluctant Philosopher, Princeton University Press, Princeton (NJ), 2010.
  • Antonino Trizzino, Freudiana. Sentieri interrotti nella storia della psicoanalisi, Moretti & Vitali, Bergamo, 2010. ISBN 978-88-7186-474-7
  • Aurelio Molaro, Alfredo Civita, Binswanger e Freud: tra psicoanalisi, psichiatria e fenomenologia, Cortina, Milano, 2012.
  • Élisabeth Roudinesco, Sigmund Freud nel suo tempo e nel nostro, Giulio Einaudi editore, Torino, 2015. ISBN 978-88-06-22650-3
  • Luciano Dottarelli, Freud, un filosofo dietro al divano, Annulli Editori, Grotte di Castro (VT), 2015.
  • Aurelio Molaro, Psicoanalisi e fenomenologia. Dialettica dell’umano ed epistemologia, Cortina, Milano, 2016.