16.9 C
Firenze
20/04/2022
720x70 estra banner

Nasce Adolf Hitler

Il 20 aprile 1889 nasce Adolf Hiter, futuro Cancelliere e poi dittatore tedesco, iniziatore della seconda guerra mondiale.

Hitler neonato in una foto del 1889-1890

Adolf Hitler è nato il 20 aprile 1889 in Austria – allora parte dell’Austria-Ungheria – a Braunau am Inn, una città vicino al confine con l’Impero tedesco. Era il quarto di sei figli nati da Alois Hitler e dalla sua terza moglie, Klara Pölzl. Il funzionario nazista Hans Frank suggerì che la madre di Alois fosse stata impiegata come governante da una famiglia ebrea a Graz e che il figlio diciannovenne della famiglia Leopold Frankenberger avesse avuto Alois. Nessun Frankenberger è stato registrato a Graz durante quel periodo, non è stata prodotta alcuna registrazione dell’esistenza di Leopold Frankenberger, e la residenza ebraica in Stiria era stata illegale per quasi 400 anni e non sarebbe diventata di nuovo legale fino a decenni dopo la nascita di Alois, così gli storici respingono l’affermazione che il padre di Alois fosse ebreo.

Da sinistra a destra, Klara e Alois, madre e padre di Adolf Hitler

Nel 1900 il padre lo iscrisse a una Realschule nella vicina città di Lintz, ignorando i desideri del figlio di perseguire una carriera artistica e frequentare un istituto classico. In quel periodo, come molti tedeschi austriaci, Hitler iniziò a sviluppare idee nazionaliste tedesche fin dalla giovane età. Esprimeva lealtà solo alla Germania, disprezzando il declino della monarchia asburgica e il suo dominio su un impero etnicamente variegato. Hitler ei suoi amici usavano il saluto “Heil” e cantavano il “Deutschlandlied” invece dell’inno imperiale austriaco.

Dopo la morte improvvisa del padre il 3 gennaio 1903, le prestazioni di Hitler a scuola peggiorarono e sua madre gli permise di andarsene. Si iscrisse alla Realschule di Steyr nel settembre 1904, dove il suo comportamento e le sue prestazioni migliorarono. Nel 1905, dopo aver superato una ripetizione dell’esame finale, Hitler lasciò la scuola senza ambizioni di ulteriore istruzione o piani chiari per una carriera.

Il 21 dicembre 1907, sua madre morì di cancro al seno all’età di 47 anni, quando lui stesso ne aveva 18. Nel 1909 Hitler rimase senza soldi e fu costretto a vivere una vita bohémien in rifugi per senzatetto e in un dormitorio maschile. Guadagnava denaro come operaio occasionale e dipingendo e vendendo acquerelli delle attrazioni di Vienna. Durante la sua permanenza a Vienna, ha perseguito una crescente passione per l’architettura e la musica, assistendo a dieci rappresentazioni del Lohengrin, la sua opera di Wagner preferita.

Nel 1907, Hitler lasciò Linz per vivere e studiare belle arti a Vienna, finanziato dai sussidi per orfani e dal sostegno di sua madre. Fece domanda per l’ammissione all’Accademia di Belle Arti di Vienna, ma fu respinto due volte. Il regista suggerì a Hitler di iscriversi alla Facoltà di Architettura, ma gli mancavano le necessarie credenziali accademiche perché non aveva terminato la scuola secondaria.

Fu a Vienna che Hitler fu esposto per la prima volta alla retorica razzista. Populisti come il sindaco Karl Lueger sfruttavano il clima di violento antisemitismo e occasionalmente adottavano nozioni nazionaliste tedesche per ottenere effetti politici. Il nazionalismo tedesco ebbe un seguito particolarmente diffuso nel distretto di Mariahilf, dove visse Hitler. Georg Ritter von Schönerer divenne una grande influenza su Hitler. Sviluppò anche un’ammirazione per Martin Lutero. Hitler leggeva giornali locali come Deutsches Volksblatt che alimentavano i pregiudizi e giocavano sulle paure cristiane di essere sommersi da un afflusso di ebrei dell’Europa orientale. Leggeva anche giornali e opuscoli che pubblicavano i pensieri di filosofi e teorici come Houston Stewart Chamberlain, Charles Darwin, Friedrich Nietzsche, Gustave Le Bon e Arthur Schopenhauer.

L’origine e lo sviluppo dell’antisemitismo di Hitler rimane oggetto di dibattito. Il suo amico, August Kubizek, ha affermato che Hitler era un “antisemita confermato” prima di lasciare Linz. Tuttavia, la storica Brigitte Hamann descrive l’affermazione di Kubizek come “problematica“. Mentre Hitler afferma nel Mein Kampf di essere diventato per la prima volta un antisemita a Vienna, Reinhold Hanisch, che lo aiutò a vendere i suoi dipinti, non è d’accordo. Hitler ebbe rapporti con gli ebrei mentre viveva a Vienna. Lo storico Richard J. Evans afferma che “gli storici ora generalmente concordano sul fatto che il suo famigerato, omicida antisemitismo emerse ben dopo la sconfitta della Germania [nella prima guerra mondiale], come un prodotto della paranoica spiegazione” pugnalata alle spalle “per la catastrofe “.

Hitler ricevette la parte finale della tenuta di suo padre nel maggio 1913 e si trasferì a Monaco, in Germania. Quando fu arruolato nell’esercito austro-ungarico, si recò a Salisburgo il 5 febbraio 1914 per una valutazione medica. Dopo essere stato ritenuto inadatto al servizio, è tornato a Monaco. Hitler in seguito affermò di non voler servire l’Impero Asburgico a causa della mescolanza di razze nel suo esercito e della sua convinzione che il crollo dell’Austria-Ungheria fosse imminente.

Il cortile della vecchia residenza di Monaco(1914) è un acquerello di Hitler. Raffigura l’Alter Hof, un quadrilatero in pietra di fronte a un grande maniero. Durante il periodo di Hitler a Monaco, trascorreva la maggior parte delle sue giornate a leggere e dipingere, promuovendo il suo sogno di artista indipendente.

Nell’agosto 1914, allo scoppio della prima guerra mondiale, Hitler viveva a Monaco e si arruolò volontariamente nell’esercito bavarese. Secondo un rapporto del 1924 delle autorità bavaresi, permettere a Hitler di prestare servizio fu quasi certamente un errore amministrativo, poiché come cittadino austriaco avrebbe dovuto essere rimpatriato in Austria. Inviato al Reggimento di Fanteria di Riserva Bavarese 16 (1a Compagnia del Reggimento List), prestò servizio come corriere sul fronte occidentale in Francia e Belgio, trascorrendo quasi la metà del suo tempo al quartier generale del reggimento. a Fournes-en-Weppes, ben dietro le linee del fronte. Era presente alla prima battaglia di Ypres, alla battaglia della Somme, alla battaglia di Arras e alla battaglia di Passchendaele, e fu ferito nella Somme. Fu decorato per il coraggio, ricevendo la Croce di Ferro, Seconda Classe, nel 1914. Su raccomandazione del tenente Hugo Gutmann, superiore ebreo di Hitler, il 4 agosto 1918 ricevette la Croce di Ferro, Prima Classe, una decorazione raramente assegnata a uno dei gradi Gefreiter di Hitler. Ha ricevuto il distintivo della ferita nera il 18 maggio 1918.

La resa della Germania turbò profondamente Hitler che credette al mito della “pugnalata alla schiena” per cui l’esercito tedesco, “imbattuto sul campo” era stato appunto “pugnalato alla schiena” da leader civili ebrei e marxisti. Ciò contribuì significativamente alla formazione della sua ideologia. Nel 1919, entrò a far parte del Partito dei lavoratori tedeschi (DAP), il precursore del partito nazista. Al DAP, Hitler incontrò Dietrich Eckart, uno dei fondatori del partito e membro della società occulta Thule. Eckart divenne il mentore di Hitler, scambiando idee con lui e presentandolo a un’ampia gamma di società di Monaco. Per aumentare il suo fascino, il DAP cambiò il suo nome in Nationalsozialistische Deutsche Arbeiterpartei (Partito nazionalsocialista tedesco dei lavoratori (NSDAP), conosciuto colloquialmente come “Partito nazista”). Hitler ha quindi disegnato lo stendardo del partito di una svastica in un cerchio bianco su uno sfondo rosso. Fu nominato leader del partito nel 1921.

Nel 1923, tentò di prendere il potere governativo con un colpo di stato fallito a Monaco e fu imprigionato con una condanna a cinque anni. In carcere, ha dettato il primo volume della sua autobiografia e manifesto politico Mein Kampf (“La mia battaglia”). Dopo il suo rilascio anticipato nel 1924, Hitler ottenne crescente sostegno popolare attaccando il Trattato di Versailles e promuovendo il pan-germanismo, l’antisemitismo e l’anticomunismo con oratoria carismatica e propaganda nazista. Ha spesso denunciato il capitalismo internazionale e il comunismo come parte di una cospirazione ebraica.

Imputati al processo sul Putsch di Monaco, 1 aprile 1924. Da sinistra a destra: Heinz Pernet, Friedrich Weber, Wilhelm Frick, Hermann Kriebel, Erich Ludendorff, Hitler, Wilhelm Brückner, Ernst Röhm e Robert Wagner.

Nel novembre 1932, il partito nazista aveva il maggior numero di seggi nel Reichstag tedesco ma non aveva la maggioranza. Di conseguenza, nessun partito è stato in grado di formare una coalizione parlamentare di maggioranza a sostegno di un candidato alla cancelliera. L’ex cancelliere cattolico conservatore Franz von Papen e altri leader conservatori persuasero il presidente Paul von Hindenburg a nominare Hitler come cancelliere il 30 gennaio 1933. Poco dopo, il Reichstag approvò l‘Atto di abilitazione del 1933 che iniziò il processo di trasformazione della Repubblica di Weimar nella Germania nazista, una dittatura monopartitica basata sull’ideologia totalitaria e autocratica del nazismo. Hitler mirava a eliminare gli ebrei dalla Germania e stabilire un Nuovo Ordine per contrastare quella che vedeva come l’ingiustizia dell’ordine internazionale del dopoguerra dominato dalla Gran Bretagna e dalla Francia. I suoi primi sei anni al potere portarono a una rapida ripresa economica dalla Grande Depressione, all’abrogazione delle restrizioni imposte alla Germania dopo la prima guerra mondiale e all’annessione di territori abitati da milioni di tedeschi etnici, che gli diede un significativo sostegno popolare.

Hitler, alla finestra della Cancelleria del Reich, riceve un’ovazione la sera della sua inaugurazione come cancelliere, il 30 gennaio 1933

Hitler cercò il Lebensraum (letteralmente “spazio vitale”) per il popolo tedesco tramite conquiste nell’Europa orientale e la sua politica estera aggressiva è considerata la causa principale della seconda guerra mondiale in Europa. Diresse il riarmo su larga scala e, il 1 ° settembre 1939, invase la Polonia, con la conseguenza che Gran Bretagna e Francia dichiararono guerra alla Germania. Nel giugno 1941, Hitler ordinò l’invasione dell’Unione Sovietica. Alla fine del 1941, le forze tedesche e le potenze dell’Asse europeo occuparono la maggior parte dell’Europa e del Nord Africa. Questi guadagni furono gradualmente annullati dopo il 1941 e nel 1945 gli eserciti alleati sconfissero l’esercito tedesco. Il 29 aprile 1945 sposò la sua amante di lunga data Eva Braun al Führerbunker di Berlino. Meno di due giorni dopo, la coppia si è suicidata per evitare la cattura da parte dell’Armata Rossa sovietica. I loro cadaveri furono bruciati.

Prima pagina del quotidiano delle forze armate statunitensi, Stars and Stripes, 2 maggio 1945, che annunciava la morte di Hitler

Sotto la guida di Hitler e della sua ideologia razzista, il terzo Reich fu responsabile del genocidio di circa 6 milioni di ebrei e milioni di altre vittime che lui e i suoi seguaci consideravano Untermenschen (subumani) o socialmente indesiderabili. Hitler e il regime nazista furono anche responsabili dell’uccisione di circa 19,3 milioni di civili e prigionieri di guerra. Inoltre, 28,7 milioni di soldati e civili sono morti a seguito di un’azione militare nel teatro europeo.

Immagine d’apertura: foto di Hitler negli anni 30

Bibliografia e fonti varie