Il 14 gennaio 1639 vengono adottati gli ordini Fondamentali del Connecticut, un testo da alcuni considerato la prima costituzione scritta della cultura occidentale.

Nel 1635, nel nord America britannico, un gruppo di puritani e congregazionalisti del Massachusetts insoddisfatti dalle riforme anglicane, cercarono di istituire una società ecclesiastica soggetta alle loro regole. La Corte Generale del Massachusetts consentì il permesso a stabilirsi nelle città di Windsor, Wethersfield, e Hartford. La proprietà della terra era disputata con i detentori inglesi della Warwick Patent del 1631. La Corte Generale del Massachusetts istituì la Commissione di Marzo per mediare sulla disputa, e nominò Roger Ludlow suo capo. La Commissione nominò otto magistrati provenienti dalle città del Connecticut per implementare un sistema legale e la Commissione terminò i lavori nel marzo 1636, dopodiché gli abitanti continuarono ad autogovernarsi. Il 29 maggio 1638 Ludlow scrisse al Governatore del Massachusetts Winthrop per comunicargli che i coloni volevano “unirsi per andare avanti in pace gli uni con gli altri“; Ludlow scrisse gli Ordini Fondamentali, che furono adottati il 14 gennaio 1639, istituendo il Connecticut come entità auto-governante.

Non vi sono testimonianze dei dibattiti o dei procedimenti che hanno avuto luogo durante la stesura o l’entrata in vigore degli Ordini. Si pensa che gli autori abbiano voluto rimanere anonimi per evitare rivalse dal parte delle autorità inglesi.

John Fiske, storico del Connecticut, fu il primo a sostenere che gli Ordini Fondamentali fossero la prima Costituzione scritta, una tesi ancora discussa da alcuni storici moderni. Gli ordini furono trascritti dei documenti ufficiali della Colonia dal Segretario della Colonia Thomas Welles; era una Costituzione per il governo coloniale di Hartford ed era molto simile a quella che istituì il governo del Massachusetts. Quella del Connecticut, tuttavia, diede agli uomini più diritto di voto e rese più uomini candidabili alle posizioni elettive. Karolina Adamová, membro scientifico dell’Istituto di Stato e di diritto dell’Accademia delle scienze ceca, sostiene che gli articoli della Confederazione boema adottati dall’Assemblea generale dei possedimenti evangelici a Praga il 31 luglio 1619 possono essere considerati allo stesso tempo i primi costituzione moderna e la prima costituzione federale nella storia occidentale documentata.

Immagine d’apertura: bandiera dello stato del Connecticut

Bibliografia e fonti varie