- Pubblicità -Estra bilancio socialeEstra bilancio socialeEstra bilancio sociale

Nasce l’Irlanda del Nord

Il 3 maggio 1920 con il passaggio della legge sull’Home Rule che garantisce un limitato autogoverno all’Irlanda dividendola in Nord e Sud, nasce l’Irlanda del Nord come entità legale separata che continuerà a esistere all’interno del Regno Unito anche dopo la nascita della Repubblica d’Irlanda.

Vari tentativi erano stati fatti per dare all’Irlanda un limitato autogoverno regionale, noto come Home Rule (governo domestico), tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo.

Il primo Home Rule Bill del 1886 fu sconfitto alla Camera dei Comuni a causa di una divisione nel Partito Liberale sul principio stesso dell’Home Rule, mentre il secondo Home Rule Bill del 1893, approvato alla Camera dei Comuni, fu bloccato dal veto della Camera dei Lords. Il terzo Home Rule Bill introdotto nel 1912 dal Partito parlamentare irlandese non poteva più essere bloccato dal veto dopo l’approvazione del Parliament Act 1911 che rimuoveva il potere dei Lords di porre il veto sui progetti di legge, i quali potevano ormai semplicemente essere ritardati di due anni.

A causa della continua minaccia di guerra civile in Irlanda, il re Giorgio V convocò la Conferenza di Buckingham Palace nel luglio 1914 dove i leader nazionalisti e unionisti irlandesi non riuscirono a raggiungere un accordo. La controversia è poi continuata sulle reciproche rivendicazioni dei nazionalisti irlandesi, sostenuti dai liberali (per il governo interno dell’Irlanda) e degli unionisti irlandesi, sostenuti dai conservatori, per l’esclusione della maggior parte o dell’intera provincia dell’Ulster. In un tentativo di compromesso, il governo britannico ha presentato un disegno di legge rettificativo, che avrebbe consentito all’Ulster di essere temporaneamente esclusa dall’applicazione della legge; questo non riuscì a soddisfare nessuna delle due parti, e lo stallo continuò fino a quando non fu superato dallo scoppio della prima guerra mondiale. Alcune settimane dopo l’entrata in guerra degli inglesi, l’Atto ricevette il consenso reale, mentre il disegno di legge di modifica fu abbandonato. Tuttavia, il Suspensory Act 1914 (che ha ricevuto il Royal Assent lo stesso giorno) significava che l’attuazione sarebbe stata sospesa per la durata di quella che ci si aspettava fosse solo una breve guerra europea.

Durante la Grande Guerra la politica irlandese si mosse decisamente in una direzione diversa. Diversi eventi, tra cui la Rivolta di Pasqua del 1916, la successiva reazione del governo britannico e la crisi della coscrizione del 1918, avevano completamente alterato lo stato della politica irlandese e reso il movimento indipendentista Sinn Féin la voce dominante del nazionalismo irlandese. Lo Sinn Féin, che sta per “un’Irlanda sovrana indipendente“, vinse 73 dei 105 seggi parlamentari dell’isola nelle elezioni generali del 1918. I suoi membri eletti hanno quindi istituito il proprio parlamento, il Dáil Éireann, che ha dichiarato l’indipendenza del paese come Repubblica d’Irlanda. Il Dáil Éireann, dopo una serie di incontri, fu dichiarato illegale nel settembre 1919 dal Lord Luogotenente d’Irlanda, visconte francese.

Per una serie di ragioni tutti i parlamentari unionisti dell’Ulster a Westminster hanno votato contro la legge. Preferivano che tutto o la maggior parte dell’Ulster rimanesse completamente all’interno del Regno Unito, accettando il proposto stato del governo nazionale del nord solo come la seconda migliore opzione.

Così, quando la legge è entrata in vigore il 23 dicembre 1920, era già estranea alla realtà irlandese. La richiesta di lunga data del governo interno era stata sostituita tra i nazionalisti da una richiesta di completa indipendenza. L’esercito della Repubblica stava conducendo la guerra d’indipendenza irlandese contro il dominio britannico, che aveva raggiunto il punto più basso alla fine del 1920.

La legge divideva l’Irlanda in due territori, l’Irlanda del Sud e l’Irlanda del Nord, ciascuno destinato ad autogoverno, tranne nelle aree specificamente riservate al Parlamento del Regno Unito: le principali tra queste erano questioni relative alla Corona, alla difesa, agli affari esteri , commercio internazionale e valuta. Durante un discorso a Caernarvon (nell’ottobre 1920) Lloyd George ha espresso il suo ragionamento nel riservare funzioni specifiche a Westminster: “Il carattere irlandese è un’incertezza e forze pericolose come eserciti e marine sono meglio sotto il controllo del Parlamento imperiale“.

Divisione dell’Irlanda in Irlanda settentrionale e Irlanda meridionale secondo la legge sull’Home Rule

L ‘”Irlanda del Sud” doveva essere tutta l’Irlanda eccetto “le contee parlamentari di Antrim, Armagh, Down, Fermanagh, Londonderry e Tyrone, e i distretti parlamentari di Belfast e Londonderry” che dovevano costituire “l’Irlanda del Nord”. L’Irlanda del Nord come definita dalla legge, pari a sei delle nove contee dell’Ulster, era vista come l’area massima entro la quale ci si poteva aspettare che gli unionisti avessero una maggioranza sicura. Questo nonostante il fatto che le contee di Fermanagh e Tyrone avessero maggioranze nazionaliste cattoliche.

Il Parlamento dell’Irlanda del Nord è così nato nel giugno 1921. Alla sua inaugurazione, nel municipio di Belfast, re Giorgio V ha lanciato un famoso appello per la riconciliazione anglo-irlandese e nord-sud. Il discorso, redatto dal governo di David Lloyd George su raccomandazione di Jan Smuts Primo Ministro dell’Unione del Sud Africa, con l’appoggio entusiastico del Re, aprì le porte a un contatto formale tra il governo britannico e quello repubblicano amministrazione di Éamon de Valera.

Tutti i 128 parlamentari eletti alla Camera dei Comuni dell’Irlanda del Sud nelle elezioni del maggio 1921 furono riconfermati senza opposizione e 124 di loro, in rappresentanza dello Sinn Féin, si dichiararono TD (Teachtaí Dála, irlandese per i deputati del Dáil) e si riunirono come il Secondo Dáil del Repubblica irlandese.

Con solo i quattro parlamentari unionisti (tutti in rappresentanza dei laureati delle università irlandesi) e quindici senatori nominati che si erano presentati per l’apertura statale del Parlamento dell’Irlanda del Sud al Royal College of Science di Dublino (ora Edifici governativi) nel giugno 1921, la nuova legislatura è stata quindi sospesa. L’Irlanda meridionale era di nuovo governata, per il momento, direttamente da Londra come prima del Government of Ireland Act.

Il governo provvisorio dello Stato libero irlandese fu costituito il 14 gennaio 1922 “in una riunione dei membri del Parlamento eletti per i collegi elettorali nell’Irlanda meridionale“. Tale riunione non fu convocata come riunione della Camera dei comuni dell’Irlanda meridionale né come riunione del Dáil. Fu invece convocata da Arthur Griffith come “Presidente della delegazione irlandese dei plenipotenziari” (che aveva firmato il Trattato anglo-irlandese) secondo i termini del Trattato che aveva concluso la guerra d’indipendenza e che stabiliva la nascita di uno Stato libero irlandese, come dominion all’interno dell’impero britannico.

Le elezioni del giugno 1922 furono seguite dalla riunione del Terzo Dáil, che lavorò come Assemblea Costituente per redigere una costituzione per lo Stato libero irlandese. Ai fini della legge britannica, la costituzione è stata confermata dall’Irish Free State Constitution Act 1922; il nuovo stato nacque allora il 6 dicembre 1922.

Il trattato anglo-irlandese prevedeva la possibilità per il parlamento dell’Irlanda del Nord, di rinunciare a far parte del nuovo Stato libero irlandese, possibilità che, come previsto, il parlamento dell’Irlanda del Nord decise di utilizzare il 7 dicembre 1922 (il giorno dopo l’istituzione dello Stato libero d’Irlanda). È stata quindi istituita una Commissione per i confini irlandesi per ridisegnare il confine tra il nuovo Stato libero irlandese e l’Irlanda del Nord, ma è rimasta invariata in cambio di concessioni finanziarie, ei governi britannico e irlandese hanno deciso di sopprimere il suo rapporto.

Immagine d’apertura: lo stemma del governo dell’Irlanda del Nord utilizzato tra il 1924 e il 1973

Bibliografia e fonti varie