Nel piccolo borgo di Petroio sta per nascere una cooperativa di comunità

Nel piccolo borgo di Petroio sta per nascere una cooperativa di comunità

Raccontami una storia premio letterario

Tra la Val d’Orcia e la Val di Chiana, nel comune senese di Trequanda, sta per nascere uno dei primi esempi di cooperativa di comunità. Le stanno dando vita gli abitanti di Petroio, piccolo e suggestivo borgo in collina, con l’obiettivo di rilanciare il paese e di migliorare la qualità della vita dei suoi abitanti. Nei giorni scorsi, a Milano, Aurora Bruni e Lorenzo Chiani hanno presentato il progetto nel corso di un convegno che Agci ha dedicato proprio alle cooperative di comunità.

Lorenzo Chiani PetroioLa cooperativa di comunità è un modello possibile di innovazione e coesione sociale dove i cittadini sono produttori e fruitori di beni e servizi – ha spiegato l’Agci, una delle tre grandi centrali cooperative italiane – , è un modello che crea sinergia e coesione in una comunità, mettendo a sistema le attività di singoli cittadini, imprese, associazioni e istituzioni.

A Petroio sono già 150 le pre-adesioni dei futuri soci.

Le cooperative di comunità possono nascere in piccoli borghi a rischio di abbandono, ma possono essere uno strumento potente anche per la rigenerazione urbana, nelle periferie, valorizzando la cooperazione come uno degli strumenti di riscatto sociale ed economico.

A Petroio, come ha spiegato Lorenzo Chiani, si punta in sostanza a migliorare i servizi e ad attrezzarsi sempre meglio, valorizzando prodotti e beni del posto, per dotarsi di un carattere ricettivo o, comunque, accogliente e d’interesse per i turisti.

Centrale, hanno sottolineato Bruni e Chiani, è il capitale umano, «il che significa impostare modelli organizzativi e gestionali che favoriscano la partecipazione e il coinvolgimento. Si tratta di esperienza che coniugano le tematiche della cittadinanza attiva, della sussisiarietà, della solidarietà, della gestione di beni e servizi comuni».