11 Ottoni©MarcoBorrelli.jpg

Passaggio di testimone tra la Stagione 21/22 e il cartellone dell’Estate: a fine mese tornano i concerti nelle Ville medicee della Toscana

Il mese si apre con un evento. Tre nomi già presenti in questa stagione, eccezionalmente tutti insieme come solisti nell’appuntamento di giovedì 5 maggio al Verdi di Firenze. Sono la violinista Lorenza Borrani, il violoncellista Enrico Dindo e il pianista Pietro De Maria, protagonisti del Concerto dell’Albatro di Giorgio Federico Ghedini. Composto nel 1945 ispirandosi al passo di Moby Dick in cui viene descritto l’incontro, sulla tolda del Pequod, con un albatro, è qui raccontato dalla voce recitante di Giovanni Scifoni. Sul podio Alessandro Cadario, direttore ospite principale dell’Orchestra dei Pomeriggi Musicali di Milano, a lungo impegnato nei tanti progetti di inclusione sociale per ragazzi provenienti da situazioni svantaggiate promossi in Italia dalla rete del “Sístema”, il rivoluzionario progetto latino-americano diffuso in Italia da Claudio Abbado. Nel programma della serata anche la Rossiniana di Ottorino Respighi e il Romeo e Giulietta di Pëtr Il’ič Čajkovskij che prende spunto dalla tragedia shakespeariana. Repliche a Bologna il 6 maggio e a Siena il 7 maggio.

Ultimo appuntamento di stagione, venerdì 13 maggio a Firenze, con Erina Yashima, direttrice di nazionalità tedesca che ha studiato a Ravenna con Riccardo Muti nella prima edizione della sua Italian Opera Academy, nel 2015. Da allora Muti l’ha scelta per lavorare come bacchetta assistente alla Chicago Symphony. Oggi è assistente di Yannick Nézet-Séguin alla Philadelphia Orchestra. Al suo primo appuntamento con l’ORT si presenta con l’Eroica di Beethoven e il Concerto per violino di Max Bruch. Ne è solista Stefan Milenkovich (serbo, ma di origini italiane dal lato materno) che, prima di diventare un nome di rilievo nei cartelloni internazionali, è stato, a fine anni Ottanta, bambino prodigio invitato a suonare di fronte a Reagan, a Gorbaciov, a Giovanni Paolo II. La produzione debutta il 12 maggio a Livorno e replica invece il 14 a Figline e il 16 a Poggibonsi.

In concomitanza con la fine della stagione concertistica 21/22, non può mancare l’appuntamento con la musica da camera degli Ottoni e Percussioni dell’ORT con “Gli Ottoni al … Cinema” al Teatro Alfieri di Castelnuovo Berardenga, domenica 15 maggio. Una serata all’insegna della grande musica del Grande Schermo: Danny Elfman, Ennio Morricone, John Williams, Nicola Piovani, Nino Rota, Hans Zimmer arrangiati per l’occasione.

Tempo di riprendere fiato ed è subito “Estate” con la sesta edizione di Ville e Giardini incantati. L’iniziativa, nata dalla collaborazione tra la Fondazione ORT e il Polo museale della Toscana – sponsorizzata da Unicoop Firenze e sostenuta da Fondazione CR Firenze – si rinnova quest’anno con un calendario di ben 16 concerti da maggio ad agosto allestiti negli splendidi esterni di otto Ville medicee Toscane.

Spetta a Villa La Petraia, da dove tutto ha avuto inizio, il compito di aprire la rassegna sabato 21 maggio; il sabato successivo, il 28 alla Villa medicea di Poggio a Caiano. Sul podio Beatrice Venezi guida l’ORT e il violoncello della venticinquenne britannica Laura van der Heijden; musiche di Puccini, Boccherini, Cherubini. Inizio concerti ore 21.30, biglietti a partire da € 8,00.

Qualche giorno dopo, lunedì 30 maggio, la stessa produzione farà tappa al Teatro del Giglio di Lucca nell’ambito del cartellone Il Settecento Musicale a Luccaproposta da “Animando” con il coordinamento di “Centro Studi Boccherini”.