La giunta regionale ha detto sì al regolamento unico per il Sistema delle riserve naturali regionali Padule di Fucecchio e Lago di Sibolla. «Per la prima volta  – dice l’assessore all’ambiente Federica Fratoni – il sistema delle riserve naturali Padule di Fucecchio e Lago di Sibolla ha un unico regolamento di gestione, strumento che ne consentirà  la valorizzazione e la corretta fruizione da parte dei proprietari e dei frequentatori. Un risultato importante conseguito grazie al lavoro faticoso ma positivo della Consulta costituita a suo tempo. Adesso ci auguriamo che il Consiglio regionale lo approvi rapidamente in via definitiva per averlo operativo a partire già dalla stagione estiva».

L’attuale modello gestionale regionale supera infatti i confini provinciali ed articola il sistema delle riserve in ambiti geografico-territoriali omogenei e contigui definiti “aree a gestione aggregata”. E’ in questo contesto che si collocano le tre riserve naturali Padule di Fucecchio e Lago di Sibolla che ricadono nel territorio di tre diverse province, Firenze, Pistoia e Lucca ma che fanno parte però di un unico sistema di aree umide riconosciuto anche a livello internazionale.
Poter disporre di un regolamento unico permetterà di garantire omogeneità nella gestione delle riserve pur nel rispetto di alcune caratteristiche peculiari delle singole aree umide.