Il 20 dicembre 1951 l’Experimental Breeder Reactor I (EBR-I) è uno dei primi reattori nucleari attivi e il primo autofertilizzante.

Un reattore autofertilizzante è un reattore a fissione progettato per lavorare con una conversione media di fissili in rapporto maggiore di uno con la quantità fissionata, cioè progettato per produrne più di quanti ne consumi durante la vita di una carica.

Come parte della National Reactor Testing Station (dal 2005 Idaho National Laboratory), la costruzione dell’EBR-I iniziò alla fine del 1949. Il reattore fu progettato e costruito da un team guidato da Walter Zinn presso il sito dell’Argonne National Laboratory nell’Idaho, noto come Argonne-West. Nelle sue fasi iniziali, l’impianto del reattore era indicato come Chicago Pile 4 (CP-4) e Zinn’s Infernal Pile. L’installazione del reattore all’EBR-I ebbe luogo all’inizio del 1951 (il primo reattore in Idaho) e iniziò il funzionamento elettrico il 24 agosto 1951. Il 20 dicembre dello stesso anno, l’energia atomica fu raccolta con successo all’EBR-1 per la prima volta. Il giorno successivo, il reattore ha prodotto energia sufficiente per illuminare l’intero edificio. La centrale ha prodotto 200 kW di elettricità su 1,4 MW di calore generato dal reattore

L’avvio della produzione di energia elettrica all’EBR-1, quando quando quattro lampadine sono state accese con l’elettricità generata dal reattore.

Lo scopo progettuale di EBR-I non era quello di produrre elettricità, ma invece di convalidare la teoria della fisica nucleare la quale suggeriva che un reattore autofertilizzante sarebbe stato possibile. Nel 1953, gli esperimenti rivelarono che il reattore stava producendo carburante aggiuntivo durante la fissione, confermando così l’ipotesi. Il 29 novembre 1955, il reattore dell’EBR-I subì una fusione parziale durante una prova di flusso del refrigerante. Il test di flusso stava cercando di determinare la causa di risposte inaspettate del reattore ai cambiamenti nel flusso del refrigerante. Successivamente è stato riparato per ulteriori esperimenti, che hanno determinato che l’espansione termica delle barre di combustibile e delle piastre spesse che supportano le barre di combustibile era la causa della risposta inaspettata del reattore.

Sebbene EBR-I abbia prodotto la prima elettricità disponibile internamente, un vicino impianto sperimentale di reattore ad acqua bollente chiamato BORAX-III (anch’esso progettato, costruito e gestito da Argonne National Laboratory) è stato collegato a carichi esterni, alimentando la vicina città di Arco, Idaho nel 1955, la prima volta che una città era stata alimentata esclusivamente dal nucleare.

Oltre a essere il terzo reattore nucleare (dopo i due del Manhattan Project: Chicago Pile 1 di Fermi e il Graphite Ractore X-10) e il primo reattore nucleare autofertilizzante al mondo, EBR-1 è stato anche il primo a utilizzare il combustibile al plutonio per generare elettricità (vedi anche il reattore nucleare Clementine). Lo scopo iniziale dell’EBR-1 era quello di dimostrare la possibilità di un reattore autofertilizzante nello specifico consisteva nel dimostrare il principio di produzione del combustibile di Enrico Fermi, un principio che mostrava un reattore nucleare che produceva più atomi di combustibile di quanti ne consumasse. Oltre a generare elettricità, EBR-1 dimostrerebbe anche questo principio.

Immagine d’apertura: l’EBR-1 in Idaho

Bibliografia e fonti varie

  1. “Experimental Breeder Reactor No. 1”NPGallery. National Park Service. Retrieved October 27, 2018.
  2. Jump up to:a b “Experimental Breeder Reactor No. 1”National Historic Landmark summary listing. National Park Service. Archived from the original on January 10, 2008. Retrieved February 6, 2008.
  3. “Breeder reactor”Encyclopedia Britannica. Retrieved December 31, 2017.
  4. “EBR-I (Experimental Breeder Reactor-I)”. Argonne National Laboratory.
  5. Rick Michal (November 2001). “Fifty years ago in December: Atomic reactor EBR-I produced first electricity” (PDF). Nuclear News. American Nuclear Society.
  6. “Nuclear Reactors Built, Being Built, or Planned in the United States as of June 30, 1970”. U.S. Department of Energy, Office of Scientific and Technical Information. October 31, 1970.
  7. Argonne’s Nuclear Science and Technology Legacy: Chicago Pile reactors create enduring research legacy part of the Argonne National Laboratory Highlights in the period 1942–1949
  8. “Nuclear energy for peace: the birth of nuclear energetics”. Archived from the original on July 26, 2011. Retrieved July 21, 2009.
  9. The Story of the Borax Nuclear Reactor and the EBR-I Meltdown — Ray Haroldsen ISBN 978-1-56684-706-3
  10. “AEC Press release for BORAX-III lighting Arco, Idaho”. U.S. Department of Energy, Argonne National Laboratory. 1999. Retrieved July 26, 2012.
  11. “Experimental Breeder Reactor I”ASME. Retrieved December 18, 2017.
  12. “Experimental Breeder Reactor I” (PDF). ASME. Retrieved October 28, 2019.
  13. Blanche Higgins Schroer (June 12, 1976). “Experimental Breeder Reactor #1” (PDF). National Register of Historic Places Inventory Nomination Form. National Park Service. Retrieved June 22, 2009. and Accompanying 4 photos, from 1975. (1.43 MB)
  14. “EBR-I now open to the public for tours”. Idaho National Laboratory. May 26, 2016. Retrieved December 18, 2017.
  15. “Milestones:Experimental Breeder Reactor I, 1951”IEEE Global History Network. IEEE. Retrieved August 3, 2011.