4.7 C
Firenze
16/02/2022
spot_img

Protocollo di Kyoto entra in vigore

Il 16 febbraio 2005 entra in vigore il Protocollo di Kyoto, il primo grande accordo internazionale per combattere il cambiamento climatico.

Il Protocollo di Kyoto è un trattato internazionale che estende la Convenzione delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) del 1992 che impegna gli Stati parti a ridurre le emissioni di gas serra, sulla base del consenso scientifico che (prima parte) il riscaldamento globale sta avvenendo e (seconda parte) che è estremamente probabile che sia causato principalmente dalle emissioni di CO2 prodotte dall’uomo. Il protocollo di Kyoto è stato adottato a Kyoto, in Giappone, l’11 dicembre 1997 ed è entrato in vigore il 16 febbraio 2005. Attualmente vi sono 192 parti (il Canada si è ritirato dal protocollo, a partire da dicembre 2012).

Il protocollo di Kyoto si applica ai sei gas a effetto serra elencati nell’allegato A: anidride carbonica (CO2), metano (CH4), protossido di azoto (N2O), idrofluorocarburi (HFC), perfluorocarburi (PFC) ed esafluoruro di zolfo (SF6).

Il Protocollo si basa sul principio delle responsabilità comuni ma differenziate: riconosce che i singoli paesi hanno capacità diverse nel combattere il cambiamento climatico, a causa dello sviluppo economico, e quindi pone l’obbligo di ridurre le emissioni attuali nei paesi sviluppati sulla base del fatto che sono storicamente responsabile degli attuali livelli di gas serra nell’atmosfera.

Adesione al protocollo di Kyoto al febbraio 2009. In verde gli stati che hanno firmato e ratificato il trattato, in blu gli stati che lo hanno firmato ma non ancora ratificato. Gli Stati Uniti hanno firmato ma hanno poi rifiutato di ratificare il trattato.

Il primo periodo di impegno del protocollo è iniziato nel 2008 e si è concluso nel 2012. Tutti i 36 paesi che hanno pienamente partecipato al primo periodo di impegno hanno rispettato il protocollo. Tuttavia, nove paesi hanno dovuto ricorrere ai meccanismi di flessibilità finanziando riduzioni delle emissioni in altri paesi perché le loro emissioni nazionali erano leggermente superiori ai loro obiettivi. La crisi finanziaria del 2007-2008 ha contribuito a ridurre le emissioni. Le maggiori riduzioni delle emissioni sono state osservate nei paesi dell’ex blocco orientale perché la dissoluzione dell’Unione Sovietica ha ridotto le loro emissioni all’inizio degli anni ’90. Anche se i 36 paesi sviluppati hanno ridotto le loro emissioni, le emissioni globali sono aumentate del 32% dal 1990 al 2010.

Un secondo periodo di impegno è stato concordato nel 2012, noto come l‘Emendamento di Doha al Protocollo di Kyoto, in cui 37 paesi hanno obiettivi vincolanti: Australia, Unione Europea (e i suoi allora 28 Stati membri, ora 27), Bielorussia, Islanda, Kazakistan, Liechtenstein, Norvegia, Svizzera e Ucraina. La Bielorussia, il Kazakistan e l’Ucraina hanno dichiarato che potrebbero ritirarsi dal protocollo di Kyoto o non rendere legale l’emendamento con obiettivi di secondo turno. Giappone, Nuova Zelanda e Russia hanno partecipato al primo round di Kyoto ma non hanno assunto nuovi obiettivi nel secondo periodo di impegno. Altri paesi sviluppati senza obiettivi di secondo round sono il Canada (che si è ritirato dal protocollo di Kyoto nel 2012) e gli Stati Uniti (che non lo hanno ratificato). Nell’ottobre 2020, 147 stati hanno accettato l’emendamento di Doha.

I negoziati si sono svolti nel quadro delle conferenze annuali UNFCCC sui cambiamenti climatici sulle misure da adottare dopo la fine del secondo periodo di impegno nel 2020. Ciò ha portato all’adozione del 2015 dell’accordo di Parigi, che è uno strumento separato nell’ambito dell’UNFCCC piuttosto che un emendamento del protocollo di Kyoto.

Immagine d’apertura: logo del Protocollo di Kyoto

Bibliografia e fonti varie

Manne, A. S.; Richels, R. “The Kyoto Protocol: A Cost-Effective Strategy for Meeting Environmental Objectives?” (PDF). Retrieved 8 August 2009.

Nordhaus, W. D.; Boyer, J. G. “Requiem for Kyoto: An Economic Analysis of the Kyoto Protocol” (PDF). Archived from the original (PDF) on 6 October 2000. Retrieved 8 August 2009.