Il 24 novembre 1859 viene pubblicato il saggio “L’origine delle specie” del celebre scienziato e naturalista britannico Charles Darwin, in cui è esposta la relativa teoria evoluzionista.

Il libro di Darwin ha introdotto la teoria scientifica dell’evoluzione secondo cui le specie si evolvono nel corso delle generazioni attraverso un processo di selezione naturale. Il libro presentava una serie di prove per le quali la diversità della vita è nata partendo da una origine comune attraverso un modello ramificato di evoluzione. Darwin incluse nel libro le prove che aveva raccolto durante la spedizione Beagle negli anni ’30 dell’Ottocento e le sue successive scoperte ottenute tramite ricerca, corrispondenza e sperimentazione.

Darwin in una foto poco dopo la pubblicazione del libro

La teoria dell’evoluzione di Darwin si basa su fatti chiave e sulle inferenze da essi tratte, che il biologo Ernst Mayr ha riassunto come segue:

  • Ogni specie è abbastanza fertile che se tutta la prole sopravvivesse per riprodursi, la popolazione crescerebbe (fatto).
  • Nonostante le fluttuazioni periodiche, le popolazioni rimangono all’incirca della stessa dimensione (fatto).
  • Le risorse come il cibo sono limitate e sono relativamente stabili nel tempo (fatto).
  • Segue una lotta per la sopravvivenza (inferenza).
  • Gli individui in una popolazione variano in modo significativo l’uno dall’altro (fatto).
  • Gran parte di questa variazione è ereditabile (fatto).
  • Gli individui meno adatti all’ambiente hanno meno probabilità di sopravvivere e meno probabilità di riprodursi; gli individui più adatti all’ambiente hanno maggiori probabilità di sopravvivere e maggiori probabilità di riprodursi e lasciare i loro tratti ereditari alle generazioni future, il che produce il processo di selezione naturale (fatto).
  • Questo processo effettuato lentamente si traduce in popolazioni che cambiano per adattarsi ai loro ambienti e, alla fine, queste variazioni si accumulano nel tempo per formare nuove specie (inferenza).

In seguito alla pubblicazione avvenuta il 24 novembre 1859, il libro ha suscitato interesse internazionale e un dibattito diffuso, senza una linea netta tra questioni scientifiche e implicazioni ideologiche, sociali e religiose. Gran parte della reazione iniziale fu ostile, in gran parte perché pochissimi revisori comprendevano effettivamente la sua teoria, ma Darwin venne comunque preso sul serio in quanto scienziato noto e rispettato nella comunità scientifica dell’epoca. Samuel Wilberforce scrisse una recensione sulla Quarterly Review nel 1860 dove non era d’accordo con l ‘”argomento” di Darwin. C’era molta meno controversia di quella che aveva accolto la pubblicazione del 1844 Vestiges of Creation, che era stata rifiutata dagli scienziati, ma aveva influenzato un vasto pubblico di lettori portandoli a credere che la natura e la società umana fossero governate da leggi naturali. L’origine delle specie come libro di ampio interesse generale è stato associato a idee di riforma sociale. I suoi fautori hanno fatto pieno uso di un’impennata nella pubblicazione di riviste di revisione, e ha ricevuto all’epoca più attenzione popolare di quasi ogni altro lavoro scientifico, anche se non è riuscito a eguagliare le continue vendite di Vestiges. Il libro di Darwin legittimò la discussione scientifica sui meccanismi evolutivi e il termine di recente coniato darwinismo è stato usato per coprire l’intera gamma dell’evoluzionismo, non solo le sue idee. Verso la metà degli anni 1870, l’evoluzionismo era trionfante.

Anche se Darwin era stato prudente riguardo alle origini umane, non identificando alcuna conclusione esplicita sull’argomento nel suo libro, aveva lasciato abbastanza indizi sull’ascendenza animale umana da poter fare l’inferenza, e la prima recensione affermava che egli avesse creato l’idea “uomini dalle scimmie” dalle teorie di Vestiges. L’evoluzione umana divenne centrale nel dibattito e fu fortemente argomentata da Huxley che la presentò nelle sue popolari “conferenze dei lavoratori”. Darwin non pubblicò le sue opinioni su questo fino al 1871.

Immagine d’apertura: frontespizio della prima edizione di “L’Origine delle specie”

Bibliografia e fonti varie