Racconto di Delia Esposito

Papà dove stai andando ? – Chiese Elisa al papà che stava indossando la giacca per uscire. – Vado a manifestare per una città migliore, stellina, per la nostra salute – . Rispose Daniele mentre baciava la figlia di 5 anni sulla guancia. Elisa avrebbe voluto chiedere cosa significasse manifestare, ma il papà aveva già chiuso la porta dietro di sé. Ad attenderlo a piazzale  degli Eventi erano in tanti, forse 2000 persone. Sempre pochi – penso Daniele tra di sé. – Una città come Civitavecchia con 50 mila abitanti – Avanti si va verso il Pincio -urlò Daniele mentre alla testa del corteo insieme  ai No Coke il corteo si mosse per viale Garibaldi. Il  viale che costeggiava il mare e che offriva la vista al eco mostro in lontananza con le sue alte ciminiere .Il  corteo arrivò sotto il comune – LA SALUTE NON SI BARATTA -NO CARBONE – ENEL  MORTE  – GIU LE MANI DA CIVITAVECCHIA – gli slogan si alzavano nell aria calda di maggio. Arrivarono fino alle finestre del sindaco, degli assessori e dei consiglieri ma nessuno si affaccio. All’ entrata del palazzo del Pincio erano schierati i celerini in assetto anti sommossa.

Delia Esposito

Continua a leggere su eccocistore.it a questo link, dove potrai anche votare il racconto