24.5 C
Firenze
24/05/2022
banner scelta green 300x250

Samuel Morse inaugura la prima linea telegrafica

Il 24 maggio 1844 viene inaugurata la prima linea telegrafica ufficiale al mondo, la quale collega Baltimora e Washington D.C, usa il telegrafo elettrico Morse, inventato insieme all’omonimo codice da Samuel Morse nel 1837. Il messaggio inaugurale, suggerito a Samuel Morse da Annie Ellsworth, è tratto dalla Bibbia e dice: “Che cosa ha operato Dio!

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 1920px-The_First_Telegraph.jpg
Immagine del primo messaggio inviato tramite telegrafo da Morse

Il telegrafo è un sistema di comunicazione a distanza ideato per la trasmissione di dati (lettere, numeri e segni di punteggiatura) facendo uso di determinati codici, a differenza del telefono, sviluppato successivamente, il quale trasferisce dati vocali.

Replica del telegrafo ottico di Claude Chappe sul Litermont vicino a Nalbach, Germania

I primi esempi di telegrafo non erano elettrici, e risalgono alla fine del 700′, quando Claude Chappe e il fratello Ignazio Chappe lavorarono allo sviluppo di un sistema telegrafico basato su una catena di segnalatori. Nel 1793 presentarono al pubblico il modello di telegrafo ad asta, provvisto di una torre su cui era installato un braccio rotante che portava alle estremità due bracci minori; al tutto si facevano assumere configurazioni standard di lettere, numeri e ordini di servizio. Da una postazione successiva, distante diversi chilometri, un addetto dotato di cannocchiale riceveva il messaggio e lo ripeteva alla stazione ancora successiva. La prima linea commerciale fu aperta nel 1794 tra Parigi e Lilla. Il sistema ebbe successo e nei decenni seguenti si sviluppò una rete di centinaia di segnalatori telegrafici, rete che collegava Parigi con le zone periferiche della Francia e oltre, seguendo l’espansione dell’impero napoleonico. Due anni dopo lo scienziato tedesco Franz Karl Achard costruì un telegrafo ottico da campo che utilizzava un codice criptato, per risolvere l’ovvio problema della riservatezza, dovuto al fatto che i bracci rotanti erano visibili non solo dal destinatario del messaggio ma da chiunque. Lo provò fra Spandau e Berlino, ma l’esercito prussiano non ne volle sapere.

Samuel Morse in una foto del 1840

Vi furono vari altri sistemi telegrafici sviluppati, ma quello che si affermò definitivamente ed ebbe successo fu il telegrafo elettrico sviluppato da Morse. In breve il sistema si diffonde in tutti i continenti e forma una fitta rete. Con il tempo si hanno perfezionamenti, quali l’uso degli isolatori in vetro o in ceramica, il filo di rame (al posto del ferro) ed il sistema duplex, che consentirono di aumentare la lunghezza delle tratte e l’efficienza. Si forma anche una classe di operatori specializzati, alcuni dei quali arrivano a digitare il codice Morse a quasi 100 caratteri/minuto.

In Italia, a un mese dalle prove del 30 giugno 1847, Carlo Matteucci introduce il primo telegrafo elettromagnetico a quadrante tra Pisa e Livorno. E ad agosto del 1848 da Pisa percorre l’ultimo tratto della ferrovia Leopolda e completa la linea Livorno-Firenze. Seguono Lucca (15 giugno 1849), Poggibonsi e Siena (3 dicembre). Nel 1850 viene completata la linea Firenze-Prato-Pistoia-Pescia-Lucca. A Trieste il 12 febbraio 1849 viene aperto il primo ufficio telegrafico nell’Italia governata dagli austriaci. È collegato con Vienna per mezzo di un filo riservato ai dispacci di Stato sulla linea Lubiana-Trieste (179 km). A Trieste il 18 febbraio 1850 il servizio viene esteso alla corrispondenza privata ed è tra i più rapidi e rilevanti d’Europa.

Per la telegrafia senza fili bisogna attendere il 1896 quando Guglielmo Marconi per primo deposita il brevetto d’un sistema di telegrafia senza fili, mediante il quale nel dicembre del 1901 invia segnali attraverso l’Atlantico. Nasce la radio e nel 1907 vengono stabilite le prime comunicazioni transoceaniche affidabili.

In seguito all’avvento del telefono, la telegrafia cade in disuso, utilizzata solo in alcuni settori come la marina, all’interno della quale ne viene abbandonato infine l’utilizzo solo nel 1999, sostituita dalla tecnologia digitale GMDSS.

Immagine d’apertura: telegrafo di Morse

Bibliografia e fonti varie

  • Rollo Applayard, Piooners of Electrical Communication, Macmillan&Company, 1930
  • George Wilson, The Old Telegraphs, Phillimore Chichester, 1976
  • Urbano Cavina, La Telegrafia Aerea (Chappe e Depillon) Postazioni e Linee nell’Italia dell’800, Sandit Libri, 2006
  • Urbano Cavina, La Telegrafia Elettrica e le Origini del Morse (uffici e linee nell’Italia preunitaria), Sandit Libri, 2008
  • Beauchamp, Ken (2001), History of Telegraphy, London: The Institution of Electrical Engineers, ISBN 978-0-85296-792-8
  • Bowers, Brian, Sir Charles Wheatstone: 1802–1875, IET, 2001 ISBN 0852961030.
  • Calvert, J. B. (2008), The Electromagnetic Telegraph
  • Copeland, B. Jack, ed. (2006), Colossus: The Secrets of Bletchley Park’s Codebreaking Computers, Oxford: Oxford University Press, ISBN 978-0-19-284055-4
  • Fahie, John Joseph (1884), A History of Electric Telegraphy, to the Year 1837, London: E. & F.N. Spon, OCLC 559318239
  • Figes, Orlando (2010). Crimea: The Last Crusade. London: Allen Lane. ISBN 978-0-7139-9704-0.
  • Gibberd, William (1966), Australian Dictionary of Biography: Edward Davy
  • Hochfelder, David (2012). The Telegraph in America, 1832-1920. Johns Hopkins University Press. pp. 6–17, 138–141. ISBN 9781421407470.
  • Holzmann, Gerard J.; Pehrson, Björn, The Early History of Data Networks, Wiley, 1995 ISBN 0818667826.
  • Huurdeman, Anton A. (2003), The Worldwide History of Telecommunications, Wiley-Blackwell, ISBN 978-0471205050
  • Jones, R. Victor (1999), Samuel Thomas von Sömmering’s “Space Multiplexed” Electrochemical Telegraph (1808-10), retrieved 1 May 2009 Attributed to Michaelis, Anthony R. (1965), From semaphore to satellite, Geneva: International Telecommunication Union
  • Kennedy, P. M. (October 1971). “Imperial Cable Communications and Strategy, 1870–1914”. The English Historical Review86 (341): 728–752. doi:10.1093/ehr/lxxxvi.cccxli.728JSTOR 563928.
  • Kieve, Jeffrey L., The Electric Telegraph: A Social and Economic History, David and Charles, 1973 OCLC 655205099.
  • Mercer, David, The Telephone: The Life Story of a Technology, Greenwood Publishing Group, 2006 ISBN 031333207X.
  • Schwoch, James (2018). Wired into Nature: The Telegraph and the North American Frontier. University of Illinois Press. ISBN 9780252041778.