Due nuovi appuntamenti per il fine settimana targato ArteMìa e Prato Cultura: sabato si visita la chiesa di San Francesco e domenica l’esclusiva visita alle stanze del Vescovo.

Sabato 8 febbraio, alle 16.00, si visita la chiesa di San Francesco, il chiostro e la cappella Migliorati. Dietro un austero portone una chiesa antichissima, un chiostro dove il tempo si è fermato e una cappella completamente affrescata alla fine del Trecento… In due parole: San Francesco! Entrare nel chiostro dell’ex monastero di San Francesco è come entrare in un altro mondo, in un’epoca al di fuori del tempo e dello spazio circostante… I rumori e il ritmo frenetico della città sono un lontano ricordo, tutto è pace e serenità. Questo luogo straordinario nasconde un altro gioiello – solitamente chiuso al pubblico, e aperto in occasione di questa visita – la cappella Migliorati: un ambiente completamente affrescato dal fiorentino Niccolò Gerini – pittore tra i più attivi e noti della Toscana di fine Trecento – tra il 1395 e il 1400!

Pubblicità

Domenica 9 febbraio, in due turni di visita (alle 15.00 già completo e alle 16.30), si entra nelle esclusive stanze del Vescovo (visita riservata ai soci ArteMìa). Con questa visita si ha la possibilità di visitare i suggestivi ambienti del palazzo vescovile di Prato: il salone, la sala rossa, la segreteria, l’ufficio di mons. Nerbini e la preziosa cappella privata affrescata che si affaccia direttamente sull’altare della Sacra Cintola. Quest’ultima sarà aperta straordinariamente al pubblico solo in questa speciale occasione.

Il costo delle visite è di 10 euro a persona e la prenotazione è obbligatoria.

Ci sono ancora pochi posti disponibili. Per maggiori informazioni e prenotazioni, si può contattare direttamente ArteMia (sede in Piazza Lippi, n.34, aperta dal martedì al venerdì: 9.00 – 13.00; ed il giovedì anche: 14.00 – 18.00): telefono 3405101749 (attivo Mart. Merc. e Ven. 9 – 15; Giov. 9 – 18 e sab. 10 – 13), email artemiaprato o navigare su www.artemiaprato.it oppure pagina Facebook Artemia Prato.