Scoperto Plutone

Il 18 febbraio 1930 l’astronomo americano Clyde Tombaugh scopre il pianeta nano Plutone, il pianeta del sistema solare più lontano dal sole.

Si sospettava da tempo l’esistenza di un pianeta esterno rispetto a quelli già noti, a causa del fatto che Urano e Nettuno sembravano muoversi in modo diverso dal previsto, come se fossero perturbati dall’attrazione gravitazionale di un altro oggetto. Alle stesse conclusioni arrivarono William Henry Pickering e Percival Lowell all’inizio del Novecento. Perfino lo scrittore Howard P. Lovecraft aveva ipotizzato, sulla base di calcoli astronomici, l’esistenza di un altro pianeta oltre Nettuno. La tecnica delle perturbazioni aveva già riportato un grande successo nel 1846, quando Nettuno era stato scoperto allo stesso modo.

Clyde Tombaugh, lo scopritore di Plutone, in una foto del 1 gennaio 1930

Clyde Tombaugh iniziò ad interessarsi di astronomia sin da giovane, negli anni venti, costruendosi telescopi amatoriali per osservare oggetti del sistema solare. Nel 1928 mandò alcuni disegni di osservazioni compiute su Marte e Giove a Vesto Slipher, allora direttore dell’Osservatorio Lowell di Flagstaff, in Arizona. Slipher lo assunse all’osservatorio e lo incaricò della ricerca del Pianeta X, previsto da Lowell e Pickering. Seguendo le previsioni teoriche e dopo lunghe ricerche, il 18 febbraio 1930, per mezzo del confronto di lastre fotografiche impressionate pochi giorni prima, Tombaugh scoprì l’oggetto cercato, che già dai primi calcoli pareva orbitare al di là dell’orbita di Nettuno. Dopo che l’osservatorio ebbe ottenuto fotografie di conferma, la notizia della scoperta fu telegrafata all’Harvard College Observatory il 13 marzo 1930, in quanto l’osservatorio volle far coincidere la data con quella della scoperta di Urano da parte di Herschel e con la data di nascita di Percival Lowell, avvenuta nel 1855. Il pianeta fu in seguito ritrovato in fotografie risalenti al 19 marzo 1915.

Plutone fu trovato quasi esattamente nella posizione prevista dai calcoli teorici, per cui inizialmente si credette di aver trovato il corpo perturbatore, il Pianeta X. Tuttavia col passare degli anni le misurazioni rivelarono che Plutone era di gran lunga troppo piccolo per spiegare le perturbazioni osservate, e si pensò quindi che non si potesse trattare dell’ultimo pianeta del sistema solare. Ripartì quindi la caccia al decimo pianeta.

La questione fu risolta solo nel 1989, quando l’analisi dei dati della sonda Voyager 2 rivelò che le misure della massa di Urano e Nettuno comunemente accettate in precedenza erano lievemente sbagliate. Le orbite calcolate con le nuove masse non mostravano alcuna anomalia, il che escludeva categoricamente la presenza di qualunque pianeta più esterno di Nettuno con una massa elevata.

Dopo la scoperta, il nuovo corpo celeste venne rinominato Plutone, divinità romana dell’oltretomba. Il nome venne suggerito da una bambina di 11 anni, Venetia Burney, figlia di un professore di Oxford. Le prime lettere del nome, PL, anche iniziali dell’astronomo Percival Lowell che per primo ne ipotizzò l’esistenza, costituiscono il suo simbolo astronomico (♇, carattere unicode 2647). Il 24 agosto 2006 venne riclassificato come pianeta nano e ribattezzato formalmente 134340 Pluto dall’UAI (Unione Astronomica Internazionale).

Immagine d’apertura: immagine della sonda New Horizons scattata il 14 luglio 2015 solo 15 minuti dopo il massimo avvicinamento a Plutone da 18 000 km di distanza, nella foto sono visibili alcuni strati di nebbia dell’atmosfera.