Temporali in arrivo su buona parte d’Italia, ponte del Primo maggio variabile ma pur sempre in lockdown, e #caldo quasi estivo a partire da lunedì o martedì. Sono le previsioni di 3bmeteo.com per i prossimi giorni e la settimana a venire, che danno per possibile il ritorno dell’anticiclone subtropicale dal 4 maggio.

«Fine aprile piuttosto dinamico su buona parte del nostro Paese, grazie al passaggio di alcuni fronti instabili di origine atlantica provenienti dall’Europa nord-occidentale, uno dei quali raggiungerà il Nord Italia nel corso di giovedì e che sarà accompagnato da aria più fredda in quota che favorirà lo sviluppo di rovesci e temporali di forte intensità a ridosso delle aree alpine – dice Andrea Vuolo di 3bmeteo.com – Le regioni più colpite sarannodel Nord, in particolare l’alta Val Padana e le Prealpi centro-orientali, dove sono attesi locali nubifragi e accumuli di pioggia che potrebbero superare i 50 millimetri entro la tarda serata di giovedì, specie sull’alta Lombardia. Al Centro-Sud variabilità con schiarite anche ampie alternate ad annuvolamenti più consistenti a partire dal pomeriggio-sera, con possibili piovaschi su Appennino tosco-emiliano e umbro-marchigiano; clima piuttosto mite sul versante adriatico grazie ai venti di caduta dall’Appennino, con valori termici prossimi ai 25°C. Nella notte tra giovedì e venerdì fronte freddo in transito sulla Pianura Padana con ampie schiarite al Nordovest (ad esclusione della Val d’Aosta) e veloci rovesci in attivazione tra bassa Lombardia ed Emilia-Romagna verso Est, ma con miglioramento entro il mattino dove però è attesa un generale rinforzo dei venti da Nordovest; nel pomeriggio-sera di venerdì riattivazione di qualche temporale al Nordest e localmente sull’Appennino centro-settentrionale, con piogge sulla Valle d’Aosta centro-occidentale».

Week end variabile e mite

«Nel weekend è atteso un graduale rinforzo dell’alta pressione sull’Italia con condizioni meteorologiche nel complesso soleggiate o al più con nuvolosità irregolare in transito. Residue infiltrazioni di aria più fresca e instabile alle medie quote dell’atmosfera insisteranno ancora nella giornata di sabato sui versanti orientali della Penisola, che potranno determinare ancora l’innesco di qualche rapido acquazzone o temporale a evoluzione diurna sul Triveneto e sull’Appennino centrale, con locali sconfinamenti fin verso le aree costiere adriatiche. Poi dal 4 maggio e per buona parte della prossima settimana sembra invece possibile l’arrivo dell’anticiclone subtropicale sul Mediterraneo centro-occidentale che potrà andare a coinvolgere anche parte dell’Italia, specialmente le regioni tirreniche, il Nordovest e la Sardegna, dove le temperature subiranno un deciso aumento su valori pomeridiani tipici di inizio estate. Potranno invece rimanere ai margini dell’anticiclone le regioni adriatiche e l’estremo Nordest, interessate da afflussi di aria più fresca e instabile da Nordest legata ad una circolazione depressionaria posizionata sull’Europa orientale; si tratta comunque ancora di una tendenza che dovrà essere confermata più nel dettaglio nei prossimi aggiornamenti», conclude Andrea Vuolo di 3bmeteo.com.