Tifare Italia in Georgia e negli Usa. Ma poi?

Raccontami una storia premio letterario

Fin da piccola mi piaceva vedere ogni partita di calcio insieme con la mia famiglia. Siccome avevamo una grande tv, con un enorme schermo, tutti venivano a vedere i Mondiali a casa nostra. C’erano mio padre, mio zio, mio fratello, io e i miei cugini. Fino da bambini io e la mia cugina Natali, tifavamo per l’Italia ed eravamo innamorate di tutti i calciatori italiani: Roberto Baggio, Del Piero, Francesco Totti, Maldini, Zambrotta, Canavaro, Inzaghi, Toldo.
Mi ricordo anche ora, quando agli Europei hanno rotto il naso di Toldo. Ho pianto tutta la serata per lui. Il mio amore per il calcio italiano ha una lunga storia e sono sempre stata dalla parte dell’Italia, tanto che, con i miei amici, abbiamo persino fondato un club di tifosi.
Tutti amavamo l’Italia da morire e ci sentivamo molto uniti a vedere insieme le partite. Campioni per la quarta volta, grandi azzuri, famosi per la loro capacità, resistenza e anche bellezza. Dopo quattro anni di permanenza in Italia, il mio amore è diventato più grande, enorme.
Anche quest’anno, come sempre, ero entusiasta di vedere le partite della Coppa del mondo, per l’amore dei miei azzurri. Ma cosa è successo? All’inizio abbiamo cominciato bene, con l’Inghilterra, abbiamo giocato alla grande, ma secondo e terzo turno mi hanno fatto piangere. Ho visto che è morto il calcio italiano, ho visto i grandi calcatori che non hanno fatto niente, pure i miei preferiti Buffon, Andrea Pirlo e Balottelli.
È finito, tutto finito, è morto il calcio italiano! Bisogna trovare nuovi calciatori, un’altra squadra, con tanta forza e volontà. Ci tenevo tanto a queste partite e cosa hanno fatto? Meglio lasciar perdere. Non mi riesce credere che abbiamo perso con la Costa Rica, sono scioccata. Oh Dio, qualcuno può svegliarmi? Ditemi che era tutto un sogno! Ma che tristezza, che delusione!
Perché avete fatto così? Perché mi avete fatto piangere, ma dai… Non mi riesce credere che abbiamo perso. Ci credevo così tanto, volevo che diventassimo nuovamente campioni del mondo. No, no accetto questo, no…
Per me i Mondiali sono già finiti, anche se vivo negli Stati Uniti, non tiferò per gliUsa, rimango sempre fan dell’Italia e anche se abbiamo perso quest’anno, aspettero altri 4 anni e griderò con tutta la mia forza, viva Italia, forza azzurri e canterò insime con loro, l’inno italiano.

Tsisnami Sakvarlishvili