Treno da Prato all’aeroporto di Firenze: presto un’intesa

In treno dal Museo Pecci di Prato all’aeroporto di Firenze, passando per i centri commerciali di Campi Bisenzio e Sesto Fiorentino. L’idea c’è da tempo e la Regione punta adesso a stringere, con l’impegno a completare la linea 4 della tranvia di Firenze, dalla stazione delle Piagge fino a Campi Bisenzio, la realizzazione di un parcheggio scambiatore a San Donnino e, appunto, il metro-treno per collegare l’aeroporto fiorentino di Peretola, dove oggi arriva un’altra linea della tranvia, al Museo Pecci di Prato, passando per Mezzana, i centri commerciali campigiani di via fratelli Cervi, l’Osmannoro, Quaracchi e il Palagio degli Spini. Previsti anche il potenziamento della ciclovia Firenze-Prato-Pistoia e un nuovo polo scolastico superiore  in via Palegetta, sempre a Campi.

Tutti questi temi saranno parte di un protocollo d’intesa che sarà firmato nelle prossime settimane da Regione, Città metropolitana fiorentina, Comune di Firenze e Comune di Campi Bisenzio. L’architrave dell’accordo è stato discusso in un incontro tra il presidente della Toscana Eugenio Giani, il sindaco di Firenze e metropolitano Dario Nardella e il sindaco di Campi Bisenzio Emiliano Fossi. Erano presenti, assieme ai tecnici, anche l’assessore regionale ai trasporti Stefano Baccelli e la collega all’istruzione Alessandra Nardini.  Gli uffici dei rispettivi enti si sono presi venti giorni di tempo per affinare il testo: dopodiché, approvata dalle rispettive giunte, l’intesa sarà siglata. 

«L’area della piana fiorentina, densamente popolata è strategica per lo sviluppo della Toscana e  della città metropolitana, per la sua vocazione produttiva e commerciale – commenta il presidente Giani – Gli interventi messi in campo consentiranno di risolverne alcune problematicità ma anche valorizzare le opportunità che il territorio, per la sua collocazione geografica, esprime». 

Il potenziamento dei collegamenti ferrotranviari  – e la ciclovia – permetteranno infatti di alleggerire il traffico di auto e mezzi a motore nell’area, a beneficio della qualità dell’aria e di spostamenti più veloci. Sulla tranvia che dovrà arrivare a Campi Bisenzio è già stata presentata una richiesta di finanziamento attraverso un bando del Ministero alle infrastrutture e ai trasporti. Anche il nuovo polo scolastico campigiano, che trova ragione di essere nel peso demografico del comune (quasi 48 mila abitanti) e nel fatto di essere quello con la maggior percentuale di giovani nell’area metropolitana, è già stato pianificato.  Lì potrebbe trovare casa l’Istituto tecnico superiore di meccanica-meccatronica,  scuola – come tutti gli Its – a cui si accede dopo il diploma di maturità e che forma ‘supertecnici’ ricercatissimi dalle imprese. E la vocazione industriale del territorio è ben evidenziata dai numeri, vista la presenza di ben 3770 aziende. 

Altri articoli

Più bus per gli ospedali e più treni per i pendolari

Vista la capacità di trasporto dei mezzi pubblici ridotta al 50%...

Leggi anche

Chernobyl, 35 anni dopo

Fu un errore, tragico ed evitabile. Trentacinque anni fa...

Roarr, un ruggito ecologico più forte del Covid

Questa mattina in diretta streaming si è tenuta la...

Pasquale Montalto, gli incarichi in tutta Italia e la nomina a cavaliere

Onoreficienza nero su bianco, fresca di stampa sulla Gazzetta...

Resta in contatto

seguici su Instagram