Approvata all’unanimità mozione per l’istituzione della riserva naturale regionale dell’area del Monteferrato e della Calvana

PRATO, 1 dicembre 2023 – Il Consiglio comunale di Prato approva all’unanimità una mozione che chiede alla Regione Toscana di istituire la riserva naturale del Monteferrato e della Calvana. Un lavoro importante portato avanti dalle commissioni 5 e 4, presiedute da Rosanna Sciumbata e Maurizio Calussi, e che ha visto il coinvolgimento di tutti i membri di maggioranza e minoranza.

“Grande soddisfazione per l’approvazione all’unanimità ieri in Consiglio comunale della mozione delle commissioni 5 e 4 sulla istituzione di una Riserva Naturale dei monti della Calvana e del Monteferrato. Un lavoro che ho iniziato un paio di anni fa, con il deposito di una mozione a mia firma nella commissione 5, di cui sono membro, congiunta con la 4, alla quale ha poi lavorato anche il PD, e che é poi stata sottoscritta nel testo finale da tutti i membri delle due commissioni, che ringrazio. La speranza ora é che l’amministrazione porti tale mozione attorno a un tavolo a discutere con i colleghi e le colleghe dei comuni coinvolti. É un momento molto difficile per il nostro territorio, ma la Riserva sarebbe un bel segnale verso l’attenzione all’ambiente che chiediamo ancor piú oggi. La sua istituzione permetterebbe non solo una maggiore tutela dalla fauna e della flora esistente, ma anche lo sviluppo del turismo lento e sostenibile, maggiori risorse da parte della Regione e la promozione di una nuova cultura della montagna”, dichiara Silvia La Vita, capogruppo M5S in consiglio comunale.

“L’idea della riserva nasce dalla volontà di costruire un sistema integrato delle riserve con quella già esistente dell’Acquerino-Cantagallo, con l’obiettivo di implementare la salvaguardia dell’ambiente naturale e lo sviluppo di un turismo dolce, che il nostro comune sta sperimentando soprattutto in questi ultimi anni. Il nostro territorio, ancora di più in questa fase in cui gli eventi atmosferici hanno evidenziato problematiche importanti di dissesto idrogeologico, dimostra grande attenzione per il territorio con l’introduzione di una richiesta forte che deve necessariamente coinvolgere i comuni limitrofi, la provincia di Prato e la città metropolitana di Firenze. L’introduzione della Riserva potrebbe volere dire aprire aprire nuove opportunità in termini di tutela ma anche di sistemazione dei sentieri e dei boschi, per un futuro sviluppo armonico dell’ambiente naturale e una riscoperta soprattutto dal punto di vista turistico. Siamo convinti che la Regione possa aprire un tavolo di confronto con tutte le amministrazioni interessate del Monteferrato e della Calvana”, afferma Marco Sapia capogruppo PD in consiglio comunale.