Due pusher in manette a Ferragosto. Uno ingoia 6 ovuli d’eroina

Premio letterario Raccontami una storia

Uno ha ingoiato 6 ovuli d’eroina dopo aver venduto una dose a un giovane di Montemurlo. L’altro aveva scelto piazza della Stazione, a Prato, per spacciare marijuana. I due pusher sono finiti in manette a Ferragosto, su iniziativa di carabinieri e polizia.
A Montemurlo, in particolare, i militari della locale tenenza hanno arrestato ieri un 27enne nigeriano dopo averlo osservato con attenzione e, infine, preso sul fatto dopo aver aver ceduto una dose di eroina al ragazzo. Prima di essere perquisito, il pusher ha però ingerito alcune dosi. Trasportato all’ospedale di Prato, è stato trattenuto in osservazione, finché ha espulso 6 ovuli contenenti eroina. Arrestato, una volta dimesso è finito nelle camere di sicurezza dei carabinieri.
A Prato, la polizia ha invece arrestato un altro nigeriano, già finito in manette nell’agosto di un anno fa, sul quale aveva posato da tempo l’attenzione, per documentare l’assidua attivit di spaccio in piazza della Stazione. In questo caso, non si tratta di eroina ma di marijuana, circa 370 grammi, che i poliziotti hanno trovato e sequestrato, insieme a denaro contante, a casa dell’uomo, un trentenne, bloccato poco prima mentre stava discutendo con alcuni potenziali clienti, italiani e stranieri, la cessione di stupefacenti.