Fragile ed Effimera

Martedì 14 novembre

Radio Papesse presentaFragile ed effimera.La pietra come archivio e medium

Alla Fototeca del Kunsthistorisches Institut in Florenz Into Sugar We Could Have Turned,

una lecture performance in cui Mireia c. Saladrigues attiva documenti e narrazioni intorno alla martellata di Piero Cannata al David di Michelangelo (1991) navigando tra archivi, verbali, ricerche scientifiche e note biografiche.

All’Officina del Marmo, Stefano De Ponti porta Transient Mobiles, un’installazione sonora che incoraggia un ascolto attento, intenzionale e profondo.

Firenze, 7 novembre 2023 – Tra iconoclastia e indagine, memoria e ascolto. Fragile ed effimera. La pietra come archivio e medium è l’iniziativa curata da Radio Papesse prevista per martedì 14 novembre, che si propone di esplorare il lavoro di due artisti, la catalana Mireia c. Saladrigues e Stefano De Ponti.

È il 14 settembre del 1991 quando un fatto di cronaca fa il giro del mondo: un uomo, Piero Cannata, dà una martellata al piede sinistro del David di Michelangelo conservato alla Galleria dell’Accademia di Firenze. Viene danneggiato il secondo dito del piede sinistro.

Interessata all’iconoclastia come una delle molte forme di ricezione dell’arte, nel 2017 Mireia c. Saladrigues ha iniziato un lavoro di scavo archivistico per ricomporre la storia del sopracitato caso Cannata, approfondendo sui restauri che lo seguirono e sulla natura e la fisica del marmo, inteso esso stesso come archivio e testimonianza. La ricerca di Saladrigues, con cui Radio Papesse collabora dal 2018, si è condensata in una conferenza performativa dal titolo Into Sugar We Could Have Turned.

Il 14 novembre (alle ore 11.00  e alle ore 18.00, con ingresso gratuito con prenotazione a info@khi.fi.it), alla fototeca del Kunsthistorisches Institut in Florenz, Mireia c. Saladrigues la presenterà al pubblico, attivando documenti, memorie e altri materiali, navigando tra storia, archivi di istituzioni locali, narrazioni e geologia. A dicembre, Radio Papesse – con la collaborazione di Mireia c. Saladrigues – presenterà La Martellata, una serie radiofonica per Tre soldi di RADIO 3 RAI.  A partire dal caso Cannata, la serie cercherà di parlare di iconoclastia e di far chiarezza su un fenomeno tanto affascinante quanto complesso.

“Cosa ci dice una martellata al piede del David sul nostro rapporto con l’arte? – chiede l’artista – Quali fonti d’informazione mobilita un atto d’iconoclastia, oltre gli archivi e le singole memorie personali? Come hanno fatto i restauratori a estrarre dati dai frammenti di marmo escoriati del piede colpito? E la polvere (di marmo), diventa una testimonianza dell’attacco?” 

Sempre il 14 novembre, dalle 17.00 alle 21.30, la serata prosegue all’Officina del Marmo di Via dei Serragli con un’installazione sonora di Stefano De Ponti, dal titolo Transient Mobiles.
La collaborazione con Radio Papesse risale al 2020, quando prende corpo nell’ambito de La natura delle cose ama celarsi, un progetto di ricerca con cui Stefano De Ponti indaga le potenzialità percettive della pietra serena – arenaria endemica che segna il paesaggio toscano, dalle cave collinari intorno a Firenze fino ai bugnati rinascimentali dei centri storici – e le dinamiche di massificazione e accumulo nei processi di creazione e fruizione musicale.
In un presente caratterizzato da un accumulo seriale di contenuti e dinamiche di consumo frenetiche, parziali e distratte, quali modalità di fruizione potrebbero incoraggiare un coinvolgimento attento, intenzionale e profondo?

Transient Mobiles sono dispositivi portatili di ascolto monofonico per composizioni effimere. Basta una semplice pressione per attivare un flusso sonoro che, attraverso un diffusore osseo, si propaga nel corpo dell’utente, sfruttando le proprietà di conduzione e risonanza del sistema scheletrico. Il dispositivo si presta a essere scoperto e utilizzato in modo personale e in questo modo l’ascolto diventa esclusivo e qualitativamente diverso per ciascuno, modificato dalle peculiarità fisiche individuali. In questo senso potremmo considerare il Transient Mobile un’opera testimoniale, non verificabile, condivisibile sotto forma di racconto da parte di chi lo ha utilizzato, al quale dobbiamo accordare la nostra fiducia.

Il 14 novembre, Stefano De Ponti disseminerà i suoi transient mobiles nei laboratori dell’Officina del Marmo (Via dei Serragli 104, a ingresso libero), opificio e bottega artigianale che si occupa di mosaici e scagliola, di marmo e pietre dure.

“Quando abbiamo iniziato a lavorare con Mireia c. Saladrigues e con Stefano De Ponti, sapevamo che prima o poi avremmo voluto portarli insieme, farli collaborare. Le loro pratiche sono frutto di un lavoro di scavo e sedimentazione, di ricerche, sondaggi e accumuli di materia e materiali, di derive poetiche e di un interesse quasi ossessivo per la pietra: il marmo nel caso di Saladrigues, la pietra serena per Stefano De Ponti. Il loro lavoro ne smentisce le più classiche attribuzioni: muto come un sasso, solido come il marmo si dice e invece, nel loro lavoro, si scopre quanto fragile sa essere il marmo, quanto possa risuonare la pietra, quanto possano dire e custodire, come archivi di informazioni sedimentate.. e poca importa quale sia l’ordine di  grandezza, macigno o polvere” – dichiarano Carola Haupt e Ilaria Gadenz (Radio Papesse).

L’iniziativa è promossa da Radio Papesse, grazie alla collaborazione di Officina del Marmo, NUB Project Space e del Kunsthistorisches Institut in Florenz – Max-Planck-Institut nell’ambito di The City as Archive – un progetto curato da Costanza Caraffa e Hannah Baader. Con il supporto di Comune di Firenze, Città Metropolitana di Firenze e Fondazione CR Firenze. Into Sugar We Could Have Turned è possibile grazie al supporto di Kone Foundation e Suomen Kulttuurirahasto.

Ufficio stampa
Lorenzo Migno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *