23.5 C
Firenze
07/06/2022
banner scelta green 300x250

Il 7 giugno 1848 nasceva Paul Gauguin

Il pittore Paul Gauguin nasce a Parigi il 7 giugno 1848 ed è considerato uno tra i maggiori interpreti del post-impressionismo. Il suo uso sperimentale del colore e dello stile sintetista influenzarono l’avanguardia francese ed artisti come Picasso e Matisse. A solo un anno è costretto a lasciare la Francia perché i genitori, Clovis Gauguin e Aline Marie Chazal, erano stati condannati all’esilio, in quanto oppositori del regime politico di Napoleone III. Sei anni dopo il suo arrivo in Perù torna in Francia e studia presso le Petit Sèminaire a Orléans. Nel 1865 si imbarca in un mercantile come allievo pilota e giunge in Brasile. Torna in Francia nel 1867, dopo la morte della madre, e viene affidato a Gustave Arosa.

download 3
“La visione dopo il sermone” P. Gauguin

Dopo l’incontro con il pittore Emile Schuffenecker e su consiglio di Arosa, inizia a dedicarsi alla pittura come autodidatta. Nel 1874 inizia a frequentare l’Accademia Colarossi dove incontra Camille Pissarro, pittore impressionista francese, il quale, attraverso i suoi consigli, influenza l’arte di Gauguin. Nel 1886 lascia la famiglia in Danimarca e si reca in Bretagna. Realizza numerosi dipinti a Pont Aven. Conosce in questo periodo Theo e Vincent Van Gogh ed, in seguito ad un viaggio a Panama insieme a Charles Laval, trascorre un periodo ad Arles. In questo periodo continua a dedicarsi alla pittura e realizza “La visione dopo il sermone” con la quale rompe il legame con l’impressionismo e si lega al simbolismo. Nel 1891 parte per Thaiti dove si interessa alla cultura Maori e dipinge tele con scene di vita quotidiana e persone del luogo. Tra queste risaltano “Paroles du diable” e “La Fille à la mangue”.

Dopo due anni torna in Francia ed espone alla Galleria d’arte di Paul Durand-Ruel le tele realizzate durante il soggiorno a Thaiti, alcune tele dipinte in Bretagna e delle sue sculture. Nel giugno del 1895 riparte per Thaiti che lascia sei anni dopo per trasferirsi in modo definitivo nelle Isole Marchesi dove continua la sua attività artistica. L’8 maggio 1903 muore a Hiva Oa a causa della sifilide.

Bibliografia e fonti varie:

  • Elena Ragusa, Gauguin, in I Classici dell’Arte, vol. 10, Rizzoli, 2003
  • Victoria Charles, Paul Gauguin, in Great Masters, Parkstone International, 2001.
  • Lionello Venturi, La via dell’impressionismo, Torino, 1994, p. 302.