Mille Miglia 2024, gli organizzatori annunciano il percorso: la storica gara di auto d’epoca transiterà di nuovo da Prato

Tre anni dopo l’esperienza vincente, il 14 giugno 2024 la corsa più bella del mondo tornerà nella provincia laniera. Aci Prato: “Pronti a raccogliere questa sfida entusiasmante” 

La Mille Miglia transiterà di nuovo dalla provincia di Prato. Dopo il boom di partecipazione e consensi del 2021, la storica gara di auto d’epoca, definita anche ‘la corsa più bella del mondo’, tornerà ad attraversare il nostro territorio nel 2024. Lo farà venerdì 14 giugno nell’ambito della quarta tappa, quella che porterà le auto d’epoca da Roma a Bologna. L’annuncio è stato dato questa mattina durante l’evento di presentazione della Mille Miglia a Brescia, città da dove partirà la carovana martedì 11 giugno, per poi attraversare mezza Italia. Il primo traguardo di tappa ci sarà a Torino, poi il secondo giorno il convoglio inizierà la discesa verso sud scollinando le Langhe e attraversando il centro di Alba per fare rotta a Genova, novità assoluta della 1000 Miglia 2024. Continuando sulla costa tirrenica, la gara arriverà fino all’arrivo di Viareggio dove terminerà la seconda giornata. 

La terza tappa vedrà la discesa verso la capitale: inizialmente la corsa virerà verso l’entroterra passando da Lucca, poi tornerà sulla costa a Livorno fino al break del pranzo a Castiglione della Pescaia. Nel pomeriggio il passaggio da Grosseto, l’ingresso nel Lazio, il Lago di Bolsena e la conclusione a Roma in via Veneto. 

Con la quarta tappa entra in gioco Prato. Venerdì 14 giugno gli equipaggi risaliranno fino a Orvieto e poi Solomeo, sede del pranzo. Dopo il break sarà il turno di Siena e Prato e dei passi della Futa e della Raticosa, che precederanno l’arrivo a Bologna. Nella giornata finale di sabato 15 giugno il percorso toccherà Ferrara e Mantova, poi il Lago di Garda con la Valtenesi e Salò per finire con la classica passerella in viale Venezia a Brescia. 

“Riavremo la Mille Miglia a Prato – commenta il presidente di Aci Prato, Federico Mazzoni -. Ci siamo guadagnati questa ribalta internazionale di enorme prestigio, continuando con tenacia lo straordinario lavoro di squadra dell’edizione 2021, che è valsa i complimenti e riconoscimenti unanimi sia dai concorrenti che dell’organizzazione. Non abbiamo solo mostrato una città piena di bellezze, ma abbiamo saputo raccontare una storia che è rimasta nei cuori dei partecipanti, che non si sono fatti pregare per manifestare la loro soddisfazione per un’accoglienza memorabile. L’Automobile Club chiamerà di nuovo a raccolta tutte le forze della città per provare a superarci. É una bella sfida, ma Prato sarà all’altezza”. 

Il percorso sul nostro territorio verrà definito nelle prossime settimane in accordo fra l’organizzazione della corsa e l’Aci di Prato. L’idea è quella di potere coinvolgere quante più realtà associative della provincia, replicando il modello vincente del 2021. E intanto i Comuni hanno già assicurato il loro supporto. “Siamo felici di questa nuova opportunità per gli appassionati e per tutta la città – aggiunge il direttore di Aci Prato Claudio Bigiarini -. Abbiamo lasciato un ottimo ricordo, prova ne è questo secondo passaggio a distanza di pochi anni. Se nel 2021 le incognite erano tante, nel 2024 ci saranno delle aspettative che faremo di tutto per non deludere. Proveremo ancora a sorprendere positivamente organizzatori e partecipanti. Siamo fiduciosi: abbiamo fatto tesoro di quanto fatto nel 2021 e saremo pronti per raccogliere questa nuova sfida, certi della collaborazione degli enti – a cominciare dal Comune di Prato – e delle numerose associazioni. Quando c’è una cosa da fare, a Prato si fa, e lo dico da non pratese”.