La Regione Toscana si prepara a stringere sui nuovi casi di coronavirus. Entro la giornata di oggi, sarà emessa una una nuova ordinanza a firma del presidente Enrico Rossi dedicata alla gestione dei cluster da sovraffollamento e da contagio intrafamiliare. Il nuovo provvedimento chiederà ai sindaci di ordinare la riduzione del sovraffollamento familiare, laddove si ravvisino le positività, attraverso l’invio dei contagiati in alberghi sanitari. Sarà inoltre prevista un’intensificazione dei tamponi da eseguire nelle comunità di stranieri nelle quali si verificano nuovi contagi.

I nuovi casi di coronavirus in Toscana, sia pure contenuti rispetto ai mesi passati, alzano il livello d’allarme per evitare una ripresa dell’epidemia. Dopo i 9 casi di Impruneta e gli altri tamponi positivi rilevati negli ultimi due giorni, il presidente della Regione, Enrico Rossi, si appresta a firmare una l’ordinanza. Lo comunica la stessa Regione Toscana.

> Qui la notizia aggiornata con il contenuto dell’ordinanza e i casi che destano preoccupazione

Altri 9 casi in più rispetto a ieri sono stati intanto registrati nella regione. Si registrano anche due nuovi decessi, un uomo e una donna, con un’età media di 78 anni, residenti nelle province di Arezzo e di Massa Carrara.

Di seguito i casi di positività sul territorio con la variazione rispetto a ieri, secondo il bolletino diramato oggi dalla Regione Toscana. Sono 3.200 i casi complessivi ad oggi a Firenze (1 in più rispetto a ieri), 534 a Prato, 748 a Pistoia, 1.052 a Massa (1 in più), 1.351 a Lucca, 932 a Pisa, 479 a Livorno (1 in più), 680 ad Arezzo (3 in più), 429 a Siena, 400 a Grosseto (3 in più). Uno in più quindi i casi riscontrati oggi nell’Asl Centro, 2 nella Nord Ovest, 6 nella Sud est.

Complessivamente, 311 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi  (più 4 rispetto a ieri, più 1,3%). 
Sono 1.233 (meno 276 rispetto a ieri, meno 18,3%) le persone, anch’esse isolate, in sorveglianza attiva perché hanno avuto contatti con persone contagiate (Asl Centro 435, Nord Ovest 736, Sud Est 62). 
Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti Covid oggi sono complessivamente 13, 3 in meno di ieri (meno 18,8%), di cui 2 in terapia intensiva (1 in meno rispetto a ieri, meno 33,3%). È il punto più basso dal 3 marzo 2020 per le terapie intensive e i ricoveri totali.

Le persone complessivamente guarite salgono a 8.838 (più 6 rispetto a ieri, più 0,1%): 224 persone “clinicamente guarite” (meno 4 rispetto a ieri, meno 1,8%), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione e 8.614 (più 10 rispetto a ieri, più 0,1%) dichiarate guarite a tutti gli effetti, le cosiddette guarigioni virali, con doppio tampone negativo.