Il 2 gennaio 1843 Wagner dirige la prima rappresentazione dell’opera teatrale L’Olandese Volante al Königliches Hoftheater di Dresda.

All’inizio del 1839, il ventiseienne Richard Wagner fu impiegato come direttore al Teatro di Corte di Riga. Il suo stile di vita stravagante e il ritiro dal palco della moglie attrice, Minna Planer, gli avevano fatto accumulare enormi debiti che non era in grado di ripagare. Wagner scrisse allora l’opera Rienzi e escogitò un piano per fuggire dai suoi creditori a Riga, riparare a Parigi attraverso Londra e fare fortuna mettendo Rienzi sul palco dell’Opéra di Parigi. Tuttavia, questo piano si trasformò rapidamente in un disastro: il suo passaporto era stato sequestrato dalle autorità per conto dei suoi creditori, lui e Minna dovettero attraversare il confine prussiano illegalmente. Saliti a bordo della nave Thetis, il cui capitano aveva acconsentito a prenderli senza passaporto, il loro viaggio in mare fu ostacolato da tempeste e mare aperto. La nave a un certo punto si rifugiò nei fiordi norvegesi a Tvedestrand, e un viaggio che avrebbe dovuto durare otto giorni alla fine portò Wagner a Londra tre settimane dopo aver lasciato Riga.

La scena finale dell’Olandese volante, ripresa dalla Illustrierte Zeitung di Lipsia del 7 ottobre 1843.

Anche l’esperienza di Wagner a Parigi fu disastrosa. Non riusciva a trovare lavoro come direttore e l’Opéra non voleva mettere in scena Rienzi. I Wagner furono ridotti alla povertà, contando sulle dispense degli amici e sui pochi guadagni che Wagner poteva ricavare scrivendo articoli sulla musica e copiando spartiti. Wagner ebbe così l’idea di un’opera in un atto sul tema dell’Olandese Volante, che sperava potesse essere eseguita prima di un balletto all’Opéra.

Wagner scrisse la prima bozza in prosa della storia a Parigi all’inizio di maggio 1840, basando la storia sulla satira di Heinrich HeineLe memorie di Mister von Schnabelewopski” (“Aus den Memoiren des Herrn von Schnabelewopski”) pubblicata su Der Salon nel 1834. Il racconto di Heine, il narratore assiste alla rappresentazione di una rappresentazione teatrale fittizia sul tema del capitano di mare maledetto a salpare per sempre per blasfemia. Heine introduce il personaggio come un ebreo errante dell’oceano, e aggiunge anche il tema ripreso molto fortemente da Wagner in questa e in molte opere successive: l’olandese può essere riscattato solo dall’amore di una donna fedele. Nella versione di Heine, questo è presentato come un mezzo per l’umorismo ironico; tuttavia, Wagner ha preso questo tema alla lettera e nella sua bozza, la donna è fedele fino alla morte.

Richard Wagner, autore di L’Olandese Volante, nel 1861

Alla fine di maggio 1841 Wagner aveva completato il libretto o la poesia come preferiva chiamarlo. La composizione della musica era iniziata da maggio a luglio dell’anno precedente, 1840, quando Wagner scrisse Senta’s Ballad, la canzone dei marinai norvegesi nell’atto 3 (“Steuermann, lass die Wacht!”) e la successiva canzone fantasma dell’equipaggio dell’olandese nella stessa scena. Questi sono stati composti per un’audizione all’Opéra di Parigi, insieme allo schizzo della trama. Wagner compose il resto del Der fliegende Holländer durante il l’estate del 1841, con l’ultima scritta dell’Ouverture, e nel novembre 1841 l’orchestrazione della partitura era completa. Sebbene questa partitura fosse progettata per essere eseguita continuamente in un unico atto, Wagner in seguito divise il pezzo in un’opera in tre atti. In tal modo, tuttavia, non alterò la musica in modo significativo, ma interruppe semplicemente le transizioni che erano state originariamente create per fluire senza soluzione di continuità (il layout originale in un atto viene ripristinato in alcune esibizioni).

Nella sua bozza originale Wagner ambientò l’azione in Scozia, ma cambiò la location in Norvegia poco prima della prima produzione messa in scena a Dresda e diretta da lui stesso nella prima rappresentazione teatrale del 2 gennaio 1843.

Nel suo saggio “Una comunicazione ai miei amici” del 1851, Wagner affermò che L’Olandese rappresentava per lui un nuovo inizio: “Da qui inizia la mia carriera di poeta e il mio addio al mero inventore di testi d’opera“. In effetti, fino ad oggi l’opera è la prima delle opere di Wagner ad essere eseguita al Festival di Bayreuth e, almeno per quel teatro, segna l’inizio del canone di Wagner maturo.

Immagine d’apertura: partitura manoscritta da Wagner. Prima pagina dell’Ouverture.

Bibliografi e fonti varie

  •  Gutman, Robert W., Wagner – The Man, His Mind and His Music, 1990, Harvest Books. ISBN 978-0-15-677615-8 
  • Millington, Barry, ed. (1992). The Wagner Compendium: A Guide to Wagner’s Life and Music. London: Thames and Hudson. ISBN 0-02-871359-1.