15.7 C
Firenze
29/04/2022
banner scelta green 300x250

Rivolta di Pasqua

Il 29 aprile 1916 si conclude in Irlanda la Rivolta di Pasqua, una insurrezione armata repubblicana per l’indipendenza dell’isola dal Regno Unito. Repressa nel sangue, contribuì significativamente all’aumento del sostegno popolare per una repubblica irlandese indipendente.

L’Atto di Unione 1800 unì il Regno di Gran Bretagna e il Regno d’Irlanda come Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda, abolendo il Parlamento irlandese e dando rappresentanza all’Irlanda nel Parlamento britannico. Fin dall’inizio, molti nazionalisti irlandesi si opposero all’Atto e alla continua mancanza di un’adeguata rappresentanza politica, insieme al modo in cui il governo britannico ha gestito l’Irlanda e gli irlandesi, in particolare la Grande carestia irlandese nel diciottesimo secolo. L’opposizione assunse varie forme: costituzionale (la Repeal Association; la Home Rule League), sociale (scioglimento della Chiesa d’Irlanda; la Land League) e rivoluzionaria (Rebellion of 1848; Fenian Rising). Il movimento Irish Home Rule ha cercato di ottenere l’autogoverno per l’Irlanda, all’interno del Regno Unito. Nel 1886, il Partito parlamentare irlandese guidato da Charles Stewart Parnell riuscì a far introdurre nel parlamento britannico il First Home Rule Bill, ma fu sconfitto. Il Second Home Rule Bill del 1893 fu approvato dalla Camera dei Comuni ma respinto dalla Camera dei Lord.

Dopo la morte di Parnell, i nazionalisti più giovani e più radicali furono disillusi dalla politica parlamentare e si orientarono verso forme più estreme di separatismo. La Gaelic Athletic Association, la Gaelic League e la rinascita culturale sotto WB Yeats e Augusta, Lady Gregory, insieme al nuovo pensiero politico di Arthur Griffith espresso nel suo quotidiano Sinn Féin e organizzazioni come il Consiglio nazionale e la Sinn Féin League, hanno guidato molti irlandesi si identificano con l’idea di un’Irlanda gaelica indipendente. Questo è stato a volte indicato con il termine generico Sinn Féin, con le autorità britanniche che lo usavano come nome collettivo per repubblicani e nazionalisti avanzati.

Il Third Home Rule Bill fu introdotto dal primo ministro liberale britannico H. H. Asquith nel 1912. Gli unionisti irlandesi, che erano prevalentemente protestanti, si opposero, poiché non volevano essere governati da un governo irlandese dominato dai cattolici. Guidati da Sir Edward Carson e James Craig, formarono gli Ulster Volunteers (UVF) nel gennaio 1913. In risposta, i nazionalisti irlandesi formarono un gruppo paramilitare rivale, i Volontari irlandesi, nel novembre 1913. La Fratellanza Repubblicana Irlandese (IRB) era una forza trainante dietro i Volontari irlandesi e tentò di controllarla. Il suo leader era Eoin MacNeill, che non era un membro dell’IRB. L’obiettivo dichiarato dei Volontari irlandesi era “garantire e mantenere i diritti e le libertà comuni a tutto il popolo irlandese“. Comprendeva persone con una vasta gamma di opinioni politiche ed era aperto a “tutti gli irlandesi normodotati senza distinzione di credo, politica o gruppo sociale“. Un altro gruppo militante, l’Irish Citizen Army, è stato formato da sindacalisti a seguito del blocco di Dublino di quell’anno. Gli ufficiali dell’esercito britannico hanno minacciato di dimettersi se gli fosse stato ordinato di agire contro l’UVF. Quando i volontari irlandesi introdussero di contrabbando fucili a Dublino, l’esercito britannico tentò di fermarli e sparò a una folla di civili. Nel 1914, l’Irlanda sembrava essere sull’orlo di una guerra civile. La guerra civile tuttavia sembrò essere evitata nell’agosto di quell’anno dallo scoppio della prima guerra mondiale e dal coinvolgimento dell’Irlanda in essa. Tuttavia, il 18 settembre 1914 il Government of Ireland Act 1914 fu si emanato e inserito nel libro degli statuti, ma allo stesso tempo venne approvato il Suspensory Act, che rinviava la Home Rule irlandese di un anno, con il potere di rinviarla per ulteriori periodi di sei mesi finché la guerra fosse continuata. All’epoca era opinione diffusa che la guerra non sarebbe durata più di pochi mesi. Il 14 settembre 1915 fu emesso un ordine in Consiglio ai sensi della legge sospensiva di sospendere la legge sul governo irlandese fino al 18 marzo 1916. Un altro ordine simile fu emesso il 29 febbraio 1916, sospendendo la legge per altri sei mesi.

Il Consiglio supremo dell’IRB si riunì il 5 settembre 1914, poco più di un mese dopo che il governo britannico aveva dichiarato guerra alla Germania. In questo incontro, decisero di organizzare una rivolta prima della fine della guerra e di ottenere l’aiuto della Germania. La responsabilità della pianificazione della rivolta è stata data a Tom Clarke e Seán Mac Diarmada. I volontari irlandesi, la più piccola delle due forze risultanti dalla divisione del settembre 1914 per il sostegno allo sforzo bellico britannico, costituirono uno “staff del quartier generale” che includeva Patrick Pearse come responsabile dell’organizzazione militare, Joseph Plunkett responsabile delle operazioni militari e Thomas MacDonagh come responsabile dell’addestramento. Éamonn Ceannt è stato successivamente aggiunto come responsabile delle comunicazioni.

Membri dell’Esercito dei cittadini irlandesi fuori Liberty Hall, con lo slogan “Non serviamo né il re né il Kaiser, ma l’Irlanda”

La Rivolta, chiamata in inglese Easter Risings e in irlandese Éirí Amach na Cásca iniziò il lunedì di Pasqua, 24 aprile 1916 e durò sei giorni. I membri volontari irlandesi, guidati nelle azioni militari dal maestro di scuola e attivista per la lingua irlandese Patrick Pearse, a cui si unirono il più piccolo Irish Citizen Army di James Connolly e 200 donne di Cumann na mBan, sequestrarono edifici strategicamente importanti a Dublino e proclamarono la Repubblica irlandese. L’esercito britannico ha portato migliaia di rinforzi, artiglieria e una cannoniera. Ci furono scontri per strada sulle vie verso il centro della città, dove i ribelli rallentarono l’avanzata britannica e inflissero agli inglesi molte perdite. Altrove a Dublino, i combattimenti consistevano principalmente di sparatorie a lungo raggio. Le principali posizioni ribelli furono gradualmente circondate e bombardate dall’artiglieria. Ci sono anche state azioni isolate in altre parti dell’Irlanda; Il leader volontario Eoin MacNeill aveva emesso un contrordine nel tentativo di fermare la rivolta, che ha notevolmente ridotto il numero di ribelli che si sono mobilitati.

I firmatari della proclamazione d0indipendenza durante la Rivolta: Tom Clarke, Seán Mac Diarmada, Thomas MacDonagh, Patrick Pearse, Éamonn Ceannt, James Connolly, Joseph Plunkett

Con un numero molto maggiore di uomini e armi più pesanti, l’esercito britannico soppresse la Rivolta. Pearse ha accettato una resa incondizionata sabato 29 aprile, sebbene i combattimenti sporadici siano continuati per breve tempo. Dopo la resa, il paese è rimasto sotto la legge marziale. Circa 3.500 persone furono fatte prigioniere dagli inglesi e 1.800 di loro furono mandate in campi di internamento o prigioni in Gran Bretagna. La maggior parte dei leader della rivolta furono giustiziati dopo la corte marziale. La rivolta riportò il repubblicanesimo armato in prima linea nella politica irlandese, che per quasi cinquant’anni era stata dominata dal nazionalismo costituzionale. L’opposizione alla reazione britannica alla Rivolta contribuì ai cambiamenti nell’opinione pubblica e al movimento verso l’indipendenza, come mostrato nelle elezioni del dicembre 1918 in Irlanda, vinte dal partito Sinn Féin, che convocò il Primo Dáil e dichiarò l’indipendenza.

Delle 485 persone uccise, 260 erano civili, 143 erano militari e poliziotti britannici e 82 erano ribelli irlandesi, inclusi 16 ribelli giustiziati per il loro ruolo nella Rivolta. Più di 2.600 persone sono rimaste ferite. Molti dei civili furono uccisi o feriti dal fuoco dell’artiglieria britannica o furono scambiati per ribelli. Altri sono stati coinvolti nel fuoco incrociato durante gli scontri a fuoco tra britannici e ribelli. I bombardamenti e gli incendi che ne derivarono hanno lasciato parti del centro di Dublino in rovina.

Immagine d’apertura: il guscio del G.P.O. su Sackville Street (in seguito O’Connell Street), Dublino all’indomani della Rivolta del 1916

Bibliografia e fonti varie