Carabinieri

15enne nasconde un chilo di hashish tra le mutande e la cameretta

Raccontami una storia premio letterario

Sembrava l’acquirente, tanto era giovane, e invece era lo spacciatore, con quasi un chilo di hashish nascosto tra mani, parti intime e abitazione. È un ragazzo di 15 anni, residente a Firenze, arrestato dai carabinieri e riconsegnato alla famiglia. Lo ha tradito, al momento del controllo dei militari, il suo gran nervosismo.

Nalla serata di ieri, transitando nel parcheggio pubblico di piazza Ravenna nel quartiere di Ricorboli, i carabinieri hanno notato due ragazzi il cui comportamento ha destato sospetti. La conferma è arrivata quando uno dei due, alla vista della gazzella, ha abbandonato lo scooter scappando di corsa sul lungarno Ferrucci. I carabinieri sono riusciti a bloccare il secondo ragazzo, un 15enne italiano residente nelle vicinanze; ancora nella mano custodiva 3 grammi di hashish. La prima ricostruzione dei fatti ha portato i militari a ritenere che il minorenne fermato potesse essere l’acquirente della sostanza, mentre quello allontanatosi il venditore. L’agitazione del ragazzo ha però spinto i carabinieri ad approfondire il controllo.

Nascosto negli indumenti intimi del ragazzo, all’interno di un pacchetto di sigarette, è stato così rinvenuto un panetto di 50 grammi di hashish. La perquisizione è stata a quel punto estesa anche a casa del 15enne: ben nascosti dietro l’armadio nella sua camera, i carabinieri hanno scovato un grosso sacchetto con 8 panetti, per complessivi 800 grammi della stessa sostanza stupefacente, oltre a materiale utile al confezionamento in dosi.