14.5 C
Firenze
21/04/2022
720x70 estra banner

Abbattuto il Barone Rosso

Il 21 aprile 1918 poco tempo prima della fine della prima guerra mondiale, Manfred Von Richtofen, celebre pilota militare tedesco noto con i soprannomi di “Barone Rosso” (Der Rote Baron) e “Asso degli assi” muore in combattimento, 11 giorni prima del suo ventiseiesimo compleanno. Durante la guerra aveva, da solo, abbattuto circa 80 aerei nemici.

Richthofen nacque nell’impero tedesco a Kleinburg, vicino a Breslavia, Bassa Slesia (ora parte della città di Breslavia, in Polonia), il 2 maggio 1892 da un’importante famiglia aristocratica prussiana. Suo padre era il maggiore Albrecht Philipp Karl Julius Freiherr von Richthofen e sua madre era Kunigunde von Schickfuss und Neudorff. Aveva una sorella maggiore, Ilse, e due fratelli minori.

Stemma familiare dei Richtofen

Quando aveva quattro anni, Manfred si trasferì con la sua famiglia nella vicina Schweidnitz (ora Świdnica, Polonia). A scuola gli piaceva andare a cavallo, cacciare e fare ginnastica. Eccelleva alle parallele e vinse numerosi premi a scuola. Lui ei suoi fratelli, Lothar e Bolko, cacciavano cinghiali, alci, uccelli e cervi.

Dopo essere stato istruito a casa, ha frequentato una scuola a Schweidnitz prima di iniziare l’addestramento militare alla giovanissima età di 11 anni. Dopo aver completato l’addestramento dei cadetti nel 1911, si unì a un’unità di cavalleria ulana, il reggimento Ulanen Kaiser Alexander der III. von Russland (1. Westpreußisches) Nr. 1 (“1 ° reggimento Uhlan Imperatore Alessandro III di Russia (1 ° Prussia occidentale)”) ed è stato assegnato al 3. Eskadron (“Squadrone n. 3”) del reggimento.

Richthofen era un Freiherr (letteralmente “Signore Libero”), un titolo nobiliare spesso tradotto come “barone“. Questo non è un nome dato né un titolo strettamente ereditario, poiché tutti i membri maschi della famiglia ne avevano diritto, anche durante la vita del padre. Richthofen dipinse il suo aereo di rosso, e questo combinato con il suo titolo lo portò a essendo chiamato “Il Barone Rosso” , in tedesco “Der Rote Baron” sia all’interno che all’esterno della Germania. Durante la sua vita, è stato più frequentemente descritto in tedesco come Der Rote Kampfflieger, variamente tradotto come “Il rosso aviatore da battaglia” o “Il pilota combattente rosso”. Questo nome fu usato come titolo dell’autobiografia di Richthofen del 1917.

Quando iniziò la prima guerra mondiale, Richthofen prestò servizio come ufficiale di ricognizione di cavalleria sia sul fronte orientale che su quello occidentale, assistendo all’azione in Russia, Francia e Belgio; con l’avvento della guerra di trincea, che rese obsolete e inefficienti le tradizionali operazioni di cavalleria, il reggimento di Richthofen fu smontato, servendo come corrieri di spedizione e operatori telefonici da campo. Deluso e annoiato di non poter partecipare direttamente al combattimento, l’ultima goccia per Richthofen fu l’ordine di trasferirsi al ramo di rifornimento dell’esercito. Si interessò al servizio aereo in seguito all’osservazione di un aereo militare tedesco dietro le linee, e fece domanda per un trasferimento al Die Fliegertruppen des deutschen Kaiserreiches (servizio aereo dell’esercito tedesco imperiale), in seguito noto come il Luftstreitkräfte. È stato riferito falsamente che nella sua domanda di trasferimento avesse scritto: “Non sono andato in guerra per raccogliere formaggio e uova, ma per un altro scopo“. La sua richiesta fu accolta e Manfred si unì al servizio aereo militare tedesco alla fine di maggio 1915.

Da giugno ad agosto 1915, Richthofen prestò servizio come osservatore in missioni di ricognizione sul fronte orientale con Feldflieger Abteilung 69 (“Squadrone di volo n 69 “). Nell’agosto 1915 fu trasferito in un’unità di volo a Ostenda, una città costiera del Belgio. Lì volò con l’amico e collega pilota Georg Zeumer, che in seguito gli avrebbe insegnato a volare da solo. Al momento del trasferimento sul fronte dello Champagne, si ritiene che abbia abbattuto un aereo Farman francese attaccante con la mitragliatrice del suo osservatore in una tesa battaglia sulle linee francesi; non gli fu attribuito l’uccisione, poiché l’aereo cadde dietro le linee alleate. e quindi non ha potuto essere confermato.

Manfred von Richthofen ebbe un incontro casuale con l’asso pilota di caccia tedesco Oswald Boelcke che lo portò ad entrare in addestramento come pilota nell’ottobre 1915. Nel febbraio 1916 Manfred “salvò” suo fratello Lothar dalla noia di addestrare nuove truppe a Luben e lo incoraggiò a trasferirsi alla Fliegertruppe. Il mese successivo, Manfred si unì al Kampfgeschwader 2 (“Squadriglia di bombardieri n. 2”) pilotando un Albatros C.III a due posti. Inizialmente, sembrava essere un pilota al di sotto della media. Faticava a controllare il suo aereo e si è schiantato durante il suo primo volo ai comandi. Nonostante questo pessimo inizio, si è rapidamente sintonizzato con il suo aereo. Era sopra Verdun il 26 aprile 1916 e sparò su un Nieuport francese, abbattendolo sopra Fort Douaumont, anche se non ricevette alcun credito ufficiale.

Richthofen ha ottenuto la sua prima vittoria confermata quando ha ingaggiato Tom Rees nei cieli di Cambrai, in Francia, il 17 settembre 1916. Nella sua autobiografia afferma: “Ho onorato il nemico caduto mettendo una pietra sulla sua bellissima tomba“. Richtofen infatti contattò un gioielliere a Berlino e ordinò una coppa d’argento con incisa la data e il tipo di aereo nemico. Ha continuato le ordinazioni per celebrare ciascuna delle sue vittorie nello stesso modo fino a quando non ebbe 60 coppe, momento in cui la diminuzione dell’offerta d’argento nella Germania bloccata significava che le coppe d’argento non potevano più essere fornite. Richthofen interruppe i suoi ordini in questa fase, piuttosto che accettare tazze di metallo comune.

Il Fokker Dr.I tutto rosso di Richthofen

Suo fratello Lothar (40 vittorie) usò tattiche rischiose e aggressive, ma Manfred osservò una serie di massime note come “Dicta Boelcke” per assicurare il successo sia allo squadrone che ai suoi piloti. Non era un pilota spettacolare o acrobatico come suo fratello o Werner Voss; tuttavia, era un noto tattico e leader di squadriglia e un ottimo tiratore. In genere, si tuffava dall’alto per attaccare con il vantaggio del sole alle sue spalle, con altri piloti della sua squadriglia che coprivano la sua parte posteriore e fianchi.

Il 23 novembre 1916, Richthofen abbatté il suo avversario più famoso, l’asso britannico Major Lanoe Hawker VC, descritto da Richthofen come “il Boelcke britannico“. La vittoria è arrivata mentre Richthofen volava con un Albatros D.II e Hawker con il vecchio DH.2. Dopo un lungo combattimento aereo, Hawker è stato colpito alla nuca mentre cercava di tornare alle sue stesse linee.

Richthofen ricevette il Pour le Mérite nel gennaio 1917 dopo la sua sedicesima uccisione confermata, la più alta onorificenza militare in Germania all’epoca e informalmente nota come “Il Max Blu”. Nello stesso mese, ha assunto il comando della squadra Jasta 11 che comprendeva alcuni dei piloti tedeschi d’élite, molti dei quali si erano addestrati da soli, e molti dei membri della squadra in seguito sono diventati leader dei propri squadroni. Ernst Udet apparteneva al gruppo di Richthofen e in seguito divenne Generaloberst Udet. Quando Lothar si unì, l’alto comando tedesco apprezzò il valore propagandistico di due Richthofen che combattevano insieme per sconfiggere il nemico in aria.

Richthofen ha preso in quel periodo la insolita decisione di avere il suo Albatros dipinto di rosso quando è diventato comandante di squadriglia. La sua autobiografia afferma: “Per qualsiasi motivo, un bel giorno mi è venuta l’idea di far dipingere la mia cassa di un rosso abbagliante. Il risultato è stato che assolutamente tutti non potevano fare a meno di notare il mio uccello rosso. In effetti, anche i miei avversari sembravano non del tutto inconsapevoli [di ciò] “. Da allora in poi di solito volava su aerei dipinti di rosso, anche se non tutti erano interamente rossi, né il “rosso” era necessariamente il brillante scarlatto amato dai modellisti e repliche.

Altri membri di Jasta 11 iniziarono presto a dipingere di rosso parti dei loro aerei. La loro ragione ufficiale sembra essere stata quella di rendere il loro leader meno appariscente, per evitare che fosse individuato in una battaglia. In pratica, la colorazione rossa diventava un’identificazione unitaria. Altre unità adottarono presto i propri colori di squadrone e la decorazione dei combattenti divenne generale in tutto il Luftstreitkräfte. L’alto comando tedesco permise questa pratica (nonostante evidenti inconvenienti dal punto di vista dell’intelligence), e la propaganda tedesca ne fece gran parte riferendosi a Richthofen come Der Rote Kampfflieger – “il pilota da caccia rosso”.

Nel 1918, Richthofen era diventato una tale leggenda che si temeva che la sua morte sarebbe stata un duro colpo per il morale tedesco. Rifiutò di accettare un lavoro a terra dopo la ferita, affermando che “ogni poveretto nelle trincee deve fare il suo dovere” e che quindi avrebbe continuato a volare in combattimento. Certamente era diventato praticamente oggetto di un culto ed era visto come un eroe, culto che era ufficialmente incoraggiato. La propaganda tedesca fece circolare varie voci false, incluso il fatto che gli inglesi avevano formato squadroni appositamente per dare la caccia a Richthofen e avevano offerto grandi ricompense e una Victoria Cross automatica a qualsiasi pilota alleato che lo avesse abbattuto. Alcuni passaggi della sua corrispondenza indicano che egli stesso potrebbe aver creduto almeno a metà ad alcune di queste storie.

Ricostruzione del celebre triplano Fokker Dr.I del Barone Rosso.

Richthofen ricevette una ferita mortale subito dopo le 11:00 del 21 aprile 1918 mentre sorvolava Morlancourt Ridge vicino al fiume Somme. A quel tempo, stava inseguendo, a quota molto bassa, un Sopwith Camel pilotato dal novizio pilota canadese il tenente Wilfrid “Wop” May dello squadrone n. 209 della Royal Air Force. May aveva appena sparato contro il cugino del Barone Rosso, il tenente Wolfram von Richthofen. Vedendo suo cugino che veniva attaccato, Manfred è volato in suo soccorso e ha sparato a May, costringendolo a ritirarsi. Richthofen ha inseguito May attraverso la Somme. Il barone è stato individuato e attaccato brevemente da un aereo pilotato da un compagno di scuola e comandante di volo di May, il capitano canadese Arthur “Roy” Brown. Brown ha dovuto immergersi ripidamente ad altissima velocità per intervenire, e poi ha dovuto arrampicarsi ripidamente per evitare di toccare il suolo. Richthofen si voltò per evitare questo attacco e poi riprese la sua ricerca di May.

Fu quasi certamente durante questa fase finale della sua ricerca di May che un singolo proiettile colpì Richthofen al petto, danneggiandogli gravemente cuore e polmoni; il proiettile si ritiene abbia ucciso Richthofen in meno di un minuto. Il suo aereo si fermò ed entrò in una ripida immersione a terra, atterrando in un campo su una collina vicino alla strada Bray-Corbie, appena a nord del villaggio di Vaux-sur-Somme, in un settore difeso dall’Australian Imperial Force (AIF). L’aereo ha sobbalzato pesantemente, il carrello è collassato e il serbatoio del carburante è andato in frantumi, prima che l’aereo si fermasse. Diversi testimoni, tra cui il cannoniere George Ridgway, raggiunsero l’aereo precipitato e trovarono Richthofen già morto, e la sua faccia sbatté contro il calcio delle sue mitragliatrici, creando contusioni sul naso e sul viso. Alcuni testimoni oculari raccontarono che von Richthofen era già morto, riverso sulla cloche; altri che sopravvisse ancora alcuni minuti prima di emettere un ultimo sospiro, Kaputt, riferito al suo aeroplano. Un caccia inglese lasciò cadere sul campo-base tedesco di Cappy il seguente messaggio: “AL CORPO D’AVIAZIONE TEDESCO. Il capitano barone Manfred von Richtofen è stato ucciso in battaglia il 21 aprile 1918 e seppellito con tutti gli onori militari“. Il capitano Brown, ritenuto uno dei possibili abbattitori del Barone Rosso, non rivendicò mai ufficialmente la vittoria; recenti ricerche ne attribuiscono l’abbattimento al sergente mitragliere Cedric Popkin oppure all’artigliere Robert Buie o all’artigliere “Snowy” Evans, tutti della contraerea australiana parte della 1st AIF.

Dopo l’atterraggio di fortuna, il triplano di Richtofen fu preda dei cacciatori di souvenir.

Le sue spoglie furono ospitate nel cimitero del villaggio di Bertangles, vicino ad Amiens. Finita la guerra, nel 1919 furono traslate nel Cimitero Militare Tedesco di Fricourt, sulla Somme. Il 16 novembre 1925 il feretro del Barone Rosso attraversò il Reno e fu accolto da una folla raccolta a Kehl, gli furono tributati grandi funerali di Stato e fu seppellito insieme ai più grandi eroi tedeschi nell’Invalidenfriedhof a Berlino. Dopo la seconda guerra mondiale, questo cimitero si ritrovò nel settore Est di Berlino: allora la famiglia, temendo che la tomba non venisse più curata, chiese e ottenne, nel 1976, la traslazione delle spoglie a Wiesbaden, nella cappella di famiglia, vicino a sua madre e sua nonna.

Immagine d’apertura: foto di Manfred Von Richtofen del gennaio 1917

Bibliografia e fonti varie

  • (EN) Floyd Phillips Gibbons, The red knight of Germany, Noontide Press, 1991, ISBN 9780939482382.
  • Peter Kilduff, Il Barone Rosso, traduzione di Rosaria Contestabile, Edizioni Mondadori, 2014, ISBN 8852051589.
  • (EN) Spencer Tucker, Great military leaders, ABC CLIO, 2015, ISBN 1598847570.
  • (DE) Manfred von Richthofen, Der Rote Kampfflieger, 1917, ISBN non esistente.
  • (EN) Manfred von Richthofen, The Red Battle Flyer (Der Rote Kampfflieger), traduzione di J. Ellis Barker, 1918, ISBN non esistente.
Articolo precedenteIl golem, il risveglio