dibatittopubblicolivorno

Previsti incontri tematici, laboratori partecipativi e webinar di approfondimento rivolti a tutti i cittadini che partiranno il 14 febbraio

Livorno – Prende il via il dibattito pubblico sul progetto del nuovo ospedale di Livorno nell’area ex Pirelli, indetto dall’Autorità per la garanzia e la promozione della partecipazione della Regione Toscana ai sensi della legge regionale 46/2013.

La fase degli incontri pubblici sarà inaugurata il 14 febbraio e si concluderà nel mese di aprile. Il calendario, che prevede incontri tematicilaboratori partecipativi e webinar di approfondimento, è stato presentato questa mattina nel corso di una conferenza stampa a cui hanno partecipato il sindaco di Livorno Luca Salvetti, la direttrice generale dell’Azienda Usl Toscana Nord Ovest Maria Letizia Casani e la responsabile del dibattito pubblico Agnese Maria Bertello. Erano presenti anche il direttore dell’ospedale di Livorno Luca Carneglia e il responsabile Area Servizi tecnici dell’Azienda Usl Toscana Nord Ovest Riccardo Casula.

Obiettivo del dibattito pubblico è quello di consentire alle cittadine e ai cittadini di essere informati in maniera trasparente e completa sul progetto, promuovendo uno scambio tra loro, progettisti e promotori; discuterne le ragioni, i suoi aspetti strategici, le caratteristiche tecniche e i possibili impatti; raccogliere osservazioni, pareri, proposte utili ad arricchire la riflessione sul progetto e a migliorarlo.

Tre gli ambiti tematici che saranno affrontati. Il primo mirato a valutare come il progetto si integra con i bisogni sanitari dei cittadini e con la sanità territoriale. Il secondo riguarda l’analisi, sotto il profilo architettonico, di inserimento urbanistico del quartiere e della città, valutando anche aspetti come viabilità, mobilità dolce, accessibilità. Il terzo ambito copre l’integrazione dell’ospedale sul piano sociale con la progettualità dal basso, promossa da cittadini, associazioni, terzo settore, fondazioni, gruppi informali. A questi ambiti tematici si aggiunge un ultimo incontro, l’11 aprile, dedicato al cantiere e al monitoraggio civico dell’avanzamento del progetto.

L’incontro di lancio, mercoledì 14 febbraio alle 18 al Cisternino di Città (Largo del Cisternino, 17) sarà l’occasione per presentare alla cittadinanza le modalità di svolgimento del dibattito pubblico e offrire uno sguardo d’insieme sul progetto.

“Questo dibattito vuole andare verso i cittadini – ha spiegato Agnese Bertello – e coinvolgere nella riflessione coloro che fino a qui non sono riusciti ad esprimersi. Per questo sono stati messi a punto strumenti come i dibattiti diffusi e i dibattiti auto-organizzati, mutuati dall’esperienza da me condotta in Francia. Cercheremo dunque di andare lì dove i cittadini si trovano, oltre a invitarli nei luoghi in cui gli appuntamenti e i laboratori sono organizzati. Inviteremo i cittadini ad auto-organizzare degli incontri potendo usufruire di materiale preparato ad hoc e chiederemo loro di preparare un report strutturato secondo un format che metteremo a disposizione sul sito”.

“Il nuovo ospedale, opera fondamentale per il futuro della sanità cittadina, sarà al centro del dibattito pubblico indetto dall’Autorità regionale per la garanzia e la promozione della partecipazione a cui l’Amministrazione Comunale dà il proprio sostegno insieme all’Azienda Usl Toscana Nord Ovest – ha detto il sindaco Luca Salvetti – . Dal 2019 ad ora molte cose sono cambiate. Il nuovo ospedale sarà bello, funzionale, avrà la capacità di essere elastico e in linea con le diverse esigenze che emergeranno. Sarà inserito nel tessuto urbano, tenendo conto anche dell’importanza del verde, della mobilità e di tanti altri aspetti rilevanti legati alla vita della città”. “La scorsa settimana l’Amministrazione Comunale ha organizzato una sorta di ‘stati generali della sanità’, coinvolgendo l’Azienda Usl Toscana Nord Ovest – ha continuato Salvetti – . Durante la giornata che si è svolta in Provincia, hanno partecipato istituzioni, direttori Asl, medici, ordini professionali sanitari e tutti hanno contribuito offrendo spunti interessanti e presentando anche i progetti in cantiere. In pratica si sono tracciate le linee di lavoro per giungere alla realizzazione del nuovo ospedale della città. Naturalmente la posizione dell’Amministrazione Comunale non cambia e dovranno continuare ad essere garantite le nostre eccellenze”.

“Oggi si apre una fase importante per il nuovo ospedale di Livorno, il dibattito pubblico, l’incontro con le cittadine e i cittadini che sono i veri portatori di interesse – ha affermato Maria Letizia Casani – . La costruzione di un nuovo ospedale cambia il volto di una città, per questo ritengo che la popolazione debba essere informata e ogni dubbio sulla bontà del progetto debba essere sciolto. Sono particolarmente fiera di essere arrivata a questa giornata e di essere qui con il sindaco ad inaugurare questa fase di condivisione con tutti i livornesi. Livorno merita un ospedale che stia al passo con i tempi dal punto di vista tecnologico e di impatto ambientale e che risponda alle esigenze dei nostri bravi professionisti, che giornalmente assicurano ai cittadini una presa in carico assistenziale di qualità”.

“Guardiamo con attenzione al dibattito pubblico sul nuovo ospedale di Livorno che andrà a ridisegnare in parte l’assetto urbanistico della città e a offrire nuovi servizi. I cittadini avranno la possibilità di essere informati e potranno contribuire ad alcune scelte progettuali ancora aperte”, commenta Andrea Zanetti, componente dell’Autorità regionale per la garanzia e la promozione della partecipazione della Regione Toscana.

Gli incontri si svolgeranno di norma in orario pre-serale per favorire la partecipazione. Questo il calendario: 14, 16, 22, 23, 24, 28 febbraio; 6, 9, 14, 15, 21 marzo; 5, 6,11 aprile.

Tutti i materiali del dibattito pubblico saranno disponibili sul sito internet dedicato www.dpnuovoospedalelivorno.it. Attraverso il sito sarà possibile anche porre domande, pubblicare pareri e i report dei dibattiti auto-organizzati. Saranno aperti profili social, facebook, instagram e linkedin. Gli incontri di approfondimento saranno trasmessi in diretta streaming su facebook. I materiali saranno disponibili anche su partecipatoscana.it

La relazione conclusiva sarà presentata a luglio.