9.9 C
Firenze
05/04/2022
720x70 estra banner

Arrivo sull’Isola di Pasqua

Il 5 aprile 1722, il giorno della domenica di Pasqua, Jacob Roggeveen arriva su un isola del Pacifico che, dato il giorno in cui vi giunge, decide di chiamare Isola di Pasqua.

Nato il 1 February 1659, Jacob era figlio di Arend Roggeveen, un matematico con molte conoscenze di astronomia, geografia, retorica, filosofia e anche teoria della navigazione. Arend si occupò dello studio della mitica Terra Australis e ottenne persino un brevetto per un’escursione esplorativa, ma fu suo figlio che, all’età di 62 anni, alla fine equipaggiò tre navi e fece la spedizione.

Il 1 ° agosto 1721 Jacob Roggeveen guidò una spedizione sponsorizzata dalla Compagnia olandese delle Indie occidentali, rivali della VOC, per cercare la Terra Australis e aprire una rotta commerciale occidentale verso le “Isole delle spezie“. La sua flotta era composta da tre navi, l’Arend, la Thienhoven e l’Afrikaansche Galey e aveva 223 uomini nell’equipaggio.

Una panoramica dei monumenti dell’isola di Pasqua, Rapanui, c. 1775–1776, di William Hodges.

Roggeveen ha navigato prima verso le Isole Falkland (che ha ribattezzato “Belgia Australis”), ha attraversato lo Stretto di Le Maire e ha continuato a sud fino a oltre 60 gradi sud per entrare nell’Oceano Pacifico. È approdato vicino a Valdivia, in Cile. Ha visitato le isole Juan Fernández, dove ha trascorso dal 24 febbraio al 17 marzo. La spedizione in seguito arrivò all’Isola di Pasqua (Rapa Nui) la domenica di Pasqua, 5 aprile 1722 (dopo di che riferì di aver visto 2.000-3.000 abitanti).

La sua visita provocò la morte di circa una dozzina di isolani, compreso il tumu ivi ‘atua, e il ferimento di molti altri.

I successivi visitatori stranieri (il 15 novembre 1770) furono due navi spagnole, San Lorenzo e Santa Rosalia, al comando del capitano Don Felipe Gonzalez de Ahedo. Gli spagnoli furono stupiti dagli “idoli in piedi“, tutti di che erano eretti a quel tempo.

Quattro anni dopo, nel 1774, l’esploratore britannico James Cook visitò l’Isola di Pasqua; ha riferito che alcune statue erano state rovesciate. Attraverso l’interpretazione di Hitihiti, Cook apprese che le statue commemoravano i loro ex capi alti, inclusi i loro nomi e gradi.

Il 10 aprile 1776 l’ammiraglio francese Jean-François de Galaup, conte de Lapérouse, ancorò a Hanga Roa all’inizio di una circumnavigazione del Pacifico. Ha realizzato una mappa dettagliata della baia, inclusi i suoi punti di ancoraggio, così come una mappa più generale dell’isola, più alcune illustrazioni.

Una serie di eventi devastanti uccise o allontanò la maggior parte della popolazione negli anni 60 del 1800‘. Nel dicembre 1862, gli schiavisti peruviani colpirono. Violenti rapimenti da parte degli schiavisti continuarono per diversi mesi, fino a catturare circa 1.500 uomini e donne, metà della popolazione dell’isola. Tra quelli catturati c’erano il capo supremo dell’isola, il suo erede, e coloro che sapevano leggere e scrivere il copione rongorongo, l’unico copione polinesiano che sia stato trovato fino ad oggi, sebbene esista un dibattito sul fatto che si tratti di proto-scrittura o vera scrittura.

Quando i predoni di schiavi furono costretti a rimpatriare le persone che avevano rapito, i portatori di vaiolo sbarcarono insieme ad alcuni sopravvissuti su ciascuna delle isole. Ciò ha creato epidemie devastanti dall’Isola di Pasqua alle Isole Marchesi. La popolazione dell’isola di Pasqua è allora stata ridotta al punto in cui alcuni dei morti non sono stati nemmeno sepolti. L’emigrazione verso altre isole come Tahiti impoverì ulteriormente la popolazione, riducendola a un minimo di 111 abitanti nativi nel 1877.

Il Cile ha annesso l’Isola di Pasqua nel 1888. Nel 1966, i Rapa Nui ottennero la cittadinanza cilena. Nel 2007 l’isola ha acquisito lo status costituzionale di “territorio speciale” (spagnolo: territorio especial). Amministrativamente, appartiene alla Regione Valparaíso, che costituisce un unico comune della Provincia Isla de Pascua. Il censimento cileno del 2017 ha registrato nell’isola 7.750 persone, di cui 3.512 (45%) si consideravano Rapa Nui.

Riguardo i primi insediamenti umani sull’isola invece, non c’è consenso generale tra gli studiosi. Alcuni credono che i primi abitanti siano arrivati intorno all’800 d.C., anche se uno studio del 2007 ha rilevato che il tempo era più probabilmente il 1200 d.C. Gli abitanti hanno creato una cultura fiorente e industriosa, come dimostrano i numerosi enormi moai in pietra dell’isola e altri manufatti. Tuttavia, il disboscamento dei terreni per la coltivazione e l’introduzione del ratto polinesiano portarono a una graduale deforestazione. Al momento dell’arrivo in Europa nel 1722, la popolazione dell’isola era stimata tra 2.000 e 3.000 persone.

Immagine d’apertura: Jacob Roggeveen esamina una statua Moai, incisione del XVIII secolo.

Bibliografia e fonti varie